Battaglia di Doiran (1913)

Battaglia di Dorian
parte della seconda guerra balcanica
Doiran-1913.jpg
Una fotografia di Doiran che mostra le case distrutte dai bulgari (1913).
Data22-23 giugno 1913
LuogoLago Dojran
EsitoVittoria greca[1]
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2 brigate di fanteria2 divisioni
Perdite
Metà delle forze uccise, ferite o catturate (~2.000-4.000).8252 uccisi
755 feriti[3]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Doiran fu una battaglia della seconda guerra balcanica, combattuta tra l'esercito bulgaro e quello greco. La battaglia ebbe luogo nel giugno 1913.

Le forze armate greche, dopo la vittoria a Kilkis-Lachanas, continuarono la loro avanzata verso nord e si scontrarono con successo i bulgari al lago Doiran. L'esercito bulgaro si era ritirato nel lago, dopo aver distrutto i ponti del fiume Struma e bruciato la città di Serres.[4] Come risultato della loro successiva sconfitta, le forze bulgare si ritirarono più a nord.

BattagliaModifica

Il lago Doiran era all'ala destra della linea di difesa bulgara. Il 2° esercito bulgaro era responsabile della difesa di questo settore.[5] L'artiglieria bulgara ebbe successo per qualche tempo contro l'attacco greco. Quando gli Evzone catturarono la stazione ferroviaria di Doiran, temendo di essere accerchiati, si ritirarono più a nord.[1] Seguendo gli ordini del re Costantino, l'esercito greco catturò Gevgelija, Meleniko, Petrich e avanzò nel territorio bulgaro con l'obiettivo di catturare Sofia.

Un'altra parte dell'esercito greco marciò verso est per catturare Drama e la Tracia occidentale, mentre le navi della marina greca con un'operazione anfibia sbarcarono a Kavala.

 
Il primo ministro greco Eleftherios Venizelos alla stazione di Doiran (1913).

NoteModifica

  1. ^ a b (EL) Μάχη της Δοϊράνης: Η συντριπτική και θριαμβευτική ελληνική νίκη κατά των Βουλγάρων, su OnAlert, 23 giugno 2021. URL consultato il 23 agosto 2021.
  2. ^ Hellenic Army 1998, Table 6.
  3. ^ Hellenic Army 1998, paragraph 291.
  4. ^ Η μάχη της Δοιράνης
  5. ^ W. H. Crawfurd Price 2008, pages 307–309.

BibliografiaModifica