Beaulieu (azienda)

azienda francese di apparecchiature cinematografiche
Beaulieu
Logo
BeaulieuLogo.jpg
StatoFrancia Francia
Fondazione1951 a Romorantin-Lanthenay
Fondata daMarcel Beaulieu
Sede principaleRomorantin-Lanthenay
ProdottiApparecchiature cinematografiche, stabilizzatori di immagine e prodotti multimediali
Sito webwww.beaulieu-images.com

Beaulieu (attualmente Beaulieu-Images) è un'azienda francese, che produceva cineprese e proiettori destinate ai formati 8 mm, Super 8 mm, 16 mm e Super 16 mm. Attualmente produce stabilizzatori di immagine, proiettori d'immagine di grande formato e altri prodotti multimediali.

StoriaModifica

 
Beaulieu R16

La società fu creata nel 1951 da Marcel Beaulieu (1908-1985). La prima cinepresa fu la M16, per il formato 16 mm e con un solo obiettivo, prodotta nel 1951, seguita l'anno successivo dalla T16, con una torretta che consentiva di utilizzare due obiettivi.

Nel 1955 uscì la M8, per il formato 8 mm, seguita dalla T8, con torretta e due obiettivi. Le prime reflex furono la R16, nel 1956, con torretta e tre obiettivi, e la MR8, nel 1958, seguita dalla TR8, con torretta e tre obiettivi.

Negli anni sessanta comparvero gli obiettivi zoom, la regolazione del diaframma divenne automatica e i motori di trascinamento divennero elettrici.

Dopo l'introduzione, da parte della Kodak, del formato Super 8, nel 1965 venne presentata l'avanzatissima[1] S 2008, mentre cessò la produzione degli apparecchi 8 mm. Nel 1966, con la CRE 16 Sync., fu introdotto il sonoro sincronizzato, mentre la 4008 ZM, nel 1969, consentiva riprese "macro".

Negli anni ottanta vennero realizzati alcuni prototipi di videocamera, cui seguì la produzione dei modelli BV8 del 1988, in formato Video8, e 8008 Pro Hi del 1990, in formato Video Hi8.

Successivamente fu abbandonata la produzione di cineprese e videocamere, per realizzare proiettori di grande formato, stabilizzatori e prodotti multimediali[2].

NoteModifica

  1. ^ Walter Franceschi - 2008 S - Cineprese, su walterfranceschi.it. URL consultato il 23 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  2. ^ Dal sito ufficiale, su beaulieu-images.com. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).

BibliografiaModifica

  • Walter Franceschi, La collezione Franceschi e la saga Beaulieu

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema