Apri il menu principale

Bertuccio Bagarotto (... – Venezia, 1511) è stato un diplomatico italiano, al servizio della Repubblica di Venezia.

BiografiaModifica

Dopo la disfatta di Venezia nella battaglia di Agnadello e in seguito alla caduta di Padova sotto gli Imperiali di Massimiliano I d'Asburgo, Bagarotto accetta da questi la carica di "Deputato ad utilia" pensando in questo modo di riuscire in qualche maniera a tutelare gli interessi della Repubblica Veneziana, ma questa mossa fu dalla repubblica veneta mal interpretata.

Nella notte fra il 16 e il 17 luglio le truppe veneziane riconquistarono Padova: il provveditore Andrea Gritti arrestò Bagarotto con l'accusa di alto tradimento e lo portò in catene a Venezia, dove fu condannato a morte e giustiziato per impiccagione il 1º dicembre di quello stesso 1509 assieme ad altri tre notabili padovani: Alberto Trapolin, Lodovico Conte e Giacomo da Lion.

Negli anni a seguire l'innocenza di Bagarotto fu ampiamente dimostrata e Venezia cercò la conciliazione con la città di Padova per questo errore giudiziario attraverso matrimoni di interesse, vedi Nicolò Aurelio convolato a nozze con Laura Bagarotto (figlia di Bertuccio) e celebrato questo evento nel quadro del Tiziano Amor Sacro e Amor Profano e in opere architettoniche come la Corte Lando una serie di 12 costruzioni abitative ad uso popolare realizzata su ordine testamentario di Marco Lando a Padova con i soldi provenienti dalla vendita dei terreni sequestrati a Bertuccio Bagarotto.

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie