Apri il menu principale
Bistefani Gruppo Dolciario S.p.A.
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1955 a Casale Monferrato (AL)
Fondata daLuigi Viale
Sede principaleCastel d'Azzano (VR)
GruppoBauli
SettoreAlimentare
Prodottikrumiri e merendine
Slogan«beato chi li mangia - la bontà ha la sua forma»
Sito web

La Bistefani S.p.A., oggi Bistefani Gruppo Dolciario S.p.A. è una delle più importanti industrie alimentari del ramo dolciario italiane, fondata nel 1955 a Casale Monferrato da Luigi Viale[1]. Dal 2013 fa parte del gruppo Bauli.

StoriaModifica

La Bistefani è nata grazie a Luigi Viale a Casale Monferrato in Provincia di Alessandria nel 1955 con il nome di Biscottificio Santo Stefano, poi contratto in Bistefano e poco dopo in Bistefani. Iniziò a produrre i krumiri, poi pastefrolle, baci di dama, canestrelli, "offelle".

Nel 2002 la Bistefani ha acquisito la Nuova Forneria S.p.A., società nata nel 1990 dalla parziale privatizzazione del settore dolciario del gruppo SME a cui erano state conferite le attività del settore dei prodotti da forno a consumo continuativo (ossia le vecchie "Merendine Motta") e del cui capitale facevano parte il Gruppo Barilla e Ferrero per il 49% delle quote.

La società era stata rivenduta poi nel 1995 alla società "Parfin Holding", facente capo all'imprenditore Armando Cecchetti, già proprietario dei supermercati SIDIS.

Nel 2006 le due società si sono fuse formando il Gruppo Buondì Bistefani S.p.A., oggi Bistefani Gruppo Dolciario S.p.A.

Il 9 febbraio 2013 viene annunciata l'acquisizione dell'azienda da parte del gruppo Bauli.[2][3]

Il 14 marzo 2016 viene annunciata, dall'A.D. di Bauli, la chiusura dello stabilimento Bistefani di Casale Monferrato e il trasferimento delle linee produttive a Verona.[4]

Campagne pubblicitarie famoseModifica

Sono rimaste particolarmente famose le campagne pubblicitarie natalizie che negli anni 80 e 90 vedevano come protagonisti un burbero proprietario d'azienda che redarguiva il suo capo pasticcere per fare dolci troppo buoni e genuini rispetto al prezzo di vendita. Gli interpreti dello spot erano Renzo Rinaldi nel ruolo del burbero proprietario d'azienda (il "signor Bistefani") e Stefano Gragnani nel ruolo del pasticcere un po' sbadato. Gli spot terminavano con il signor Bistefani che, inviperito, pronunciava la frase "E chi sono io, Babbo Natale?" dopodiché comparivano dal nulla sul suo volto la barba bianca e il berretto rosso.[5]

MarchiModifica

NoteModifica

  1. ^ La storia, su bistefani.it. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2016).
  2. ^ Alimentare: Bistefani passa alla Bauli, su ANSA.it. URL consultato il 26 giugno 2014.
  3. ^ Bauli acquista i krumiri Bistefani, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 26 giugno 2014.
  4. ^ La Bauli chiude lo stabilimento della Bistefani, su lastampa.it, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2017).
  5. ^ Luca82, Un Natale anni 80 con gli spot BISTEFANI, su I favolosi anni 80, martedì 23 dicembre 2008. URL consultato il 15 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica