Apri il menu principale

Blefarocalasi

rilassamento anormale della cute della palpebra superiore associata a una perdita della sua tonicità (detta lassità)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per blefarocalasi, in campo medico-oculistico, si intende un rilassamento anormale della cute della palpebra superiore associata a una perdita della sua tonicità (detta lassità). Ciò può provocare fastidi visivi alla persona, fino ad arrivare alla copertura della pupilla, riducendo il campo visivo. La sua gravità può variare, ma soltanto le forme più gravi necessitano di trattamento; viceversa, quelle più lievi comportano solo problemi di carattere estetico.

EpidemiologiaModifica

Principalmente riguarda persone di entrambi i sessi di età avanzata, tra 45 e 85 anni.

EziologiaModifica

La causa è da attribuirsi a un'atrofia tissutale legata all'invecchiamento.

BibliografiaModifica

  • Marco Peduzzi, Manuale d’oculistica terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2004, ISBN 978-88-386-2389-9.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina