Apri il menu principale
Bob Black

Bob Black, pseudonimo di Robert Charles Black Junior (Detroit, 4 gennaio 1951), è un avvocato e scrittore statunitense, di ispirazione anarchica.

Ha scritto The Abolition of Work and Other Essays (Il Rifiuto del Lavoro), Beneath the Underground, Friendly Fire, Anarchy After Leftism e numerosi altri saggi politici.

All'inizio degli anni settanta Bob Black fu uno dei primi a sviluppare le idee chiamate Post-left anarchy. Il suo stile letterario è diretto e il suo pensiero è indirizzato contro molte delle "vacche sacre" della "sinistra".

Insoddisfatto dell'ideologia socialista, e dopo aver scoperto l'anarchismo, Black ha speso gran parte della sua energia analizzando le tendenze autoritarie all'interno di gruppi apparentemente "anti-autoritari" .

La sua opera principale, Il rifiuto del lavoro[1], individua nell'industrialesimo la causa dell'instaurarsi di relazioni "sempre" gerarchiche (tesi ripresa da Noam Chomsky trent'anni dopo). Bob Black focalizza una reciprocità, una mutualità tra capitalismo e comunismo, che ha trovato in seguito una conferma nel simultaneo declino della "fabbrica" a favore dei "compound", e delle ideologie a favore dei movimenti.

"Tempo libero" è un eufemismo per chi intende il lavoro come un mero fattore di produzione. Infatti, in una logica "industriale" non solo trasporti te stesso da o verso il luogo di lavoro a tue spese, ma ti assumi anche la responsabilità primaria per la tua manutenzione e riparazione.

Per via delle critiche da lui avanzate dal suo punto di vista Post-left anarchy, e di diversi controversi incidenti, in alcuni dei quali è accertata la sua collaborazione con le forze dell'ordine a danni di altre persone (in particolare nel caso che portò all'arresto dello scrittore Jim Hogshire e la moglie), Bob Black è considerato sospetto da parte del movimento anarchico americano. [2] [3] [4]

Bob Black lavora come avvocato per il diritto civile e vive a San Francisco.

NoteModifica

  1. ^ L'abolizione del lavoro, Torino, Nautilus, 1992.
  2. ^ Vedi Chaz Bufe: Listen Anarchist!. 1987, con nuova introduzione di Janet Biehl, See Sharpe Press, 2000. Testo online. http://www.seesharppress.com/listen.html
  3. ^ Bill Brown (2011). Not Bored! Anthology 1983-2010. Lulu.com. pp. 100–. http://books.google.com/books?id=1wQlAgAAQBAJ&pg=PA100
  4. ^ Lettera di Bob Black alla polizia di Seattle: http://www.seesharppress.com/black.html

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66301569 · ISNI (EN0000 0001 2101 9614 · LCCN (ENno2008189595 · BNF (FRcb131838083 (data) · WorldCat Identities (ENno2008-189595
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie