Apri il menu principale

Wendelin Boeheim

militare e storico austriaco
(Reindirizzamento da Boeheim, Wendelin)
Wendelin Boeheim (ca.1890)

Wendelin Boeheim (Wiener Neustadt, 17 settembre 1832Vienna, 1º novembre 1900) è stato un militare e storico austriaco, ufficiale dell'Imperial regio Esercito austro-ungarico ed autore del famoso ''Handbuch der Waffenkunde. Das Waffenwesen in seiner historischen Entwicklung vom Beginn des Mittelalters bis zum Ende des 18 Jahrhunders, testo fondamentale per lo studio iconografico delle armi medievali e rinascimentali europee, edito a Lipsia nel 1890.

Indice

BiografiaModifica

Wendelin Boeheim ha insegnato dal 1859 al 1869 all'Accademia Militare Maria Teresiana. Nel 1878 diventa responsabile della conservazione della collezione delle armi imperiali e partecipa alla fondazione del museo delle Belle Arti e del Museo di storia militare di Vienna.

Nel 1897 fonda l'attuale rivista Waffen und Kostümkunde con il nome di "Zeitschrift für historische Waffenkunde".

Il suo manuale "Handbuch der Waffenkunde", pubblicato nel 1890 è considerato un'opera scientifica di riferimento nel campo dell'armamento medievale. Meno conosciute sono i suoi trattati sulla moda medievale o sulle biografie.[senza fonte] Altre pubblicazioni sono apparse nel "Jahrbücher der Kunsthistorischen Sammlung"[1].

Dal 1961, una via del 23º distretto di Vienna, Liesing, porta il suo nome (la Böheimgasse).

ScrittiModifica

  • Handbuch der Waffenkunde. Das Waffenwesen in seiner historischen Entwicklung vom Beginn des Mittelalters bis zum Ende des 18 Jahrhunders, Lipsia 1890;
  • Die Zeugbücher des Kaisers Maximilian I. 1892;
  • Meister der Waffenschmiedekunst vom 14. bis ins 18. Jahrhundert, Berlino, 1897;

NoteModifica

  1. ^ Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen des Allerhöchsten Kaiserhauses (a partire dal 1883), depuis 1926 Jahrbuchs der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien Regesta Imperii (Mainz) et ZDB-Nachweis[collegamento interrotto]

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47508161 · ISNI (EN0000 0001 0969 0931 · LCCN (ENno99042882 · GND (DE116217936 · WorldCat Identities (ENno99-042882