Bruttezza

Riferita a persona, cosa, animale o altra entità, la bruttezza (in opposizione alla bellezza) è la caratteristica di produrre un'impressione spiacevole, per difetti, mancato rispetto di adeguate proporzioni, o altre ragioni.[1]

La Duchessa brutta (dipinto da Quentin Matsys intorno al 1513)

Bruttezza fisicaModifica

PsicopatologiaModifica

Consistente nella preoccupazione patologica derivante dalla percezione di propri difetti estetici, immaginari o fortemente esagerati, la dismorfofobia causa, per poter essere diagnosticata, un significativo stress emotivo, o una forte menomazione del funzionamento sociale, occupazionale o di altre importanti aree del soggetto colpito.[2]

Bruttezza fisica nell'arteModifica

Citando come esempi i disegni grotteschi di Leonardo da Vinci, nell'arte viene rappresentata la bruttezza come critica e satira sociale o politica, ma anche contro gli stessi canoni di bellezza.[3]

NoteModifica

  1. ^ Brutto, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  2. ^ Body Dysmorphic Disorder (PDF), su veale.co.uk. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  3. ^   Arte e anatomia - L'apprato muscolo-scheletrico - La bruttezza, Arte e anatomia. URL consultato il 24 ottobre 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85139310 · GND (DE4128301-6