Camera a scintilla

Una camera a scintilla è un particolare tipo di rilevatore di particelle utilizzato in fisica che sfrutta la ionizzazione di un gas per rilevare il passaggio di particelle che la attraversa.

Questo dispositivo è stato ormai soppiantato da rilevatori con maggiore risoluzione (es. Camera a bolle) ma ha permesso di comprendere meglio la natura dei raggi cosmici.

Viene utilizzata in particolare per i raggi cosmici, in quanto grazie alla sovrapposizione degli elettrodi è possibile scoprire la traiettoria di tale particella.

FunzionamentoModifica

Le camere a scintilla sfruttano la ionizzazione temporanea di un gas che rende possibile il passaggio di corrente attraverso gli elettrodi a diverso potenziale permettendo quindi la visione dell'arco o il rilevamento attraverso dei rivelatori di luce visibile (fotomoltiplicatore).

Inoltre spesso è abbinata a 2 rilevatori a scintillazione (uno in alto e uno in basso) per escudere particelle che potrebbero produrre false ionizzazioni, in questo modo grazie ai rilevatori è possibile dare corrente agli elettrodi solo nel momento in cui gli scintillatori rilevano un raggio cosmico che tutti e due i rilevatori.

 
Camera a scintille presente ai Lawrence Berkeley National Laboratory

La camera è costituita da una serie di elettrodi (moduli) equidistanti tra loro ai quale viene applicata una differenza di potenziale sufficiente ad ottenere un arco voltaico che attraversi il gas ionizzato, infatti appena la particella attraversa la materia tra gli elettrodi la ionizza e consente il passaggio di elettroni che andrà a ionizzare altra materia provocando un effetto valanga che andrà a creare un passaggio temporaneo per la corrente.

Tali camere sono spesso schermate dalle interferenze circostanti attraverso gabbie di Faraday per evitare disturbi di natura elettrica.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica