Apri il menu principale
Pontormo, Giuseppe in Egitto, dettaglio

La Camera nuziale Borgherini era un ciclo di pitture un tempo presenti in Palazzo Borgherini a Firenze.

Indice

StoriaModifica

Salvi Borgherini, dal 1515 al 1520 circa, aveva commissionato a un team di giovani pittori la decorazione della camera nuziale per suo figlio Pierfrancesco in occasione delle nozze con Margherita Acciaiuoli, avvenute nel 1515. Vari pannelli decoravano la testata del letto, i cassoni e le spalliere con Storie di Giuseppe ebreo ed erano ad opera di Pontormo, Andrea del Sarto, Francesco Granacci e il Bacchiacca.

I primi a lavorarci furono il Pontormo e il Granacci, seguiti da Andrea del Sarto e, probabilmente, dal Bacchiacca.

Il risultato era così straordinario che nel 1529 la Signoria voleva farne dono a Francesco I di Francia. Si conosce la risposta che Margherita Acciaiuoli inviò seccatissima all'incaricato, Giovanni Battista Della Palla: «vilissimo rigattiere, mercantuzzo da quattro denari, questo letto che tu vai cercando [...] è il letto delle mie nozze per onor delle quali Salvi mio suocero fece tutto questo magnifico apparato...». Egli infatti, dopo l'assedio di Firenze, approfittando dell'esilio del Borgherini a Lucca, aveva provato a farle scassare dal mobilio, ma desistette.

Gli eredi della coppia però non ressero molto alle richieste e alle lusinghe, fu così che nel 1584 Francesco I de' Medici ottenne le tavole di Andrea del Sarto e di Granacci, che sono agli Uffizi e alla Galleria Palatina, mentre le altre andarono disperse tra collezioni fiorentine e romane e si trovano oggi divise tra la National Gallery di Londra e la Galleria Borghese di Roma.

DescrizioneModifica

La camera era stata disegnata da Baccio d'Agnolo ed era probabilmente un complesso di architettura lignea che comprendeva vario mobilio, rallegrato dai pannelli dipinti, tutti a olio su tavola. Vasari elencò "spalliere, cassoni, sederi e letto di noce", tutti "pieni di putti intagliati con somma diligenza" e decorati dalle pitture.

Il tema, in generale, era quello della prefigurazione della vita di Cristo e dell'esaltazione della Divina Provvidenza, nonché delle virtù cristiane.

Elenco dei pannelli[1]
Img Autore Soggetto Genesi cm Elemento Stato Città Museo
  Andrea del Sarto Storie dell'infanzia di Giuseppe 37 98x135 cassone a lato del letto   Italia Firenze Galleria Palatina
  Bacchiacca Giuseppe venduto dai fratelli 37, 28 26x19 spalliera o cassone   Italia Roma Galleria Borghese
  Agnolo di Domenico del Mazziere (attr.) Giacobbe riceve la presunta notizia della morte di Giuseppe 37, 32-34 75x170 spalliera o cassone   Italia Roma Galleria Borghese
  Pontormo Giuseppe venduto a Putifarre 39, 1 58x50 cassone   Regno Unito Londra National Gallery
  Francesco Granacci Cattura di Giuseppe 39, 12-20 95,7x130,5 cassapanca con braccioli   Italia Firenze Galleria degli Uffizi
  Pontormo Supplizio del fornaio 40 58x50 cassone   Regno Unito Londra National Gallery
  Andrea del Sarto Giuseppe interpreta i sogni del faraone 41 98x135 cassone a lato del letto   Italia Firenze Galleria Palatina
  Pontormo Giuseppe riceve richieste d'aiuto dai fratelli 42, 1-8 o 45, 4 35x142   Regno Unito Londra National Gallery
  Bacchiacca Arresto dei fratelli di Giuseppe 42, 15-17 26x19 spalliera o cassone   Italia Roma Galleria Borghese
  Bacchiacca Giuseppe riceve i fratelli 43 36,2x142,2 spalliera o cassone   Regno Unito Londra National Gallery
  Bacchiacca Ricerca della coppa rubata 44, 6 26x19 spalliera o cassone   Italia Roma Galleria Borghese
  Bacchiacca Ritrovamento della coppa rubata nel sacco di Beniamino 44, 12 26x19 spalliera o cassone   Italia Roma Galleria Borghese
  Bacchiacca Giuseppe perdona i fratelli 44-45 36,2x141,6 spalliera o cassone   Regno Unito Londra National Gallery
  Francesco Granacci Giuseppe presenta il padre e i fratelli al faraone 47, 7 95x224 testata del letto   Italia Firenze Galleria degli Uffizi
  Pontormo Giuseppe in Egitto 47, 13 e 48 93x110 cassone   Regno Unito Londra National Gallery

NoteModifica

  1. ^ La dimensione delle immagini riflette, in scala, quella dei pannelli. Diversi registri dimensionali dovevano corrispondere a diversi elementi decorativi

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura