Canace

personaggio della mitologia greca, figlia di Eolo

Canace (in greco antico: Κανάκη, Kanákē) è un personaggio della mitologia greca.

Canace
BnF Français 874 fol. 40r.jpg
Canace
Nome orig.Κανάκη
Caratteristiche immaginarie
Specieumana
SessoFemmina

GenealogiaModifica

Esistono due differenti tradizioni su Canace, tanto da far ritenere che possa trattarsi di due personaggi distinti: Secondo Esiodo e Apollodoro, Canace era la figlia di Eolo, (il re di Tessaglia) e di Enarete[1][2], e fu amata da Poseidone[3], che la rese madre di Aloeo, Epopeo, Opleo, Nireo e Triopa[4].

Secondo autori successivi come Ovidio e Igino, Canace fu figlia di un altro Eolo, il figlio di Poseidone e re delle Isole Eolie, e di sua moglie Anfitea. Questa Canace ebbe un rapporto incestuoso con il fratello Macareo e divenne madre di Anfissa.[5]. Il mito prevalente su Canace riguarda questa seconda figura.

MitologiaModifica

Fu costretta dal padre a uccidersi come punizione per essersi innamorata di suo fratello Macareo (re di Tirrenia), da cui ebbe un figlio. Per quanto avesse nascosto la nascita del bimbo al padre, fu un vagito del piccolo a insospettirlo e a determinarne la punizione.[6] Il padre fece consegnare una spada alla figlia, affinché si uccidesse. Macareo, invece, fuggì a Delfi, dove fu fatto sacerdote di Apollo.[2]

La storia è raccontata da Ovidio nelle Eroidi[6], dove Ovidio scrive anche di un bambino che fu fatto a pezzi da bestie feroci dopo essere stato esposto dal padre dei due amanti (Eolo)[6].

Sperone Speroni, esponente più estremo del classicismo padovano cinquecentesco, scrisse la tragedia Canace secondo i dettami della Poetica aristotelica. L'opera fu letta presso la patavina Accademia degli Infiammati nel 1542.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Pseudo-Apollodoro, Biblioteca libro I.7.3 su theoi.com
  2. ^ a b F. S. Villarosa, Dizionario mitologico-storico-poetico, vol. I, Napoli, Tipografia Nicola Vanspandoch e C., 1841, p. 74.
  3. ^ Callimaco, Inno a Demetra 99
  4. ^ (EN) Pseudo-Apollodoro, Biblioteca libro I.7.4 su theoi.com
  5. ^ Ovidio, Heroides 11.63 ff
  6. ^ a b c (EN) Ovidio, Eroidi, 11 su theoi.com

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca