Capezzone

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il politico, vedi Daniele Capezzone.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima montagna delle Alpi Pennine, vedi Monte Capezzone.

Il capezzone è un finimento per il Cavallo.

Caratteristiche e utilizzoModifica

 
Capezzone

Si tratta di un attrezzo usato per il lavoro alla corda, tecnica per l'addestramento del cavallo propedeutica e integrativa al lavoro montato. È applicato alla testa del cavallo e ne consente il controllo senza usare una pressione sulla sua bocca, come fa una normale testiera. Il capezzone consiste in una capezza molto robusta e imbottita, con anelli metallici[1] per collegarlo a una corda lunga; il capezzone va fissato molto fermamente, per impedire che scivoli sugli occhi del cavallo. L'anello per collegarlo alla corda lunga è situato generalmente al centro della parte superiore della nasiera.

Un capezzone può anche essere usato con una testiera a filetto. In questo caso, il capezzone dev'essere indossato sopra la testiera, con la nasiera sotto i suoi montanti; questi ultimi dovrebbero essere allungati, per mantenere al corretta posizione del filetto. Dovrebbe anche essere rimossa la capezzina della testiera.

NoteModifica

  1. ^ Vita in campagna Edizioni 1-6, Informatore Agrario, 1988. URL consultato l'8 settembre 2018.

Voci correlateModifica