La carrucola è una macchina semplice adatta al sollevamento di carichi. In marina viene chiamata bozzello.

Indice

Tipi di carrucoleModifica

Carrucola fissaModifica

La carrucola fissa si può considerare come una leva a cui sono applicate la forza traente F e il carico m. Essa è conosciuta anche come macchina di Atwood.

Nella carrucola fissa l'asse della puleggia è fisso, e la ruota ha una sola funzione cioè quella di deviare la forza applicata ad un'estremità della fune. Il vantaggio meccanico, se fosse nullo l'attrito nei perni e nella rigidità della fune, sarebbe pari ad uno (F = m).

In pratica il rapporto F/m è invece sempre superiore a 1 e deriva dal rendimento della carrucola (che è sempre minore di uno) e cioè:

 

dove:

ηc è il reciproco del rendimento della carrucola
(1 + 2μp d / D) è il reciproco del rendimento del perno (coppia rotoidale)
μ = coefficiente d'attrito della fune
μp è il coefficiente d'attrito del perno
D = diametro della carrucola
d = diametro del perno
D e d, nel dimensionare la carrucola dipendono da df, il diametro della fune, perciò in pratica ηc si fa dipendere da df.

È una leva di primo genere.

MobileModifica

In questa categoria rientrano le carrucole nelle quali l'asse della puleggia è mobile solidalmente con il carico sollevato. È una leva di 2° genere.

Carrucola compostaModifica

Una carrucola composta è un insieme di due o più carrucole fisse e mobili

   

I sistemi di carrucole multiple sono anche detti paranchi.

 

Questa macchina semplice è usata fin dai tempi antichi per amplificare enormemente la forza umana, per sollevare elementi architettonici, colonne, obelischi, trascinare blocchi di marmo, tirare navi in secca ecc...

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica