Castello di Guédelon

museo in Francia
Castello di Guédelon
Château de Guédelon
Château de Guédelon (août 2012).jpg
Il Castello di Guédelon nell'agosto 2012.
Ubicazione
Stato attualeFrancia Francia
RegioneBorgogna
CittàTreigny
Coordinate47°35′01″N 3°09′20″E / 47.583611°N 3.155556°E47.583611; 3.155556Coordinate: 47°35′01″N 3°09′20″E / 47.583611°N 3.155556°E47.583611; 3.155556
Mappa di localizzazione: Francia
Castello di Guédelon
Informazioni generali
TipoCastello
Costruzione1997-Data prevista 2023
CostruttoreJacques Moulin (architetto)
MaterialeMateriali tipici medievali: Legno, Pietra, Calce,...
Condizione attualeIn costruzione
Proprietario attualeMichel Guyot
Visitabile
Sito webhttp://www.guedelon.fr/en www.guedelon.fr/ www.guedelon.fr/en
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Guédelon è un cantiere situato in Francia, vicino a Treigny, per la costruzione di un castello medievale iniziato nel 1997. Il progetto verrà completato utilizzando solo le tecniche e i materiali del XIII secolo, al fine di indagare a fondo la tecnologia utilizzata nel passato, mentre tutti i materiali da costruzione sono ottenuti a livello locale. Il capo architetto è Jacques Moulin, che ha progettato il castello secondo il modello architettonico sviluppatosi in Francia durante il XII e XIII. La realizzazione del castello prevede anche la costruzione di altri edifici tipici della società medievale quali la cappella, il villaggio, le officine e così via. La conclusione della fortezza è prevista per il 2023.

ConcettoModifica

L'idea di costruire un castello partendo da zero è venuta a Michel Guyot mentre stava restaurando il suo castello di Saint-Fargeau. L'idea si è evoluta fino a diventare un progetto articolato e focalizzato sui seguenti aspetti:

  • Turismo: il sito di costruzione può essere visitato ed è presente un ristorante medievale per accogliere i turisti. Il sito è oggi una meta turistica importante tanto da costituire la maggior attrazione in Yonne, con più di 300 000 visitatori nel 2010.
  • Educazione: il progetto è aperto e adattato ai gruppi e alle scolaresche. In questo modo è possibile conoscere le condizioni di lavoro e le differenti professioni del medioevo.
  • Scienza e conoscenza: il team di progetto usa e testa le conoscenze degli scienziati e storici in tecniche di costruzione medievali.
  • Occupazione: il progetto ha creato 45 lavori e attirato 200 volontari, assumendo giovani in difficoltà ed aiutandoli con la formazione professionale sul campo. Per esempio alcuni di loro hanno ottenuto la certificazione di scalpellino.
  • Commemorazione: il progetto può essere visto come un memoriale che realizza il sogno di colmare il divario epistemologico tra il presente e il passato.

IntentoModifica

L'Archeologia sperimentale si avvale di un approccio pratico per riscoprire le tecniche dimenticate, senza affidarsi esclusivamente ai modelli, ipotesi e teorie perché ciò può originare errori di interpretazione. Per capire come utilizzare uno strumento o come creare un oggetto, diventa necessaria una riproduzione reale. Per il medioevo questo approccio era limitato a oggetti isolati, funzioni specifiche, sequenze limitate. L'intento del castello di Guédelon è di generare un esperimento del tutto nuovo: l'analisi del cantiere in azione come un unico grande progetto per convalidare o rettificare le ipotesi sulle costruzioni medievali.

Il supporto scientifico e le attrezzatureModifica

La squadra di progetto comprende:

  • Michel Guyot, iniziatore del progetto;
  • Maryline Martin, direttore del cantiere;
  • Jacques Moulin, capo architetto dei monumenti storici;
  • Florian Renucci supervisore.

Un comitato scientifico permanente composto da storici medievali e archeologi è addetto alla stesura di un programma annuale dei lavori. Sono spesso organizzati dei congressi a cui vengono invitati altri ricercatori per rispondere a domande circa l'attuazione del progetto e il progresso dei lavori nei siti medievali. Questi incontri portano alla pubblicazione di opere su temi specifici. Il comitato scientifico comprende, oltre a Jacques Moulin:

  • Anne Baud, dottore di ricerca in Archeologia Medievale, docente presso l'Università di Lione II;
  • Nicolas Reveyron, storico dell'arte, docente presso l'Università di Lione II;
  • Corvisier cristiano, storico dell'architettura;
  • Frédéric Epaud, archeologo, specialista del legno specializzato in strutture medievali.

L'evoluzione dei lavoriModifica

 
Piano terra
  • 1997

Dopo aver concluso il progetto, è stato scelto il sito per il cantiere in base alla disponibilità di materiali da costruzione: una cava di pietra abbandonata in una foresta di grandi dimensioni, con uno stagno non molto distante. La vegetazione viene rimossa per poter definire il perimetro della nuova costruzione.

  • 1998

Il cortile è stato delimitato dalle prime pareti alte un metro.

  • 1999

La torre della cappella comincia a prendere forma con la costruzione della cupola della cisterna d'acqua nel seminterrato della torre. Le mura ad ovest raggiungono l'altezza di 3 metri.

  • 2000

Prendono il via i lavori della sala delle guardie al piano terra della torre cappella, ha inizio la costruzione della volta a crociera e dei primi 3 gradini della scala a chiocciola. Inoltre il pilastro del ponte fisso in pietra viene completato.

  • 2001

Viene completata la cisterna d'acqua nel seminterrato della torre cappella assieme alla seconda cisterna, nella cantina della torre principale. Nel cortile viene messo in posizione l'enorme cordolo monolitico di pietra del pozzo. I Piloni del ponte fisso e il manto stradale sono completati.

  • 2002

La volta a crociera della torre della cappella è ora completa e sono aggiunti 24 scalini alla scala a chiocciola. Le mura arrivarono all'altezza di tre metri mentre iniziano i lavori per il cancello della fortezza.

  • 2003

I falegnami costruiscono due "gabbie dello scoiattolo" per le gru e nella foresta viene completata la capanna del tintore.

  • 2004

Nel cortile, i lavori per la loggia dei signori prendono il via. Al piano terra si trovano la cucina, che verrà in seguito dotata di un forno per il pane, e un grande magazzino, che servirà come dispensa. Inoltre vengono costruiti i primi scalini delle scale esterne che portano al primo piano. L'ingresso alla torre principale è costruito e vengono innalzati i muri. I boscaioli e falegnami costruiscono due laboratori: la fucina e la fabbrica di piastrelle.

  • 2005

Le pareti della loggia dei signori sono alte 2 metri e viene completato il camino della cucina, mentre la torre principale raggiunge i 10 metri di altezza.

  • 2006

Il piano terra della loggia dei signori è completo all'altezza di 4,20 metri, vengono disposte gli arcarecci per il pavimento del primo piano mentre la scalinata esterna è completata.

  • 2007

Viene collegata la torre principale alla loggia mentre i lavori in generale avanzano.

  • 2008

I lavori avanzano e vengono completate le mura a nord con le merlature e il cammino di ronda. Grandi progressi sono fatti all'interno della loggia.

  • 2009

Viene imbastito il tetto della loggia che ora è completa di camini, decorazioni e piastrelle. Il muro est comincia ad alzarsi.

  • 2010

La torre principale viene preparata per la costruzione della volta mentre cominciano le decorazioni. Il tetto della loggia viene completato con le tegole. Il muro est raggiunge i 5 metri.

Immagini del cantiereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Thomas Bitterli-Waldvogel: Guédelon. Bau einer Burg im 21. Jahrhundert. In: Burgen und Schlösser. Zeitschrift für Burgenforschung und Denkmalpflege. Heft 4, 2006. Braubach, Europäisches Burgeninstitut.
  • Philippe Minard und François Folcher: Guédelon: Des hommes fous, un château fort. Paris: Aubanel, 2003.
  • Richard Utz: "'There Are Places I Remember:' Situating the Medieval Past in Postmedieval Memory." Transfiguration: Nordic Journal of Christianity and the Arts 6.2 (2007), 89-108.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN145763203 · BNF (FRcb14645679q (data) · WorldCat Identities (ENviaf-145763203