Schema di un catodo in rame in una pila.

Nei sistemi elettrochimici, il càtodo (dal greco κάθοδος, discesa[1]) è l'elettrodo sul quale avviene una semireazione di riduzione[2][3][4].

  • Nel caso di una pila o di una cella galvanica, la riduzione avviene spontaneamente e consuma elettroni, quindi il catodo è il polo positivo[5].
  • Nel caso di una cella elettrolitica, la riduzione viene forzata somministrando elettroni, quindi il catodo è il polo negativo[5].

Nei dispositivi elettronici il catodo è il polo negativo.

Tale termine fu coniato nel 1834 dal fisico Michael Faraday[1].

Indice

NoteModifica

  1. ^ a b càtodo in Vocabolario - Treccani, su Treccani.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  2. ^ IUPAC Gold Book
  3. ^ Zoski, p. 7
  4. ^ Plinio Di Bernardo, Note di Elettrochimica (PDF), su Chimica.UniPD.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  5. ^ a b Quaderni di analisi chimica strumentale: Elettrochimica (PDF), su UniRoma2.it. URL consultato il 18 giugno 2018.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica