Cemil Çiçek

politico turco
Cemil Çiçek
Cemil Çiçek in meeting with Iranian parliament chairman Ali Larijani.jpg

Presidente Abdullah Gül
Recep Tayyip Erdoğan
Vice Sadık Yakut
Mehmet Sağlam
Ayşe Nur Bahçekapılı
Güldal Mumcu
Meral Akşener
Predecessore Mehmet Ali Şahin
Successore İsmet Yılmaz

Capo del governo Mesut Yılmaz
Successore Beşir Atalay

Dati generali
Partito politico Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP)
Università Università di Istanbul

Cemil Çiçek (Yozgat, 15 novembre 1946) è un politico turco. Ha ricoperto il ruolo di presidente della grande assemblea nazionale della Turchia tra il 4 luglio 2011 e il 7 giugno 2015. In precedenza è stato Ministro della Giustizia dal 2002 al 2007 e Vice Primo Ministro dal 2007 al 2011. Ha ricoperto anche il ruolo di membro del Parlamento per il Partito per la giustizia e lo sviluppo di Ankara.

Primi anni di vitaModifica

È nato il 15 novembre 1946 a Yozgat, in Turchia. Si è laureato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Istanbul. Nel 1983 è entrato in un partito di centrodestra, il Partito della Madrepatria (ANAP). È diventato un parlamentare dell'ANAP per Yozgat e alla fine degli anni '80 ministro di stato, responsabile della "famiglia". In questo ruolo era noto soprattutto per le sue opinioni conservatrici in materia di sesso e matrimonio.

Carriera politicaModifica

In seguito divenne ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali, ma fu espulso dall'ANAP nel 1997, e successivamente aderì al Partito Fazilet di ispirazione islamica, che in seguito si trasformò nell'AKP.

È stato ministro della giustizia nel primo governo dell'AKP (dal 2003 al 2007), quando come ex parlamentare dell'ANAP era considerato una delle figure di spicco dell'AKP più adeguate per l'esercito turco . Durante il suo ministero, ha dovuto affrontare diverse situazioni tra cui:

  • gli attentati di Istanbul del 2003;
  • il rilascio di prigione dell'ex parlamentare Leyla Zana;
  • i procedimenti giudiziari a carico di un certo numero di agenti di polizia, accusati di aver torturato dei prigionieri,
  • un tentato attentato suicida verso il suo ministero.

La sua legislazione ha incluso controlli più severi delle carceri.

Presidente della Grande assemblea nazionale della TurchiaModifica

Cemil Çiçek del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) è diventato il nuovo presidente del parlamento della Turchia nel terzo turno di votazioni il 4 luglio 2011.[1]

CitazioniModifica

  • Il principale ostacolo allo stato di diritto in Turchia è la mentalità della gente. "Il nostro popolo non vuole giustizia, vuole solo che i propri affari siano risolti. Vogliono vedere procedimenti contro la corruzione, ma non si vergognano di gestire i propri affari in modo corrotto. Le persone in realtà non si preoccupano della corruzione. Dicono "lascia che qualcuno la affronti mentre guardiamo e vediamo chi vince" come se fosse una partita di calcio.
  • Il mondo islamico non arriverà da nessuna parte attribuendo tutti i suoi problemi al mondo esterno.
  • (Dopo il rilascio dalla prigione di Leyla Zana:"I tribunali turchi hanno svolto la loro parte. Ora l'UE non ha scuse (per non iniziare i negoziati di ingresso con la Turchia)"
  • L'articolo 138 della Costituzione si è estinto in questo paese (l'articolo che garantisce l'indipendenza della magistratura).

NoteModifica

  1. ^ Ali Aslan Kılıç, Çiçek elected as new parliament speaker in third round of voting, in Today's Zaman, Ankara, 4 luglio 2011. URL consultato il 4 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).

Altri progettiModifica