Apri il menu principale

Nella psicoanalisi la censura, o altrimenti censura onirica, è quella funzione psichica che impedisce ai desideri inconsci l'accesso diretto alla coscienza. La censura onirica rappresenta il versante notturno della rimozione, che così costringe il sogno a camuffarsi e ad utilizzare strategie di travestimento. Durante il sonno la rimozione è attenuata, e ciò favorisce il cosiddetto ritorno del rimosso. Le tendenze psichiche attive nel sogno sono principalmente: drammatizzazione, spostamento, condensazione, dispersione, simbolizzazione ed elaborazione.[1]

NoteModifica

  1. ^ Censura onirica secondo Freud[collegamento interrotto]
  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia