Certosa

monastero di monaci certosini

Una certosa è un monastero di monaci certosini[1], di norma situato in zone solitarie.

Il monastero della Grande Chartreuse è la casa madre dell'ordine dei Certosini. Come primo insediamento dell'ordine, esso è il prototipo dello spazio monastico certosino, anche se a partire dal XIII secolo l'ordine si è adattato anche a siti urbani, di pianura o persino in riva al mare.
La Certosa di San Lorenzo (1306), a Padula, è la più grande certosa d'Italia ed è patrimonio dell'umanità dal 1998

EtimologiaModifica

Il nome deriva dalla Grande Certosa (Grande Chartreuse), monastero principale dell'Ordine certosino, che si trova sul massiccio della Chartreuse sulle Alpi francesi a nord della città di Grenoble in Val-d'Isère[2]. In origine la costruzione venne data da Sant'Ugo di Grenoble a San Bruno nel 1084. In questo monastero San Bruno costituì l'ordine monastico.

DocumentariModifica

Un documentario sulla Grande Chartreuse, chiamato Il grande silenzio, diretto da Philip Gröning, fu realizzato nel 2004 ed ottenne un buon riscontro tra i critici e nei festival cinematografici in cui venne presentato.[3][4] Gli stessi monaci dell'ordine certosino hanno apprezzato il film.[5]

EsempiModifica

ItaliaModifica

SloveniaModifica

SpagnaModifica

FranciaModifica

NoteModifica

  1. ^ https://www.treccani.it/vocabolario/certosa/
  2. ^ The Origin, su The Carthusian Order, The Carthusian Order. URL consultato il 9 marzo 2019.
  3. ^ Into Great Silence. Rotten Tomatoes.
  4. ^ Ten Best List for the Year 2007. United States Conference of Catholic Bishops' Office for Film and Broadcasting.
  5. ^ Steven D. Greydanus. Into Great Silence. Written for Catholic World Report. Retrieved 6 July 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica