Apri il menu principale
Chastel Blanc
Safita
Chastel Blanc.jpg
Coordinate34°49′14.88″N 36°07′01.92″E / 34.8208°N 36.1172°E34.8208; 36.1172Coordinate: 34°49′14.88″N 36°07′01.92″E / 34.8208°N 36.1172°E34.8208; 36.1172
Mappa di localizzazione: Siria
Chastel Blanc
Informazioni generali
Inizio costruzioneXI secolo
Condizione attualeRimasto solo il maschio
Informazioni militari
Azioni di guerraCrociate
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Chastel Blanc, o Safita, è un castello templare situato nell'omonima città in Siria. È menzionato per la prima volta in una fonte araba nel 1112 e si pensa sia entrato nelle mani dell'Ordine Templare verso il 1170. Il sultano Baybars tentò di conquistarlo, e per sventare il pericolo furono liberati 300 prigionieri musulmani. Ma alla morte di Saint Luis, il mamelucco tornò ad attaccarlo[1], conquistandolo nel 1271.[2]

DescrizioneModifica

 
Chastel Blanc in una foto del 1905

Oggi del castello resta solo il maschio, posto su un colle a 380 m di altezza. Questo (di dimensioni 31x18 m e alto 27) ha mura spesse 4 m ed è diviso in due piani, dei quali quello inferiore ospita una chiesa a tre campate, e quello superiore una sala da otto campate divise per due da tre colonne, con 11 feritoie[1]. Sotto il maschio si trovava una cisterna d'acqua e attorno ad esso si ergevano due cinte murarie di forma irregolare con qualche torre e il corpo di guardia di fronte.[2]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) CHASTEL BLANC, Safita, su templedeparis.fr. URL consultato il 29 marzo 2018.
  2. ^ a b (EN) The Fortress of Safita (Chastel-Blanc), su templiers.org.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica