Apri il menu principale

Chiesa di San Giuseppe Cottolengo (Roma)

edificio religioso di Roma
Chiesa di San Giuseppe Cottolengo
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCattolica
Diocesi Roma
Consacrazione30 aprile 1979
Inizio costruzione1977
Sito web

Coordinate: 41°54′09.51″N 12°26′18.11″E / 41.902642°N 12.438364°E41.902642; 12.438364

La chiesa di San Giuseppe Cottolengo è una chiesa parrocchiale di Roma che si trova nell'area urbana Valle Aurelia, nel quartiere Aurelio del Municipio XVIII della città.

È dedicata al fondatore della Piccola casa della Divina Provvidenza, san Giuseppe Benedetto Cottolengo.

StoriaModifica

La parrocchia venne istituita il 10 dicembre 1962 dal cardinale vicario Clemente Micara, anche se già nel 1905 don Luigi Guanella iniziò ad occuparsi della Valle Aurelia assieme alle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza. La chiesa attuale, progettata dall'architetto Franco Ceschi, venne inaugurata dal cardinale vicario Ugo Poletti il 30 aprile 1979. Fino al 31 agosto 2006 venne gestita dai Servi della Carità, per poi passare ai presbiteri diocesani.

Prima della costruzione di questa chiesa, la parrocchia aveva sede in alcuni locali uso magazzino in Viale di Valle Aurelia 93.

DescrizioneModifica

Il Carpaneto descrive esternamente la chiesa « come una grande croce entro una valle ». Al suo interno essa conserva importanti opere di artisti italiani del Novecento, fra cui:

  • il bassorilievo raffigurante San Giuseppe Cottolengo dello scultore Silvio Olivo;
  • la Via Crucis in terracotta di Tino Perrotta, in cui l'artista ha cercato di evidenziare soprattutto gli aspetti psicologici dei personaggi (per esempio: il pianto della Madonna, l'indifferenza del soldato, l'occhio scettico di Pilato); il cireneo è rappresentato con le sembianze di Giovanni Paolo II;

BibliografiaModifica

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000
  • G. Carpaneto, Quartiere XIII. Aurelio, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica