Apri il menu principale

Chiesa di Sant'Antonino Martire (Castelbuono)

edificio religioso di Castelbuono
Sant'Antonino Martire
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàCastelbuono-Stemma.png Castelbuono
Religionecattolica
Diocesi Cefalù
Inizio costruzioneXVII secolo

La chiesa di Sant'Antonino Martire è un edificio religioso di Castelbuono.

StoriaModifica

La chiesa parrocchiale situata nella parte alta del paese, divenne proprietà dei padri osservanti nel 1606, quando abbandonarono la chiesa del Soccorso o di Santa Maria dell'Aiuto.[1] Da quest'ultima chiesa ricavarono materiali di costruzione e portarono via gli arredi.

DescrizioneModifica

Esempio calzante è la distruzione del chiostro della chiesa del Soccorso, le cui colonnine furono poste nel loggiato sulla fiancata della nuova chiesa e il portale d'ingresso - opere gotiche del XVI secolo.

La struttura originaria, aderente ai gusti francescani di sobrietà esterna e ricchezza interna, è stata totalmente stravolta dai rimaneggiamenti dopo il 1957, quando la chiesa divenne parrocchia. La foga ricostruttrice si arrestò però dinanzi al magnifico portale e alle colonnine binate. La chiesa è stata notevolmente rialzata e arricchita di cornici secondo il gusto geometrico che vigeva in quel periodo. Quasi un frontone classico con le sue cornici si differenzia da quest'ultimo per le aperture - l'oculo e la trifora.

L'alto campanile fu rimaneggiato, innalzato e spostato sulla facciata principale, tra le particolarità i rossi mattoni di cui si compone e i richiami, non fedeli, al medioevo con merli e struttura.

L'antica chiesa si suddivideva in due parti: la chiesa grande e l'oratorio di Sant'Antonino, andato completamente perduto nei rifacimenti.

OpereModifica

ConventoModifica

L'antico convento fu abbattuto per far posto ad un ospedale.

NoteModifica

  1. ^ Pagina 255, Vito Amico - Gioacchino di Marzo, "Dizionario topografico della Sicilia" [1] Archiviato il 1º luglio 2018 in Internet Archive., Salvatore di Marzo Editore, Volume primo, Seconda edizione, Palermo, 1858.

Altri progettiModifica