Apri il menu principale
Chiesa di Sant'Eufemiano
Graveglia (Carasco)-chiesa4.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàGraveglia (Carasco)
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Chiavari
Consacrazione1868
Inizio costruzione1866

Coordinate: 44°20′51.68″N 9°21′54.32″E / 44.347689°N 9.365089°E44.347689; 9.365089

La chiesa prioria di Sant'Eufemiano è un luogo di culto cattolico situato nella frazione di Graveglia, in via don Giuseppe Sannazzari, nel comune di Carasco nella città metropolitana di Genova. La chiesa è sede della parrocchia omonima del vicariato Valle Sturla della diocesi di Chiavari.

Cenni storici e descrizioneModifica

 
Particolare dell'interno

La chiesa fu costruita dai monaci colombaniani dell'abbazia di San Colombano di Bobbio, intitolandola al santo Eufemiano, nella frazione di Graveglia[1].

In zona vi era inoltre il monastero di Comorga, sempre gestito dagli stessi monaci che come prioria amministrava il territorio.

Nel XIII secolo la proprietà delle terre di Graveglia passarono dai monaci di Bobbio ai Benedettini, subentrati ai colombaniani nell'abbazia di Sant'Andrea di Borzone (Borzonasca).

La sua prioria fu data in commenda, all'inizio del XVI secolo, alla Santa Sede che con breve del 6 novembre 1519 concedette il patronato alla famiglia locale dei Ravaschieri.

Eredita in seguito dalla famiglia Solari, la curia arcivescovile di Genova decise di sospendere il giuspatronato familiare e, nel 1873, di conferire il beneficio priorale mediante un apposito concorso ecclesiastico. L'attuale chiesa fu eretta nel 1866 e consacrata il 12 maggio del 1868 dall'arcivescovo genovese monsignor Andrea Charvaz.

NoteModifica

  1. ^ Il paese di Graveglia è citato in un diploma dell'imperatore Ottone II di Sassonia del 25 luglio 972. Fonte: dal sito della diocesi di Chiavari.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica