Apri il menu principale

In edilizia le chiusure verticali si distinguono in esterne ed interne.

Indice

Chiusura verticale esternaModifica

Le chiusure verticali esterne costituiscono l'inviluppo verticale esterno dell'organismo architettonico.
Possono essere:

  • portanti: assolvono anche le funzioni statiche e in tutto o in larga misura quelle relative al comfort
  • portate: assolvono il solo comfort, possono essere opache (tamponamenti) o trasparenti (serramenti).

Agli effetti della funzione protettiva le chiusure verticali esterne devono assicurare sia un sufficiente grado di difesa igro-termica e acustica allo spazio interno sia presentare caratteristiche di inalterabilità , resistenza agli agenti atmosferici e resistenza gli urti, per quanto riguarda la durevolezza.

Chiusura verticale internaModifica

Le chiusure verticali interne consentono la suddivisione verticale dello spazio interno dell'organismo architettonico.
Questa è ottenuta mediante le partizioni interne portanti o portate (tramezzo) che non devono assolvere i compiti complessi e contrastanti di protezione delle chiusure verticali esterne ma sostanzialmente provvedere solo agli effetti della migliore fruibilità, all'isolamento acustico tra vano e vano.

Voci correlateModifica