Apri il menu principale

Chuck Taylor All-Stars

linea di scarpe
Chuck Taylor All-Stars
Diversi modelli di Converse, tra cui molte All-Stars

Le Chuck Taylor All-Stars o All Star sono una linea di scarpe di tela e gomma prodotte dalla Converse. Furono prodotte per la prima volta nel 1917 come tentativo della Converse di entrare nel mercato delle scarpe per il basket.[1] Diventarono molto popolari in seguito alla scelta del cestista statunitense Chuck Taylor di adottarle come sue calzature preferite. È per questo motivo che dopo alcune piccole modifiche nel 1932 la scarpa prese il nome attuale e le venne apposta la firma di Chuck Taylor.[2]

Per il resto della sua vita Chuck visse come ambasciatore del basket per la Converse, viaggiando attraverso tutta l'America, ispirando i giovani, insegnando il suo amore per il gioco.

Furono le scarpe leader del basket fino agli anni settanta. Le calzarono migliaia di giocatori di ogni lega e nazionalità. Nell'NBA divennero celeberrime le All-Stars nere basse di Wilt Chamberlain.

Negli anni settanta e ottanta molti musicisti e cantanti di gruppi rock, heavy metal, hard rock, punk rock, ecc. indossavano abitualmente queste scarpe (Es. Angus Young degli AC/DC, i membri dei Ramones, Slash chitarrista dei Guns N' Roses ma anche Kurt Cobain leader dei Nirvana nei primi anni novanta). Così negli anni queste scarpe si sono diffuse anche tra i giovani fans e il pubblico di massa.

Negli ultimi anni sono tornate molto popolari, anche grazie alla scelta dell'azienda di produrre numerosissime variazioni sul tema, cambiando colori, materiali e forma delle scarpe originali. Le All Star sono oggi disponibili in tinta unita di moltissimi colori oppure con disegni di vario tipo, come frutta, fiori e svariate fantasie, oltre ad essere prodotte in pelle, velluto o panno in numerose versioni invernali.

Le Chuck Taylor All-Stars vengono indossate sempre da Chuck Bartowski protagonista della serie TV Chuck.

NoteModifica

  1. ^ The History of the Converse All Star "Chuck Taylor", Chucksconnection.com. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  2. ^ Margo DeMello, Feet and Footwear: A Cultural Encyclopedia, Macmillan, 2009.

Altri progettiModifica

  Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda