Kurt Cobain

cantautore statunitense
Kurt Cobain
Nirvana around 1992.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereGrunge[1]
Rock alternativo[1]
Punk rock
Periodo di attività musicale1985 – 1994
Strumentovoce, chitarra
EtichettaSub Pop Records
Geffen Records
GruppiFecal Matter, Nirvana
Album pubblicati11
Studio4
Live2
Raccolte5
Logo ufficiale

Kurt Donald Cobain (Aberdeen, 20 febbraio 1967Seattle, 5 aprile 1994) è stato un cantautore e chitarrista statunitense.

Noto come leader dei Nirvana, band considerata tra le più rappresentative del cosiddetto grunge, nella Rock'n'Roll Hall of Fame dal 2014, e marito di Courtney Love, leader delle Hole.

BiografiaModifica

Infanzia, adolescenza e prime esperienze musicaliModifica

Kurt Donald Cobain nasce e cresce ad Aberdeen, cittadina nello Stato di Washington, da una famiglia di origine irlandese. Sua madre è Wendy Elizabeth Fradenburg, barista e segretaria. Suo padre è Donald Leland Cobain, meccanico. I due, conosciutisi a scuola, si erano sposati nel 1965 in Idaho. Cobain ha una sorella, Kimberly (1970), un fratellastro da parte di padre, Chad (1979), e una sorellastra da parte di madre, Brianne (1986).[2]

Cobain manifesta interesse per la musica e l'arte fin da bambino: disegna personaggi di film e cartoni animati, a quattro anni suona il pianoforte e canta, a scuola suona il tamburo. Figura fondamentale per Kurt è la zia Mary Fradenburg Earl, anch'essa musicista, che lo avvicina alla musica fin da bambino invitandolo alle prove della sua band e facendogli ascoltare molti dischi. Gli regalerà inoltre la sua prima chitarra e gli metterà a disposizione la sua casa per prove e registrazioni.[3][4] I primi ascolti sono Ramones, Beatles, Monkees, Electric Light Orchestra.[5][6] Il divorzio dei genitori (1975)[7] è un evento tanto doloroso da segnarlo per sempre:[8]

«Per qualche ragione me ne vergognavo. Mi vergognavo dei miei genitori. Non riuscivo più a guardare in faccia alcuni dei miei compagni di scuola perché desideravo disperatamente avere una famiglia normale. Mamma, papà. Volevo quel tipo di sicurezza e lo rinfacciai ai miei genitori per parecchi anni.»

(Kurt Cobain, 1993)
 
Cartello stradale all'ingresso di Aberdeen che cita la canzone dei Nirvana. Foto Jay Thompson

Dopo aver frequentato la Beacon Elementary School di Montesano, va alla scuola media dove pratica la lotta e il baseball per impressionare il padre, con il quale ha un rapporto difficile.[9] A 14 anni riceve in dono una chitarra elettrica e un amplificatore dalla zia Mary.[10] Impara a suonare esercitandosi con Back in Black degli AC/DC e Stairway to Heaven dei Led Zeppelin. Ambidestro, sceglie di suonare come mancino per distinguersi.[11] L'anno successivo torna a vivere con la madre ed il compagno di lei, poi secondo marito, Pat O'Connor.[3] Incontra Buzz Osborne dei Melvins, band da lui molto amata, che lo introduce al punk: Black Flag, Butthole Surfers, MDC. Altri ascolti cruciali saranno Clash, Sex Pistols, Iggy Pop, Bad Brains, Beat Happening, David Bowie, Velvet Underground, Vaselines, Pixies, Sonic Youth, R.E.M, Queen, Kiss. In seguito Cobain si interesserà a band meno note quali Meat Puppets, Teenage Fanclub, Wipers, Shonen Knife, Daniel Johnston e Fang.[12][13][14]

Alla Weatherwax High School, spronato da professori e familiari, si dedica all'arte. Qui stringe amicizia con Myer Loftin, un compagno di scuola dichiaratamente omosessuale, cosa che lo isola dal resto dei compagni,[15] e per la prima volta fa uso di marijuana.[16]

«Anche se mi ero fatto per la prima volta proprio in quelle settimane avevo dichiarato che era "qualcosa che avrei fatto per il resto della mia vita!". E avrei fatto praticamente di tutto per assicurarmi il rifornimento di quell'erba meravigliosa.»

(Kurt Cobain)
 
Kurt Cobain suona i tamburi durante una assemblea scolastica. Foto Montesano High School

Nel 1985 lascia la casa materna e si trasferisce ad Olympia, mantenendosi come insegnante di nuoto, lavapiatti, bidello. In questo periodo si avvicina a filosofie orientali quali buddhismo e giainismo[3] e fonda la sua prima band, i Fecal Matter, con Dale Crover. Incidono i primi demo a casa della zia Mary, Illiteracy Will Prevail.[17] Il brano Downer sarà poi rimasterizzato e incluso in Bleach.

Nel 1986 Cobain viene arrestato per vandalismo per aver scritto «God is Gay» e «Homosex Rules» sui muri di Aberdeen. Negli anni successivi parlerà spesso di orientamento sessuale[18][19][20][21] Nel 1992, durante un'esibizione al Saturday Night Live, lui e Krist Novoselic si baceranno per 'far incazzare gli omofobi'.[22] Frequentando Olympia conosce dapprima la fotografa Tracy Marander e poi la musicista Tobi Vail, esponente del movimento riot grrrl poi componente del gruppo punk Bikini Kill con Kathleen Hanna, ottima amica di Kurt:

«Passando molto tempo con amiche donne finii per comprendere a quanta mancanza di rispetto, a quanta oppressione erano sottoposte. Voglio dire, le parole 't**ia* e 'pu**ana* erano d'uso comune, ricorrenti. Anche se ho ascoltato molto band come Aerosmith e Led Zeppelin, e alcune delle loro melodie mi piacevano, dopo anni ho realizzato quanto la loro musica avesse a che fare con il sessismo. Il modo in cui scrivevano dei loro ca**i e del fare sesso. Ho cominciato a rendermi conto di ciò che mi infastidiva così tanto negli ultimi anni di liceo»

Alla fine degli anni Ottanta Kurt lavora come roadies per vari gruppi, tra cui i Melvins e i Bam Bam di Tina Bell, figura seminale della scena di Seattle.[23] Nel 1987, con Krist Novoselic, Cobain forma i The Stiff Woodies, con Aaron Burckhard alla batteria. Dopo vari cambi di nome, la band opta per Nirvana.[24]

Il successo con i Nirvana e l'incontro con Courtney LoveModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nirvana (gruppo musicale).

Del nome, Cobain dirà:

«Nirvana significa liberazione dal dolore, dalla sofferenza e dal mondo esterno e questo si avvicina al mio concetto di punk»

Dopo la pubblicazione del singolo Love Buzz (Sub Pop, 1988) la band si esibisce nei locali di Aberdeen, Seattle e Olympia, distinguendosi per la rabbia delle esibizioni e per la distruzioni delle chitarre come atto performativo e provocatorio.[25] Con il batterista Chad Channing, giunto dopo una serie di cambi, la band registra il primo album, Bleach (Sub Pop, 1989).

«I Nirvana sono una formazione composta da tre elementi e proveniente dalla periferia di Seattle. Cobain (chitarra e voce) e Novoselic (basso) hanno lottato con troppi batteristi svogliati per tre anni. Negli ultimi nove mesi abbiamo avuto il piacere di prendere Chad (batteria) sotto le nostre ali e sviluppare quelli che adesso sono e sempre saranno i Nirvana.»

(Kurt Cobain)
 
Memorabilia dei Nirvana al MoPop di Seattle (USA). Foto Theresa Arzadon-Labajo

Nello stesso periodo Cobain collabora con Mark Lanegan degli Screaming Trees,[26] cantando due canzoni nel suo album solista The Winding Sheet (1990). Entrambi amano molto l'artista Lead Belly e decidono di registrare un album di sue cover, ma il progetto si arena dopo poco tempo. Cobain omaggerà il bluesman con una cover di Where Did You Sleep Last Night durante l'MTV Umplugged.[27][28][29]

«Quando il terzetto cominciò a suonare, quel muro di rumore, la rude orecchiabilità delle canzoni e la voce del cantante-chitarrista mancino mi fecero realizzare di stare assistendo a qualcosa di speciale. Forse una delle migliori band che avevo mai visto. E nella fottuta Public Library di Ellensburg, nientemeno! Mi congratulai con Kurt e lui fece lo stesso con me, dichiarandosi fan degli Screaming Trees. Sono tornato nel mio deprimente tugurio pieno di euforia, con addosso la sensazione di aver appena sperimentato qualcosa di davvero grande. E' stato facile per noi diventare amici. Sono bastate un paio di lunghe telefonate a parlare di ragazze, musica, vita. Amavo davvero Kurt.»

(Mark Lanegan)

Con l'ingresso di Dave Grohl alla batteria la band registra Nevermind (Geffen Records, 1991) negli Smart Studios con il produttore Butch Vig.[24] Trainato dal singolo Smells Like Teen Spirit, il cui video è diretto da Samuel Bayer, l'album ottiene un successo enorme e improvviso, raggiungendo la prima posizione nella classifica Billboard 200. I Nirvana divengono, piuttosto inaspettatamente, la prima band della scena grunge ad ottenere un tale successo commerciale:[30][31]

«Il disco cruciale fu l'esordio degli Alice In Chains (Facelift, 1990, ndr): fece capire che c'era aria nuova, che si stava creando un'alternativa. I Nirvana si trovarono nel mezzo di tutto ciò e giocarono bene le loro carte, favoriti da una personalità iconica come quella di Kurt Cobain. Credo che chiunque si uccida quando è giovane e all'apice del successo sia destinato al mito, al di là dei suoi meriti. A parte ciò, i Nirvana hanno costruito la loro fama compiendo tutte le mosse giuste: la firma con una major, la scelta di un grande produttore e la pubblicazione di un disco "commerciale" come Nevermind, che ha appunto venduto milioni di copie. Probabilmente la loro caratteristica più speciale era la voce di Kurt, differente da quella di chiunque altro»

(Mark Arm, Mudhoney)

Stando alle dichiarazioni pubbliche, Cobain sembra avere un rapporto ambivalente con l'improvvisa ed enorme celebrità, poiché lo status di rockstar mal si combina all'attitudine punk dichiarata agli esordi. Anche il ruolo di portavoce della generazione X, assegnatogli dai media, sembra metterlo a disagio, così come l'idea che i suoi testi siano portatori di messaggi necessariamente importanti o universali:[32][33]

«La musica viene per prima, i testi sono secondari. Molti dei miei testi sono contraddittori. Scrivo qualche verso sincero, e poi me ne prendo gioco. Non mi piace scrivere cose troppo ovvie, perché poi diventa tutto stantìo. Non puoi essere esplicito tutto il tempo. Non vogliamo essere criptici o misteriosi, ma preferiamo testi che siano diversi, strani, insoliti. E' così che amo l'arte.»

Tuttavia Cobain non si sottrae all'esposizone mediatica,[31] prestandosi come protagonista di interviste, copertine, esibizioni televisive, durante le quali sembra divertirsi con esternazioni provocatorie o controverse, spesso sulle altre band.[34][35] Stando ai resoconti di chi lo ha conosciuto, la personalità di Cobain è molto più complessa e sfaccettata di ciò che i media hanno raccontato di lui:[36]

«Cercai più volte di parlare con Kurt. Lui abbassava la testa e se ne andava. Sono sicuro che una buona parte di quella storia [sulla rivalità tra Pearl Jam e Nirvana] nacque dalle continue domande che facevano loro su di noi. A noi chiedevano in continuazione di loro, e la cosa era scocciante»

(Jeff Ament, Pearl Jam)

«Chris Cornell, Mark Arm, Eddie Vedder e Kurt, c'era rivalità tra loro. Ognuna voleva che la propria voce fosse ascoltata, ognuno voleva avere successo. Ricordo quando Eddie Vedder dei Pearl Jam finì sulla copertina di Time al posto di Kurt. Questo, credimi, fece davvero incazzare Kurt.»

(Courtney Love)

«Quando i Nirvana finirono sulla copertina di Rolling Stone, Kurt indossava una maglietta con la scritta ‘Corporate magazines still suck’. Ho pensato, bene, è fantastico che indossi quella maglietta, ma allo stesso tempo si è reso disponibile al servizio fotografico, ha acconsentito all'intervista e a finire sulla copertina di questa rivista.»

(Chris Cornell, Soundgarden)

«Mi sentivo autorizzato ad accusarlo di essere un po' un venduto, considerato ciò che si supponeva i Nirvana dovevano essere e ciò per cui prendevano posizione pubblicamente, i concerti di beneficenza per gli stupri in Bosnia e cose così. Erano quelli dalla parte giusta, no? La voce, la coscienza di una generazione. Eppure, nonostante tutti gli intenti e gli obiettivi, Kurt si è trasformato in tutto ciò che odiava. Divenne una tipica rockstar, coi capricci, gli hotel di lusso e tutto il resto. Stava succhiando il c***o delle corporations.»

(Anton Brookes)

«Tutte queste storie su Kurt che dorme sotto i portici e sotto i ponti sono state ingigantite. Avrà dormito sotto il portico di casa mia una volta, da ubriaco, tutto qui. L'invenzione più grossa era quella su Kurt Cobain, l'artista tormentato. La gente non capisce che Kurt era un divertente figlio di pu***na.»

(Dale Crover)

Il 1991 è anche l'anno in cui diviene pubblica la sua relazione con Courtney Love, cantante delle Hole. Su dove e quando sia avvenuto il loro primo incontro ci sono versioni della storia differenti. Di certo vi è che, nel febbraio 1992, i due si sposano alle Hawaii e in agosto nasce la figlia Frances Bean.[37] La gravidanza di Love è oggetto di gravi speculazioni, le quali portano all'intervento dei Child Protective Services e alla temporanea sospensione della custodia della bambina.[38] Cobain è fortemente scosso dalla vicenda e scrive a David Geffen, boss della Geffen Records, minacciando di sciogliere i Nirvana come forma di protesta. La lettera, scritta a mano, andrà all'asta del 2016.[39]

Quentin Tarantino, regista da lui molto stimato, gli propone di partecipare al film Pulp Fiction (1994) nel ruolo dello spacciatore Lance. Cobain, impegnato nella registrazione del disco, pur lusingato, declina l'offerta.[40] Esce il terzo album dei Nirvana In Utero (1993), trainato dal singolo Heart-Shaped Box. Nello stesso periodo conosce l'amato scrittore William Burroughs e collabora con lui all'EP The Priest They Called Him (1993). In luglio, mentre la band è a New York per uno show, Cobain ha una overdose di eroina.[31][41] Il consumo di droghe, iniziato probabilmente nella seconda metà degli anni Ottanta, si aggrava quando Cobain usa l'eroina come antidolorifico per un'ulcera non diagnosticata:[42]

«E' cominciata con tre giorni in cui mi sono fatto di eroina e non avevo più dolore allo stomaco. Era un tale sollievo.»

La tossicodipendenza di Cobain compromette le relazioni sia interne che esterne alla band:[43]

«Kurt era strafatto di pillole e io gli dissi qualcosa del tipo che per smettere con le droghe lo si deve volere abbastanza. Quel che mi pento di non avergli detto è che doveva lasciare sua moglie, tossica anche lei, perché non puoi disintossicarti finché stai con una persona che si droga esattamente come te.»

(Mark Arm)

«La prima voltà che si fece di eroina Kurt mi chiamò e me lo disse. Gli dissi di non farlo, che stava giocando con la dinamite. Ho sempre detto ciò che pensavo a riguardo, molto apertamente, su poche cose ero così schietto, ma se era un consiglio, non è stato ascoltato. Dicevo cose che non erano proprio gradite, e questo ha creato tensione nella nostra relazione.»

(Krist Novoselic)

L'esibizione-testamento di Cobain e dei Nirvana è il concerto acustico registrato per MTV, che diverrà poi l'album MTV Unplugged in New York (1994). Una esibizione intensa e sofferta, considerata tra le migliori della serie.[44][45][46][47]

Morte, reazioni e tributiModifica

 
La casa nella quale Cobain si suicidò nel 1994 al 171 Lake Washington Blvd, East Seattle

Nel gennaio 1994, a Seattle, Cobain è impegnato con quella che sarà l'ultima sua sessione di registrazione in studio. Con Krist Novoselic, Dave Grohl e Pat Smear registra la canzone You Know You're Right.[24] In febbraio è sulla tv italiana che fa la sua ultima apparizione televisiva,[48] ospite coi Nirvana del programma Tunnel (RAI3) condotto da Serena Dandini, che lo ricorda così:[49]

«Incontrandolo ho avuto l'impressione di una persona di una sensibilità estrema, indifesa, che difficilmente riuscivi a guardare negli occhi, con uno sguardo di paura come di un cucciolo braccato dal mondo.»

In marzo, durante il tour europeo, si prende un periodo di riposo a Roma per problemi di salute, ma viene ricoverato per overdose da farmaci e champagne. Courtney Love dichiarerà poi di aver interpretato questo come un primo tentativo di suicidio del marito.[50][51][52][53] Tornato degli USA, acconsente di aderire ad un programma di disintossicazione all'Exodus Medical Center di Los Angeles, ma se ne allontana poco dopo per tornare a Seattle.

La mattina dell'8 aprile 1994 il cadavere di Kurt Cobain viene rinvenuto da un elettricista nella sua villa sul lago Washington. Stando alle indagini e ai referti autoptici, il cantante si è suicidato con un colpo di fucile alla testa. Nel suo corpo sono state inoltre rinvenute massicce quantità di eroina. Accanto al cadavere viene ritrovata una lettera di addio alla sua famiglia e al suo pubblico.[54][55][56]

To Boddah pronounced (in italiano: "A Boddah")
(EN)

«Speaking from the tongue of an experienced simpleton who obviously would rather be an emasculated, infantile complain-ee. This note should be pretty easy to understand. All the warnings from the punk rock 101 courses over the years, since my first introduction to the, shall we say, the ethics involved with independence and the embracement of your community has proven to be very true. I haven't felt the excitement of listening to as well as creating music along with reading and writing for too many years now. I feel guilty beyond words about these things. For example when we're backstage and the lights go out and the manic roar of the crowd begins, it doesn't affect me the way in which it did for Freddie Mercury, who seem to love, relish in the love and adoration from the crowd, which is something I totally admire and envy. The fact is, I can't fool you, any one of you. It simply isn't fair to you or me. The worst crime I can think of would be to rip people off by faking it and pretending as if I'm having 100% fun. Sometimes I feel as if I should have a punch-in time clock before I walk out on stage. I've tried everything within my power to appreciate it (and I do, God believe me I do, but it's not enough).

I appreciate the fact that I and we have affected and entertained a lot of people. I must be one of those narcissists who only appreciate things when they're gone. I'm too sensitive. I need to be slightly numb in order to regain the enthusiasm I once had as a child. On our last 3 tours, I've had a much better appreciation for all the people I've known personally and as fans of our music, but I still can't get over the frustration, the guilt and empathy I have for everyone. There's good in all of us and I think I simply love people too much, so much that it makes me feel too fucking sad. The sad little sensitive, unappreciative, Pisces, Jesus man! Why don't you just enjoy it? I don't know. I have a goddess of a wife who sweats ambition and empathy and a daughter who reminds me too much of what I used to be, full of love and joy.

Kissing every person she meets because everyone is good and will do her no harm. And that terrifies me to the point where I can barely function. I can't stand the thought of Frances becoming the miserable, self-destructive, death rocker that I've become. I have it good, very good, and I'm grateful, but since the age of seven, I've become hateful towards all humans in general. Only because it seems so easy for people to get along and have empathy. Only because I love and feel sorry for people too much I guess. Thank you all from the pit of my burning, nauseous stomach for your letters and concern during the past years. I'm too much of an erratic, moody, baby! I don't have the passion anymore, and so remember, it's better to burn out than to fade away.

Peace, love, empathy. Kurt Cobain.

Frances and Courtney, I'll be at your altar.

Please keep going Courtney, for Frances.

For her life will be so much happier without me.

I LOVE YOU. I LOVE YOU.»

(IT)

«Vi parlo dal punto di vista di un sempliciotto un po' vissuto che preferirebbe essere uno snervante bimbo lamentoso. Questa lettera dovrebbe essere abbastanza semplice da capire. Tutti gli avvertimenti che ho ricevuto dalla scuola base del punk-rock nel corso degli anni, fin dai miei primi contatti, per così dire, con l'etica dell'indipendenza e dell'abbracciare la propria comunità si sono rivelati esatti. Io non provo più emozioni nell'ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere da troppi anni ormai. Questo mi fa sentire terribilmente colpevole. Per esempio, quando siamo nel backstage e le luci si spengono e sento il maniacale urlo della folla cominciare, non ha nessun effetto su di me, non è come era per Freddie Mercury, che adorava la folla e ne traeva energia e io l'ho sempre invidiato per questo. Il fatto è che io non posso imbrogliarvi, nessuno di voi. Semplicemente non sarebbe giusto nei vostri confronti né nei miei. Il peggior crimine che mi possa venire in mente è quello di fingere e far credere che io mi stia divertendo al 100%. A volte mi sento come se dovessi timbrare il cartellino ogni volta che salgo sul palco. Ho provato tutto quello che è in mio potere per apprezzare questo (e l'apprezzo, Dio mi sia testimone che l'apprezzo, ma non è abbastanza).

Ho apprezzato il fatto che io e gli altri abbiamo colpito e intrattenuto tutta questa gente. Ma devo essere uno di quei narcisisti che apprezzano le cose solo quando non ci sono più. Io sono troppo sensibile. Ho bisogno di essere un po' stordito per ritrovare l'entusiasmo che avevo da bambino. Durante gli ultimi tre nostri tour sono riuscito ad apprezzare molto di più le persone che conoscevo personalmente e i fan della nostra musica, ma ancora non riesco a superare la frustrazione, il senso di colpa e l'empatia che ho per tutti. C'è del buono in ognuno di noi e penso che io amo troppo la gente, così tanto che mi sento troppo fottutamente triste. Il piccolo triste, sensibile, ingrato, Pesci, Gesù santo! Perché non ti diverti e basta? Non lo so. Ho una moglie divina che trasuda ambizione ed empatia e una figlia che mi ricorda troppo di quando ero come lei, pieno di amore e gioia.

Bacia tutte le persone che incontra perché tutti sono buoni e nessuno può farle del male. E questo mi terrorizza a tal punto che perdo le mie funzioni vitali. Non posso sopportare l'idea che Frances diventi una miserabile, autodistruttiva rocker come me. Mi è andata bene, molto bene durante questi anni, e ne sono grato, ma è dall'età di sette anni che sono avverso al genere umano. Solo perché a tutti sembra così facile tirare avanti ed essere empatici. Penso sia solo perché io amo troppo e mi rammarico troppo per la gente. Grazie a tutti voi dal fondo del mio bruciante, nauseato stomaco per le vostre lettere e il supporto che mi avete dato negli anni passati. Io sono troppo un bambino incostante, lunatico! Non ho più nessuna emozione, e ricordate, è meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente.

Pace, amore, empatia. Kurt Cobain.

Frances e Courtney, io sarò al vostro altare.

Ti prego Courtney continua ad andare avanti, per Frances.

Perché la sua vita sarà molto più felice senza di me.

VI AMO. VI AMO.»

(Kurt Cobain, To Boddah pronounced)

Il 10 aprile 1994 si tiene una veglia commemorativa al Seattle Center, durante la quale viene fatta ascoltare una registrazione di Courtney Love che legge la lettera di Cobain.[57] Poco dopo il corpo viene cremato e parte delle ceneri viene depositata al tempio buddista di Ithaca (New York), parte dispersa nel fiume Wishkah.

 
Kurt Cobain Memorial Park, Aberdeen (USA) Foto Thayne Tuason

L'ondata di sgomento che percorre il mondo della musica è profonda, ed enorme la risonanza mediatica. I media arrivano a Seattle da tutto il mondo per coprire la storia,[58] le band della città esprimono il loro sconcerto,[26] persino l'allora presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, valuta la possibilità di tenere un discorso alla nazione. Sconsigliato da Eddie Vedder, pochi giorni dopo il fatto in visita coi Pearl Jam alla Casa Bianca, desiste.[59] Stando ad uno studio commissionato dalle autorità sanitarie dello Stato di Washington e pubblicato sul Journal of the American Association of Suicidology il temuto effetto-emulazione non si verifica.[60]

«Lo conoscevo da molto prima che diventasse una superstar. Lo consideravo un amatissimo fratello minore. (Non aver risposto alle sue chiamate il giorno della sua morte) mi ha lasciato un senso di colpa che non mi abbandonerà mai.»

(Mark Lanegan)

C'è chi, come i Melvins, rifiuta il culto del martire. Poco dopo la morte di Cobain fanno stampare dei poster con la scritta We Killed Kurt e delle t-shirt con la sua caricatura e la scritta L'unico drogato buono è il drogato morto.[61]

«Kurt è morto, ma per noi non fa alcuna differenza. Continuiamo a divertirci ridendo di lui!»

(Mark Deutrom)

«Era ovvio, ma non potevo crederci. Quando hai a che fare con i tossici, la loro morte non ti sorprende, sei più o meno preparato. E' così che va a finire, capisci? Avevamo uno show quella sera, e l'abbiamo fatto lo stesso. Non volevo certo smettere di vivere per questo. La cosa migliore che si può fare è essere esempi viventi del fatto che quella roba non funziona»

(Buzz Orborne)

Cher gli dedica The Fall/Kurt's Blues, Sinead O' Connor lo omaggia con una cover di All Apologies (Universal Mother, 1994), Jared Leto reinterpreta Pennyroyal Tea, Eminem lo cita nei brani Cum on Everybody e Untitled, Lana Del Rey in Oh Say Can You See, i Limp Bizkit in Creamer (Radio is Dead), i Blur in Song 2.

Nel 1996 la Fender mette in produzione la chitarra Fender Jag-Stang come omaggio a Cobain.

Alla vita di Kurt Cobain, divenuto suo malgrado icona degli anni Novanta, vengono dedicati i documentari Kurt & Courtney (1998), Kurt Cobain: About a Son (2006) e Kurt Cobain: Montage of Heck (2015),[62] diretto da Brett Morgen e composto con materiale video inedito fornito dalla famiglia. Il film Last Days (2005) diretto da Gus Van Sant tenta di ricostruire gli ultimi giorni di vita di Cobain.

Soaked in bleach - Chi ha ucciso Kurt Cobain (2015) è un docudrama diretto da Benjamin Statler che, per bocca dell'investigatore privato Tom Grant, ipotizza responsabilità a carico di Courtney Love. Data la gravità delle accuse, lei minaccia azioni legali per diffamazione e danni morali, ma, vista la scarsa eco suscitata dal film, che passa sostanzialmente inosservato tranne alcune recensioni negative, non vi sono strascischi giudiziari né mediatici ulteriori. [63] [64] [65]

Cobain appare coi Nirvana in una puntata della serie animata I Simpson dedicata agli anni Novanta[66] e nel videogioco Guitar Hero 5.[67] È citato in Doom II: Hell on Earth e MOBA Dota 2.[68]

Dal 2014, ogni anno, la città natale di Cobain, Aberdeen, gli dedica una giornata di commemorazione.[69]

Nel giugno 2020[70] e nel maggio 2022[71] vanno all'asta per diversi milioni di dollari due chitarre appartenute a Cobain.

DiscografiaModifica

Fecal MatterModifica

  • 1985 – Illiteracy Will Prevail

NirvanaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Nirvana.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Kim Summers, Kurt Cobain, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Brett Buchanan, Kurt Cobain's Sister & Daughter Show Off Stomachs In Hot Shirts, su AlternativeNation.net, 28 dicembre 2018. URL consultato il 26 maggio 2022.
  3. ^ a b c Azerrad, 1993.
  4. ^ MARI EARL - kurt cobain 1998. URL consultato il 29 maggio 2022.
  5. ^ (EN) Verse Chorus Verse: The Recording History of Nirvana, su rocksbackpages.com. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  6. ^ (EN) In Which We Discard A Heart-Shaped Box, su thisrecording.com. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  7. ^ "Kurt Cobain: The Lost Interview"., su nirvanafreak.net. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2004).
  8. ^ (EN) The Editors of LIFE, LIFE Remembering Kurt Cobain: The Icon at 50, Time Inc. Books, 17 febbraio 2017, ISBN 978-1-68330-033-5. URL consultato il 26 maggio 2022.
  9. ^ (EN) A. C. Grimes, Kurt Cobain's Tragic Real-Life Story, su Grunge.com, 23 agosto 2018. URL consultato il 26 maggio 2022.
  10. ^ Kurt Cobain. URL consultato il 29 maggio 2022.
  11. ^ (EN) Sykeena Jackson, Was Kurt Kobain Left Handed or Right Handed, su Medium, 13 maggio 2018. URL consultato il 29 maggio 2022.
  12. ^ (EN) Lars Gotrich, 50 Artists Who Inspired Kurt Cobain, in NPR, 19 settembre 2011. URL consultato il 26 maggio 2022.
  13. ^ (EN) C. J. Baker, The Music That Inspired Nirvana: Kurt Cobain's Top 50 Albums, su Spinditty. URL consultato il 26 maggio 2022.
  14. ^ (EN) Kurt Cobain named the 10 albums that changed his life, su faroutmagazine.co.uk, 25 luglio 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  15. ^ (EN) The Lost Interview – Guitar World, su Kurt Cobain, 23 luglio 1993. URL consultato il 29 maggio 2022.
  16. ^ Kurt Cobain smoked oregano with his mum, su www.telegraph.co.uk. URL consultato il 29 maggio 2022.
  17. ^ LIVE NIRVANA SESSIONS HISTORY, su livenirvana.com, NirvanaFreak.net. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  18. ^ (EN) Perspective | Yes, Kurt Cobain was a grunge icon. He was also a gay rights hero., in Washington Post. URL consultato il 26 maggio 2022.
  19. ^ Kurt Cobain: "pensavo di essere gay" (FOTO, VIDEO), su HuffPost Italia, 24 ottobre 2013. URL consultato il 26 maggio 2022.
  20. ^ (EN) Six reasons why we still love Kurt Cobain, in BBC News, 5 aprile 2017. URL consultato il 26 maggio 2022.
  21. ^ (EN) Kurt Cobain On Discrimination Against Women And Sexual Identity | Faena, su faena.com. URL consultato il 26 maggio 2022.
  22. ^ (EN) raul, Nirvana’s Famous French Kiss On Saturday Night Live, su FeelNumb.com, 14 dicembre 2010. URL consultato il 26 maggio 2022.
  23. ^ (EN) Adam Farley, The Little-Known Story Of Tina Bell, The Black Woman Who Pioneered Seattle Grunge, su All That's Interesting, 27 aprile 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  24. ^ a b c Cross, 2001.
  25. ^ (EN) Ernie Smith, A Brief History of Rock Stars Destroying Guitars, su Atlas Obscura, 21 marzo 2016. URL consultato il 26 maggio 2022.
  26. ^ a b (EN) ‘Heroin stopped me dying of alcoholism’: Mark Lanegan, rock's great survivor, su the Guardian, 30 aprile 2020. URL consultato il 26 maggio 2022.
  27. ^ (EN) Kurt Cobain’s Blues Influence - Lead Belly - Cincy Blues Society, su https://cincyblues.org/. URL consultato il 26 maggio 2022.
  28. ^ (EN) rew Sacher, rew Sacher, Revisit Mark Lanegan and Kurt Cobain's 1989 cover of Lead Belly's "Where Did You Sleep Last Night?", su BrooklynVegan. URL consultato il 26 maggio 2022.
  29. ^ (EN) Stuart Williams published, How Screaming Trees frontman Mark Lanegan prevented Nirvana from breaking up during their early days, su MusicRadar, 23 febbraio 2022. URL consultato il 29 maggio 2022.
  30. ^ Mudhoney - Mark Arm :: Le interviste di OndaRock, su OndaRock. URL consultato il 26 maggio 2022.
  31. ^ a b c Marta Marciniak, Everybody Loves Our Town: An Oral History of Grunge, in The Oral History Review, vol. 40, n. 2, 1º luglio 2013, pp. 420–423, DOI:10.1093/ohr/oht050. URL consultato il 26 maggio 2022.
  32. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, From the Archives: Nirvana's Kurt Cobain was a reluctant hero who spoke to his generation, su Los Angeles Times, 5 aprile 2019. URL consultato il 26 maggio 2022.
  33. ^ Live! Tonight! Sold Out!! (USA, 1994).
  34. ^ (EN) Condé Nast, My Time with Kurt Cobain, su The New Yorker, 22 settembre 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  35. ^ (EN) Chris Cornell’s Reaction To Kurt Cobain’s Death, su Rock Celebrities, 5 dicembre 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  36. ^ (EN) Brett Buchanan, Courtney Love Reveals What Made Kurt Cobain Jealous Of Eddie Vedder, su AlternativeNation.net, 25 ottobre 2016. URL consultato il 29 maggio 2022.
  37. ^ (EN) A timeline of Kurt Cobain and Courtney Love's relationship, su faroutmagazine.co.uk, 24 febbraio 2022. URL consultato il 26 maggio 2022.
  38. ^ (EN) Condé Nast, Strange Love: The Story of Kurt Cobain and Courtney Love, su Vanity Fair, 1º settembre 1992. URL consultato il 26 maggio 2022.
  39. ^ (EN) Hannah Ongley, read an unearthed 1992 letter from a furious kurt cobain threatening to break up nirvana, su i-D, 25 aprile 2016. URL consultato il 30 maggio 2022.
  40. ^ (EN) News Archives, su Hollywood.com, 2 maggio 2022. URL consultato il 26 maggio 2022.
  41. ^ (EN) Classic Rockpublished, 'Kurt’s dealer looked like the angel of death': horror of Cobain’s near-fatal 1993 heroin overdose revealed in Dave Grohl book, su loudersound, 17 agosto 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  42. ^ (EN) How Krist Novoselic warned Kurt Cobain off heroin... with no success, su Radio X. URL consultato il 26 maggio 2022.
  43. ^ Marta Marciniak, Everybody Loves Our Town: An Oral History of Grunge, in The Oral History Review, vol. 40, n. 2, 1º luglio 2013, pp. 420–423, DOI:10.1093/ohr/oht050. URL consultato il 26 maggio 2022.
  44. ^ (EN) Andy Greene, Andy Greene, 'MTV Unplugged': The 15 Best Episodes, su Rolling Stone, 31 luglio 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  45. ^ (EN) MTV Unplugged: the 20 best performances – ranked and rated in order of greatness, su NME, 17 giugno 2020. URL consultato il 26 maggio 2022.
  46. ^ (EN) 30 Best 'MTV Unplugged' Performances, su SPIN, 26 novembre 2019. URL consultato il 26 maggio 2022.
  47. ^ (EN) The ten greatest 'MTV Unplugged' performances of all time, su faroutmagazine.co.uk, 16 dicembre 2021. URL consultato il 26 maggio 2022.
  48. ^ Amarcord: l'apparizione tv a Tunnel dei Nirvana, su tvblog.it. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  49. ^ Kurt and Courtney.
  50. ^ Cocktail micidiale, grave il leader dei Nirvana, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 26 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  51. ^ 21 Years Ago: Kurt Cobain Overdoses and Goes Into a Coma, su ultimateclassicrock.com. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  52. ^ Elenconotizie.com. URL consultato il 26 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2021).
  53. ^ Life After Death:Courtney Love, su rollingstone.com. URL consultato il 26 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2009).
  54. ^ (EN) Peyton Whitely, Kurt Cobain's Troubled Last Days -- Drugs, Guns And Threats; And Then He Disappeared, su community.seattletimes.nwsource.com, The Seattle Times, 9 aprile 1994. URL consultato il 9 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  55. ^ (EN) Kurt Cobain death scene photos, su cbsnews.com. URL consultato il 26 maggio 2022.
  56. ^ (EN) Corinne Heller • •, Kurt Cobain File Released by FBI 27 Years After His Death, su NBC Chicago. URL consultato il 26 maggio 2022.
  57. ^ (EN) Cobain's Widow Reads Parts of Suicide Note at Seattle Vigil, su articles.latimes.com. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  58. ^ (EN) Roisin Lanigan, What it was like working in music industry at the height of 90s grunge, su i-D, 7 aprile 2022. URL consultato il 31 maggio 2022.
  59. ^ (EN) https://themusic.com.au/, su themusic.com.au. URL consultato il 31 maggio 2022.
  60. ^ (EN) Don Colburn, SINGER'S SUICIDE DOESN'T LEAD TO 'COPYCAT' DEATHS, in Washington Post, 19 novembre 1996. URL consultato il 31 maggio 2022.
  61. ^ (EN) Cult heroes: Melvins, the dadaist rock outsiders who changed everything, su the Guardian, 17 novembre 2015. URL consultato il 30 maggio 2022.
  62. ^ (EN) Jon Blistein, Jon Blistein, Kurt Cobain Doc Headed to HBO in 2015, su Rolling Stone, 25 novembre 2014. URL consultato il 26 maggio 2022.
  63. ^ (EN) Oktay Ege Kozak, Oktay Ege Kozak, Review: Kurt Cobain Conspiracy Theory Docudrama ‘Soaked In Bleach’, su IndieWire, 15 giugno 2015. URL consultato il 12 giugno 2022.
  64. ^ (EN) Dennis Harvey, Dennis Harvey, Film Review: ‘Soaked in Bleach’, su Variety, 24 giugno 2015. URL consultato il 12 giugno 2022.
  65. ^ (EN) Graham HartmannGraham Hartmann, Courtney Love Attempts to Stop 'Soaked in Bleach' Screenings, su Loudwire. URL consultato il 12 giugno 2022.
  66. ^ The Time "The Simpsons" Went Grunge!. URL consultato il 26 maggio 2022.
  67. ^ Tim Walker: 'In Guitar Hero, a virtual Kurt Cobain can appear on stage with Bon Jovi', su independent.co.uk, The Independent. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  68. ^ Frasi di Lina da dota2.gamepedia.com, su dota2.gamepedia.com. URL consultato il 30 settembre 2015.
  69. ^ Kurt Cobain Day: il 20 febbraio si festeggia la star dei Nirvana, su repubblica.it, la Repubblica. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  70. ^ La chitarra di Kurt Cobain venduta per 6 milioni di dollari, è record - Cultura & Spettacoli, su Agenzia ANSA, 21 giugno 2020. URL consultato il 26 maggio 2022.
  71. ^ (EN) Kat Bouza,Daniel Kreps, Kat Bouza, Daniel Kreps, Kurt Cobain's 'Smells Like Teen Spirit' Guitar Sells for $4.5 Million at Auction, su Rolling Stone, 22 maggio 2022. URL consultato il 26 maggio 2022.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66668107 · ISNI (EN0000 0001 1068 5005 · SBN CFIV157422 · Europeana agent/base/60113 · LCCN (ENn94074027 · GND (DE119167735 · BNE (ESXX1174271 (data) · BNF (FRcb14050526t (data) · J9U (ENHE987007418204205171 · NSK (HR000066898 · NDL (ENJA00620504 · WorldCat Identities (ENlccn-n94074027