Apri il menu principale

Cipriano degli Alessandri

Cipriano degli Alessandri
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Bergamo
 
Natoa Bergamo
Nominato vescovoprima dell'8 maggio 1310
Decedutoprima del 3 novembre 1341 a Bergamo
 

Cipriano degli Alessandri (Bergamo, ... – Bergamo, 3 novembre 1341) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Gli Alessandri furono una famiglia patrizia di Bergamo, difficile conosce i dati anagrafici di Cipriano, anche se viene citato come uno dei pochi vescovi priginari della città. Risulterebbe che, rimasto vedono e con un figlio, scelse la vita diaconale. Questo ci viene riportato dalle Memorie istoriche della città e Chiese di Bergamo di Giuseppe Ronchetti[1]. Così una sua interpellanza al vescovo suo predecessore Giovanni da Scanzo, in riferimento al divieto di mantenere presso la propria residenza dicaconale i figli legittimi nati prima dello stato di vedovanza:

«Si presentò al Vescovo, li 11 di novembre il Canonico Cipriano degli Alessandri, quegli che fu poi Vescovo di Bergamo, esponendo un suo dubbio se in vigore di un decreto sinodale del medesimo vescovo, che proibiva a chierici di ritenere presso di sé i propri figli sotto pena della scomunica, vi fosse egli incorso per aver seco temuto in casa il suo figliuolo Giovannino, che prima d'esser ordinato Chierico aveva di legittimo matrimonio procreato e ne chiese ad ogni cautela l'assoluzione»

(Giuseppe Ronchetti)

Altri testi nomineranno questo Giovannino come nipote del vescovo di Bergamo Cipriano, come nel testo La storia di Cologno[2] che indica

«Fortuna grande per Cologno fu anche il fatto che il vescovo di Bergamo del tempo, Cipriano degli Alessandri, che fu uno dei più benemeriti prelati che abbia avuto la Chiesa in quei tempi, era parente di un ottimo sacerdote di Cologno, Giovannino degli Alessandri, nominato dal vescovo suo procuratore; come amministratore seppe ricuperare i diritti della mensa vescovile - esaminare le decime e compiere con precisione i suoi mandati - in modo tale che Cologno poté godere»

(Giacomo Drago, Luigi Chiodi)

Ancora le Memorie storiche di Clusone e della valle superiore nominerebbero un Giovannino Alessandri fu Alessandro Alessandri nominato procuratore dal vescovo Cipriano di Bergamo. Forse la testimonianza più antica è la più corrispondente.

I suoi atti quotidiani furono raccolti dal cancelliere Bartolomeo de Osa[3]. La lettura di questi testi ci presenta un vescovo molto amato e molto attivo, sicuramente a lui si deve la costruzione del Battistero, anticamente posizionato nella chiesa di Santa Maria Maggiore, realizzado da Giovanni da Campione, così come sua fu la commissione della monumentale tomba di Guglielmo Longhi. Acconsentì alla costruzione della chiesa di santa Lucia e annesso monastero[4]. Sarà suo il privilegio del 14 ottobre 1336 che autorizzò la Regola della compagni dei disciplini, concedendo anche l'indulgenza a chi ne avesse sostenuto le necessità primarie[5].

Al Cipriano si deve l'unificazione in un'unica compagnia le numerose congregazione dei disciplinati flaggellanti presenti nella città orobica nel 1336[6][7].

Incerta è la sua data di morte.

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe Ronchetti, Memorie istoriche della citta e Chiese di Bergamo, Bergamo. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  2. ^ Giacomo Drago e Luigi Chiodi, la storia di Cologno, Comune di Cologno al Serio, 1963, p. 99.
  3. ^ Giulia Berardi Azzola, Cipriano degli Alessandri, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1964. URL consultato il 29 dicembre 2017.
  4. ^ Carlo Facchinetti, Bergamo o sia notizie patrie raccolte da carlo Facchinetti, stamperie Mazzoleni, 1810, p. 56.
  5. ^ Barbara Villa, I disciplini a Bergamo (PDF), su accademiasanluca.eu. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  6. ^ Bergamo scomparsa, Bergamosera. URL consultato il 17 maggio 2018.
  7. ^ Barbara Villa, I Disciplini a Bergamo: appunti per I Disciplini Bergamo: appunti per una nuova lettura iconografica (PDF), su accademiasanluca.eu, 2014. URL consultato il 18 maggio 2018.

Voci correlateModifica