Consulta nazionale della proprietà collettiva

La Consulta nazionale della proprietà collettiva è un'associazione senza fine di lucro che riunisce le comunità utenti di usi civici o di demani civici, delle università agrarie e delle proprietà collettive, con lo scopo di difendere e valorizzare questi antichi istituti giuridici nei loro aspetti economici, sociali, naturalistici e culturali, attraverso ricerche, iniziative e manifestazioni idonee ad una maggior conoscenza delle risorse naturali ed antropiche che sono (o possono essere) tenute o utilizzate in forma collettiva dalle comunità locali.

Fondata in Roma, presso il Senato della Repubblica, il 7 marzo 2006, essa ha attualmente sede in Trento.

Ha una struttura federativa, organizzata in coordinamenti a livello regionale.

La sua attività si ispira al Manifesto di Roma - dichiarazione comune delle proprietà collettive, approvato a Palazzo Madama al momento della fondazione.

Il presidente è Michele Filippini (Partecipanza Agraria di Villa Fontana), il vicepresidente è Marcello Marian (Università agraria di Colonna).

A seguito della riunione del comitato direttivo della Consulta tenutasi a Roma nel mese di novembre 2018 Marcello Marian, presidente dell'A.R.U.A.L. (Associazione Regionale Università Agrarie Lazio), è stato eletto presidente della Consulta nazionale della proprietà collettiva. Vicepresidenti sono stati eletti: Rita Laurenzano (Calabria) e Stefano Lorenzi (Veneto). L'impegno programmatico del presidente Marian è quello di "meridionalizzare" la consulta portandola a contatto con le realtà delle regioni meridionali d'Italia.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica