Contenebra

Cortuosa era una città etrusca nel territorio di Tarquinia.

Nel 388 a.C. i romani decisero di razziare il territorio di Tarquinia, per rappresaglia delle razzie compiute dagli etruschi nei territori romani.

Durante le razzie espugnarono le città di Cortuosa e Contenebra, ma mentre la prima fu presa con facilità dai romani, Contebra per alcuni giorni riuscì a resistere ai romani.

«Contenebra resse invece l'assedio per alcuni giorni, ma l'incessante impegno armato, giorno e notte, senza alcuna tregua ebbe ragione dei suoi abitanti. Siccome l'esercito romano era stato diviso in sei contingenti ciascuno dei quali combatteva per sei ore a turno mentre gli assediati erano così pochi che toccava sempre agli stessi uomini stremati il cómpito di opporsi a forze sempre fresche, alla fine questi ultimi cedettero, e i Romani furono in grado di irrompere in città»

(Tito Livio, "Ab Urbe Condita", VI, 4.)