Convenzione di Ginevra del 1961

La Convenzione di Ginevra del 1961 sull'arbitrato commerciale internazionale rappresenta la più importante fonte convenzionale di disciplina dell'arbitrato internazionale in materia commerciale.

Essa è applicabile alle procedure arbitrali se e in quanto entrambe le parti di un contratto abbiano sede o residenza in Stati aderenti alla Convenzione.

Stati aderentiModifica

L'Italia ha ratificato e dato esecuzione alla Convenzione con L. 10 maggio 1970 n. 418.

Oltre all'Italia, vi hanno aderito i seguenti paesi:

  • Albania: ratifica 27 giugno 2001
  • Austria: firma 21 aprile 1961, ratifica 6 marzo 1964
  • Azerbaigian: ratifica 17 gennaio 2005
  • Belgio: firma 21 aprile 1961, ratifica 9 ottobre 1975
  • Bielorussia: firma 21 aprile 1961, ratifica 14 ottobre 1963
  • Bosnia ed Erzegovina: ratifica 1º settembre 1993
  • Bulgaria: firma 21 aprile 1961, ratifica 13 maggio 1964
  • Croazia: ratifica 26 luglio 1993
  • Cuba: ratifica 1º settembre 1965
  • Danimarca: firma 21 aprile 1961, ratifica 22 dicembre 1972
  • Federazione Russa: firma 21 aprile 1961, ratifica 27 giugno 1962
  • Francia: firma 21 aprile 1961, ratifica 16 dicembre 1966
  • Germania: firma 21 aprile 1961, ratifica 27 ottobre 1964
  • Lettonia: ratifica 20 marzo 2003
  • Lussemburgo: ratifica 26 marzo 1982
  • Macedonia: ratifica 10 marzo 1994
  • Montenegro: ratifica 23 ottobre 2006
  • Polonia: firma 21 aprile 1961, ratifica 15 settembre 1964
  • Repubblica Ceca: ratifica 30 settembre 1993
  • Romania: firma 21 aprile 1961, ratifica 16 agosto 1963
  • Serbia: ratifica 12 marzo 2001
  • Slovacchia: ratifica 28 maggio 1993
  • Slovenia: ratifica 6 luglio 1992
  • Spagna: firma 14 dicembre 1961, ratifica 12 maggio 1975
  • Turchia: firma 21 aprile 1961, ratifica 24 gennaio 1992
  • Ucraina: firma 21 aprile 1961, ratifica 18 marzo 1963
  • Ungheria: firma 21 aprile 1961, ratifica 9 ottobre 1963

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto