Coroglio

zona di Napoli
Coroglio
frazione
Coroglio – Veduta
La zona di Coroglio vista dal pontile nord
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
Città metropolitanaStemma Città Metropolitana di Napoli.png Napoli
ComuneCoA Città di Napoli.svg Napoli
Territorio
Coordinate40°48′28.62″N 14°10′24.89″E / 40.807951°N 14.17358°E40.807951; 14.17358 (Coroglio)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Coroglio
Coroglio

Coroglio è una zona di Napoli a ridosso di Capo Posillipo, attraversata dall'omonima via panoramica che collega la collina di Posillipo con il quartiere di Bagnoli, di cui delimita per un tratto il lungomare.

Il tratto di ascesa alla collina di Posillipo (oggi "Discesa di Coroglio") era conosciuto in origine come "Rampa di Coroglio" o "dei tedeschi", per le esplorazioni che studiosi tedeschi fecero all'inizio dell'Ottocento nella Grotta di Seiano (che si apre sulla via). La rampa fu trasformata in strada rotabile nel 1840 [1]. Il toponimo (riferito all'estremità della collina di Posillipo da cui parte la strada) pare derivi dal termine napoletano "curuoglio", con cui si indica "quel cercine o torciglione di panno, che si adatta sul capo a comodo trasporto di oggetti pesanti" [2]

Per gran parte del suo tracciato via Coroglio separa dal mare l'area dismessa dell'ex polo siderurgico dell'Italsider. La zona, nell'Ottocento a vocazione turistica e nel secolo successivo fortemente industrializzata, è oggi parte integrante dell'area di intervento dei progetti di riqualificazione urbana di "Bagnoli Futura".

NoteModifica

  1. ^ Luigi Lancellotti, Sullo scavo della grotta di Sejano e sulla nuova strada di Coroglio, Napoli, tip. del Vesuvio, 1840
  2. ^ Gino Doria, Le strade di Napoli: saggio di toponomastica storica, Napoli, R. Ricciardi, 1943

Voci correlateModifica

  Portale Napoli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Napoli