Apri il menu principale

Corona ossidionale

La corona ossidionale (latino: corona obsidionalis), detta anche corona d'erba (latino: corona graminea), era una corona romana usata come onorificenza della Repubblica e dell'Impero. Era il massimo simbolo di valore militare e spettava al comandante che avesse salvato un esercito assediato o a colui che avesse, con il proprio intervento, salvato un esercito dalla sicura distruzione.

Caratteristiche della corona ossidionaleModifica

La corona era realizzata da un serto d'erba o fiori selvatici intrecciati, colti nei pressi del campo di battaglia, riprendendo in questo la consuetudine arcaica di premiare il vincitore nelle gare atletiche con una manciata d'erba del terreno di gara.

Plinio il Vecchio ci fornisce una lista di persone cui venne tributata la corona d'erba:

NoteModifica

  1. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, Liber XXII, 11."Praeter hos contigit eius coronae honos M. Calpurnio Flammae tribuno militum in Sicilia, centurioni vero uni ad hoc tempus Cn. Petreio Atinati Cimbrico bello. primum pilum is capessens sub Catulo exclusam ab hoste legionem suam hortatus tribunum suum dubitantem per castra hostium erumpere interfecit legionemque eduxit. invenio apud auctores eundem praeter hunc honorem adstantibus Mario et Catulo coss. praetextatum immolasse ad tibicinem foculo posito"

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Fonti secondarieModifica

  • William Smith, "Corona", A Dictionary of Greek and Roman Antiquities, John Murray, 1875.
  Portale Esercito romano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di esercito romano