Apri il menu principale
Cotiche in cottura

La cotica o cotenna è la pelle del maiale. Viene usata in cucina come alimento, entra come ingrediente principale in alcuni piatti tradizionali italiani come i fagioli con le cotiche o la cassoeula[1]. Usata nella cucina contadina, quando del maiale non si buttava niente, riscuote meno successo nell'alimentazione odierna, che presta attenzione all'apporto di calorie e ai grassi[2].

EtimologiaModifica

Dal tardo latino cùtica, formato su cutis ossia pelle, e dal greco antico, kytos, skytos, cuoio, pelle, copertura[1].

SalumiModifica

 
Punteruolo per forare cotenne

Fa parte, con carne, grasso e spezie, della composizione di alcuni salumi da cuocere. I i cotechini prendono appunto il nome dalle cotiche che li compongono[2]. Con altre parti considerate di scarto entra nella composizione di alcuni tipi di soppresse e coppe di testa. Nel cappello del prete e nello zampone di Modena costituisce anche l'involucro che racchiude l'impasto macinato[3].

Piatti a base di coticaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b cótica in Vocabolario, su treccani.it. URL consultato il 18 maggio 2018.
  2. ^ a b Cotenna o Cotica di Maiale, su lorenzovinci.it. URL consultato il 18 maggio 2018.
  3. ^ Cotechino Patrimoine culinaire, su patrimoineculinaire.ch. URL consultato il 18 maggio 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina