Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Craurosi vulvare
Specialitàurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-10N90.4
MeSHD007724

La craurosi vulvare (o vulvite leucoplastica, leucocraurosi o malattia di Breisky) è una malattia rara della mucosa vulvare caratterizzata da progressiva atrofia e sclerosi che si manifesta successivamente alla menopausa.
L'eziologia è da ricercare nel deficit ormono-secretivo ovarico conseguente alla menopausa, a stati carenziali vitaminici, al diabete mellito, alla lue, all'ovarectomia o all'insufficienza ovarica pre-menopausale.

Presentazione clinicaModifica

La craurosi vulvare si caratterizza per dispareunia, prurito vulvare, disuria, pollachiuria, stranguria e talora dolore e bruciore locale. All'esame obiettivo ginecologico, l'introito vaginale appare ristretto associato dapprima ad eritema e successivamente a scomparsa delle pieghe cutanee e a sclerosi del vestibolo vulvare. La sclerosi e l'atrofia delle piccole labbra con leucoplachia della mucosa, la stenosi vaginale e la comparsa di lesioni precancerose sono complicanze tardive. La diagnosi è clinico-anamnestica; l'aspetto istologico della craurosi vulvare è indistinguibile dal lichen sclerosus.

TrattamentoModifica

Le pazienti devono attenersi ad uno stretto follow-up dal medico ginecologo al fine di identificare precocemente eventuali lesioni pre-neoplastiche. Utile è l'uso di estrogeni per applicazione topica o per via sistemica. Nei casi più gravi con biopsia suggestiva per carcinoma vulvare, il trattamento è chirurgico.

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina