Apri il menu principale

Croce al merito di guerra (Germania)

onorificenza tedesca
Croce al merito di guerra
Kriegsverdienstkreuz
Kriegsverdienstkreuz.jpg
Croce al merito di guerra di I classe
Germania
Germania nazista
TipoOrdine cavalleresco statale
Statuscessato
CapoAdolf Hitler
IstituzioneBerlino, 1939
CessazioneBerlino, 1945
GradiCavaliere
Croce I classe
Croce di II classe
Medaglia
Lista delle onorificenze della Germania nazista
DEU KVK 2 Klasse BAR.svg
Nastro

La croce al merito di guerra (in tedesco: Kriegsverdienstkreuz) fu un'onorificenza concessa dalla Germania nazista.

Indice

StoriaModifica

L'onorificenza venne creata da Adolf Hitler nel 1939 come principale decorazione al merito, riservando quindi la Croce di Ferro unicamente alle azioni al valore. Il presupposto per la croce di ferro erano infatti atti di valore di fronte al nemico o meriti eccezionali di comando. Nelle guerre precedenti la Croce di Ferro veniva conferita sia per valore che per merito, ma in quest'ultimo caso veniva portata con il nastro bianco invece che nero.

La croce al merito di guerra veniva concessa per meriti di guerra ed aveva due varianti: con spade (concessa ai soldati per servizi eccezionali connessi alla battaglia, ma non direttamente in prima linea) e senza spade (concessa per servizio meritevole dietro le linee di combattimento oltre che ai civili). La condizione di concessione è che per accedere a un grado più alto, l'insignito dovesse già possedere la medaglia di grado inferiore. L'ultima classe, la medaglia, venne creata solo nel 1940 e riservata unicamente ai civili dal momento che la creazione di molte croci di II classe senza spade era divenuta onerosa e svalutante per la classe.

Uno dei più notabili insigniti della croce al merito di guerra fu William Joyce il quale ricevette la II e la I classe entrambe senza spade. Solitamente quanti ricevevano la croce di cavaliere al merito di guerra ricevevano simultaneamente anche la croce di cavaliere dell'ordine della croce di ferro.

Un ulteriore grado venne creato su suggerimento di Albert Speer, ovvero la "croce d'oro di cavaliere", la quale però rimase unicamente allo stadio di abbozzo e non venne mai concessa, anche se ebbe sulla carta due riceventi: Franz Hahne e Karl Saur.

Il nastro della decorazione era rosso-bianco-nero-bianco-rosso ove il rosso e il nero erano colori ereditati dalla precedente versione della croce di guerra mentre il bianco e il nero erano presenti anche nella Croce di Ferro. Il nastro della medaglia era simile ma con un'ulteriore piccola striscia rossa nel mezzo.

Numero di concessioniModifica

In totale sono state concesse 118 onorificenze di Cavaliere con spade, 137 di Cavaliere senza spade, mentre le altre medaglie sono state concesse in gran numero. Le cifre esatte non sono documentate.

  • Kriegsverdienstkreuz II. Klasse ca. 2.700.000
  • Kriegsverdienstkreuz I. Klasse ca. 140.000
  • Ritterkreuz des KVK ca. 250

Solo sei persone nel corso della storia della decorazione hanno ricevuto due volte l'onorificenza di cavaliere nelle due versioni, con spade e senza: Walter Brugmann, Julius Dorpmuller, Karl-Otto Saur, Albin Sawatzki, Walter Schreiber e Walter Rohlandt.

Medaglie
Nastri
Medaglia Croce di II classe Croce di II classe con spade Croce di I classe Croce di I classe con spade Croce di Cavaliere Croce di Cavaliere con spade

Insigniti notabiliModifica

NoteModifica

  1. ^ Fleming, Alexander, Hitler and the Final Solution, University of California Berkeley 1984 ISBN 0-520-05103-3 at pages 99-100.

BibliografiaModifica

  • Antonio Scapini, Decorazioni distintivi e attestati di conferimento del Terzo Reich, Albertelli, 2012, ISBN 978-88-87372-99-1
  • LTC John R. Angolia, FOR FÜHRER AND FATHERLAND: Military Awards of the Third Reich, 1976 R. James Bender Publishing. ISBN 0-912138-14-9
  • Gordon Williamson e Josef Charita, WAR MERIT CROSS, 2008, R. James Bender Publishing. ISBN 1-932970-06-1
  • E. W. W. Fowler, NAZI REGALIA, 1992, Brompton Books Corp. ISBN 1-55521-767-2
  • Robin Lumsden, MEDALS AND DECORATIONS OF HITLER'S GERMANY, 2002, Airlife Publishing. ISBN 1-84037-178-1

Altri progettiModifica

  Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo