Cronache di San Gallo

Cronache di San Gallo
Titolo originaleCasus Sancti Galli
Autore
Periodofine IX secolo-prima metà del XIII secolo (escludendo Christian Kuchimaister)
Generecronaca
Lingua originalelatino, tedesco

Le cronache di San Gallo, in latino Casus sancti Galli, è l'insieme delle cronache stilate dai monaci dell'Abbazia di San Gallo tra la fine del IX e la prima metà del XIII secolo.

Le cronache furono scritte da più mani, coprendo un arco temporale di circa tre secoli. Le fasi di scrittura delle cronache sono:

Anno di redazione Autore Anno in cui la cronaca si chiude Note
890 circa Ratperto fino al 883 si chiude con la visita del monastero da parte di Carlo III il Grosso[1]
922-925 sconosciuto ? forse la cronaca di Ratperto venne continuata sotto l'abate Hartmanno, ma non ci è pervenuta nessuna copia[2]
1050 circa Eccardo IV fino a 972 si chiude con la visita del monastero da parte di Ottone I, Ottone II e delle rispettive consorti, Adelaide e Teofano[1]
dopo il 1076 Continuatio anonima I fino al 1022 [1]
dopo il 1076 Continuatio anonima II fino al 1076 [1]
dopo il 1133 Continuatio anonima III fino al 1133 [1]
dopo il 1200 Continuatio anonima IV fino al 1200 [1]
1203 circa Continuatio anonima V fino al 1203 [1]
1235 circa Corrado di Fabaria (Pfäfers) fino al 1234 [1]
? Christian Kuchimaister ? autore non monaco e scrittore in lingua tedesca[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i Gian Carlo Alessio (a cura di), Introduzione, in Cronache di San Gallo, traduzione di Gian Carlo Alessio, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2004, pp. VII-XI, ISBN 88-06-17085-6.
  2. ^ Gian Carlo Alessio (a cura di), Nota critica, in Cronache di San Gallo, traduzione di Gian Carlo Alessio, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2004, p. XIII, ISBN 88-06-17085-6.

BibliografiaModifica