Apri il menu principale

Lingua tedesca

lingua germanica occidentale
Tedesco
Deutsch
Parlato in Germania, Austria, Svizzera tedesca, Lussemburgo, Provincia autonoma di Bolzano, Val Canale e altre isole linguistiche in Friuli (Italia), Comunità germanofona del Belgio, Liechtenstein. È inoltre riconosciuto come minoranza linguistica in altri stati europei, mentre viene parlato da emigranti tedeschi in diversi stati del mondo (prevalentemente nelle Americhe ed in alcune isole dell'Oceania) ed in ex possedimenti coloniali (Namibia, Togo, Tanzania, Camerun e in alcune isole del Pacifico). Parlato molto anche in: Canada, Brasile, Russia.
Locutori
Totale 110 milioni e quasi 200 milioni (come altra lingua)
Classifica 11
Altre informazioni
Scrittura Latina (in precedenza anche Fraktur e Sütterlin)
Tipo SVO + SOV + VSO flessiva
Tassonomia
Filogenesi Indoeuropee
 Germaniche
  Occidentali
   Tedesco
Statuto ufficiale
Ufficiale in Europa Europa[1]

Germania Germania
Austria Austria
Svizzera Svizzera
Liechtenstein Liechtenstein
Italia Italia (Alto Adige/Südtirol)[2], (isole linguistiche in Friuli Venezia Giulia)
Brasile Brasile (Municipalità di Antônio Carlos e Pomerode)
Belgio Belgio
Lussemburgo Lussemburgo
Polonia Polonia (Voivodato di Opole)
Codici di classificazione
ISO 639-1 de
ISO 639-2 deu (T), ger (B)
ISO 639-3 deu (EN)
Glottolog stan1295 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Alle Menschen sind frei und gleich an Würde und Rechten geboren. Sie sind mit Vernunft und Gewissen begabt und sollen einander im Geiste der Brüderlichkeit begegnen.
Legal statuses of German in the world.svg
Legal statuses of German in Europe.svg
Distribuzione geografica del tedesco

Il tedesco (Deutsch[?·info]; [dɔɪ̯ʧ]) è una lingua indoeuropea appartenente al ramo occidentale delle lingue germaniche.

È la lingua con il maggior numero di parlanti nativi del continente europeo[3] e dell'Unione europea[4], parlata come prima lingua e riconosciuta come lingua ufficiale in Germania, in Austria, in Svizzera, Liechtenstein e in Namibia (ufficiale come lingua regionale).

All'interno del gruppo germanico è la lingua più diffusa nel mondo dopo l'inglese.

Indice

Distribuzione geograficaModifica

Il tedesco è parlato prevalentemente nell'Europa centrale: in Germania, Austria e Svizzera[5].

Con circa 112 milioni di parlanti distribuiti in 38 Stati, è una lingua pluricentrica come l'inglese. Vi sono infatti isole linguistiche tedesche in tutti i continenti e alcune di queste comunità esistono da diversi secoli.

Secondo Ethnologue la lingua tedesca è la 11ª lingua parlata come prima lingua per dimensione; essa è parlata complessivamente in 43 Paesi da 90,3 milioni di persone[6].

 
Esempi di uso della lingua tedesca nella vita di tutti i giorni in Namibia.
Paese Popolazione di lingua tedesca (al di fuori dell'Europa)[7]
  Stati Uniti 5.000.000
  Brasile 1.400.000
  Canada 450.000
  Argentina 250.000
  Messico 200.000
  Australia 110.000
  Sudafrica 75.000 (solo cittadini tedeschi espatriati)[7]
  Colombia 70.000
  Cile 50.000
  Nuova Zelanda 37.500
  Paraguay 30.000
  Namibia 30.000 (solo cittadini tedeschi espatriati)[7]
  Venezuela 10.000
  Perù 7.583 (esclusi i cittadini tedeschi espatriati)

EuropaModifica

 
Conoscenza della lingua tedesca nella Unione europea.

Il tedesco è parlato soprattutto in Germania (dove è la prima lingua per oltre il 95% della popolazione), Austria (89%), Svizzera (65%), nella maggior parte del Lussemburgo e nel Liechtenstein; quest'ultimo è il solo paese al mondo dove il tedesco è l'unica lingua ufficiale e parlata.

Il tedesco è anche una delle tre lingue ufficiali del Belgio, insieme all'olandese ed al francese. I parlanti sono concentrati soprattutto all'interno della comunità germanofona del Belgio e costituiscono circa l'1% della popolazione del paese.

In Italia il tedesco è riconosciuto come lingua ufficiale provinciale assieme all'italiano in Alto Adige. Gode inoltre dello status di coufficialità in Friuli-Venezia Giulia (Val Canale e altre isole linguistiche carnico-germaniche). Dialetti ascrivibili alla famiglia linguistica del tedesco sono parlati dalle minoranze walser del Piemonte e della Valle d'Aosta, da quelle mochene del Trentino e da quelle carnico-germaniche di Sauris, Timau e Sappada nel Friuli. Sempre alla famiglia delle lingue germaniche appartiene la lingua cimbra, parlata dalla minoranza linguistica dei cimbri presente tra Veneto e Trentino.

Il tedesco viene inoltre parlato in parti della Polonia (Voivodato di Opole), dell'Alsazia e della Lorena (Francia) e in alcuni centri di confine nella Contea dello Jutland meridionale in Danimarca.

Comunità di lingua tedesca si possono trovare anche in Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Polonia, Romania, Serbia, Slovenia, Russia e Kazakistan. La forzata espulsione dei tedeschi dopo la seconda guerra mondiale e l'emigrazione di massa verso la Germania negli anni '80 e '90 del XX secolo hanno però sensibilmente ridotto molte di queste comunità.

AfricaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Tedeschi della Namibia.

Il tedesco è parlato da circa 25-30.000 persone come lingua madre nell'ex-colonia tedesca della Namibia. Sebbene abbia perso il suo status di lingua ufficiale del paese, è ancora usato in molti ambiti, specialmente per gli affari e il turismo, così come nelle chiese (si pensi alla tedescofona Chiesa Evangelica Luterana della Namibia - GELK), nelle scuole (ad esempio il Deutsche Höhere Privatschule Windhoek), in letteratura (tra gli autori germano-namibiani si annovera Giselher W. Hoffmann), nella radio (programmi in lingua tedesca della Namibian Broadcasting Corporation) e nella musica (ad esempio il rapper EES).

C'è un certo numero di comunità in Sud Africa dove è parlata la lingua tedesca, specialmente nei pressi di Wartburg.

Nord AmericaModifica

 
Giornali di lingua tedesca negli Stati Uniti nel 1922.
 
La diffusione della lingua tedesca negli USA nel 2000.

Negli USA il Nord Dakota e Sud Dakota sono gli unici stati in cui il tedesco è la lingua parlata a casa più comune dopo l'inglese (la seconda lingua più parlata negli altri stati è lo spagnolo, il francese o il tagalog)[8]. Nomi geografici tedeschi posso anche essere trovati nella regione del Midwest, come New Ulm e molte altre città del Minnesota; Bismarck (la capitale del Dakota del Nord), Munich, Karlsruhe e Strasburg nel Dakota del Nord; New Braunfels, Fredericksburg, Weimar e Muenster nel Texas; Corn (precedentemente Korn), Kiefer e Loyal (prima nota come Kiel) e Berlin in Oklahoma; Kiel, Berlin e Germantown nel Wisconsin.

Tra il 1843 e il 1910 oltre 5 milioni di tedeschi emigrarono oltreoceano[9], soprattutto verso gli Stati Uniti[10]. Il tedesco rimase una lingua importante nelle chiese, nelle scuole, nei giornali e anche nell'amministrazione della United States Brewers' Association[11] fino alla prima metà del XX secolo, ma venne pesantemente represso a partire dalla prima guerra mondiale. Durante il corso del XX secolo molti dei discendenti degli immigrati tedeschi del XVIII e XIX secolo cessarono di parlare tedesco a casa, ma una piccola popolazione di parlanti può ancora essere trovata nella Pennsylvania (Amish, hutteriti, Dunkard e alcuni mennoniti parlano storicamente il tedesco hutterita e una varietà di tedesco centro-occidentale noto come tedesco della Pennsylvania o olandese della Pennsylvania), Kansas (mennoniti e tedeschi del Volga), Nord Dakota (tedeschi hutteriti, mennoniti, tedesco-russi, tedeschi del Volga e tedeschi del Baltico), Dakota del Sud, Montana, Texas (tedeschi del Texas), Wisconsin, Indiana, Oregon, Oklahoma e Ohio (72.570)[12]. Un gruppo significante di tedeschi pietisti nell'Iowa fondò Amana Colonies e continua a parlare la propria lingua. All'inizio del ventesimo secolo l'immigrazione fu diretta principalmente verso St. Louis, Chicago, New York, Milwaukee, Pittsburgh e Cincinnati.
I tedescofoni negli USA sono scesi dai 2.759.032 (solo tra la popolazione nata all'estero) del 1910 ai 1.083.637 del 2010[13]. La lingua tedesca era insegnata nel 24% delle scuole statunitensi nel 1997 e solo nel 14% nel 2008[14].

Germanofoni negli USA
Anno
Parlanti
1910*
2.759.032
1920*
  2.267.128
1930*
  2.188.006
1940*
  1.589.048
1960*
  1.332.399
1970*
  1.201.535
1980[15]
  1.586.593
1990[16]
  1.547.987
2000[17]
  1.383.442
2010[18]
  1.083.637
Note:*Solo tra la popolazione nata all'estero[19]

In Canada vi erano 622.650 parlanti tedesco secondo il censimento del 2006,[20] di cui 450.570 - l'1.4% della popolazione totale del Paese - madrelingua. Le comunità tedescofone si trovavano soprattutto nella British Columbia (118.035) e in Ontario (230.330).[20] Il numero di tedeschi madrelingua è ad ogni modo in calo da diversi decenni: dai 558.965 del 1971 (il 2,6% della popolazione totale canadese) sono scesi a 384.040 nel censimento del 2016 (1,1%). Tra il 1945 e il 1994 circa 400.000 immigrati germanofoni giunsero in Canada,[21] la stragrande maggioranza dei quali è stata largamente assimilata.
Secondo il censimento del 2016, sono 3.322.405 i canadesi di origine tedesca.[22] La popolazione di origine tedesca è distribuita in tutto il paese. Una numerosa e vibrante comunità si trova a Kitchener, Ontario, un tempo chiamata Berlin. Gli immigrati tedeschi giunti dopo la seconda guerra mondiale riuscirono a preservare la propria lingua e nella prima metà del XX secolo oltre un milione di tedesco-canadesi resero la lingua tedesca la terza più parlata del paese dopo inglese e francese.

Lingua tedesca in Canada:
Anno Popolazione Canada Madrelingua tedesca % Parlanti totali (%)
1971 21.962.032 558.965[23] 2,6
1991 28.037.420 490.650 1,8
1996 28.846.761[24] 470.505[23] 1,6
2001 30.007.094[25] 438.080 1,46
2006 31.241.030 450.570 1,4 622.650 (2,0)[20]
2011 33.476.688 409.200 [26] 1,24
2016 35.151.728[27] 384.040 1,1

Anche in Messico vi è una grossa popolazione di origine tedesca, soprattutto nelle città di: Città del Messico, Puebla, Mazatlán, Tapachula, Ecatepec de Morelos, e ancora di più sparpagliati nello stati di Chihuahua, Durango e Zacatecas.

Sud AmericaModifica

 
Colonie tedesche nel Brasile meridionale.

In Brasile i germanofoni provenienti da Germania, Svizzera e Austria sono il terzo gruppo di immigrati più numeroso dopo i portoghesi e gli italo-brasiliani. Vi sono anche importanti comunità che parlano tedesco in Argentina, Cile, Paraguay, Venezuela, Perù e Bolivia. Nel XX secolo oltre 100.000 rifugiati politici e imprenditori tedeschi si sono stabiliti nell'America Latina, in paesi come Costa Rica, Panama, Venezuela e la Repubblica Dominicana, stabilendo enclave germanofone.

Un gran numero di tedeschi si sono stabiliti in Paraguay, mantenendo in molti casi la loro rispettiva lingua e la loro cultura, con aree che tutt'oggi sono rimaste a maggioranza tedesca come Filadelfia, Loma Plata e Neuland nel Chaco centrale, Nueva Germania (fondata nel 1887 da immigrati tedeschi sostenitori della supremazia della razza ariana) nel dipartimento di San Pedro, Colonias Unidas in Itapúa e Independencia a Guairá.[28] Durante la lunga dittatura militare dell'oriundo tedesco Alfredo Stroessner, generale di dichiarate simpatie naziste (durante il suo regime, il Paraguay divenne un sicuro rifugio per i criminali di guerra nazisti, tra cui Josef Mengele),[29][30][31] venne proibito l'uso ufficiale della lingua guaraní (la lingua che tuttora è la più parlata nel Paese), riconoscendo l'ufficialità al solo castigliano, la "lingua dei dominatori", accarezzando per un certo periodo persino l'idea di rendere seconda lingua ufficiale del Paese non il guaraní, bensì il tedesco. Tuttora, tra le minoranze del Paraguay, si contano 25.000 mennoniti di lingua tedesca nel deserto del Chaco.[32]

In Brasile la maggiore concentrazione di germanofoni si trova negli stati di Rio Grande do Sul (dove si è sviluppato il Riograndenser Hunsrückisch), Santa Catarina, Paraná, São Paulo e Espírito Santo. Quasi tutti gli abitanti di Pomerode, una municipalità nello stato di Santa Catarina in Brasile, dove questa lingua è co-ufficiale[33][34], sono in grado di parlare tedesco.

Municipalità che hanno il pomerano orientale come lingua co-ufficiale:

 
Municipalità dello stato di Espírito Santo (Brasile) dove il dialetto pomerano orientale è co-ufficiale.

Espírito Santo:

[39]

[40][41]

[43]Minas Gerais:

Santa Catarina:

[39][47]Rio Grande do Sul:

[39][48] Rondônia:

[52]Municipalità che hanno la lingua Riograndenser Hunsrückisch come lingua co-ufficiale:

Santa Catarina:

Rio Grande do Sul:

Secondo le stime di Ethnologue, nel 2016 vi erano 4.508.000 persone in Brasile che parlavano un dialetto tedesco,[58] e più precisamente: circa 3 milioni di brasiliani parlano il Riograndenser Hunsrückisch, 1,5 milioni tedesco standard (in tedesco Standarddeutsch o Hochdeutsch) e 8.000 il Plautdietsch (basso tedesco mennonita).

Lingua ufficiale/Riconoscimenti ufficialiModifica

Il tedesco come lingua ufficiale o co-ufficiale[59]:
  1.   Germania
  2.   Austria
  3.   Liechtenstein
  4.   Svizzera (lingua co-ufficiale [seppur maggioritaria])
  5.   Belgio (lingua co-ufficiale nella Comunità germanofona del Belgio)
  6.   Danimarca (lingua co-ufficiale regionale)[senza fonte]
  7.   Italia (lingua co-ufficiale nell'Alto Adige e nelle isole linguistiche tedescofone del Friuli Venezia Giulia)
  8.   Brasile (lingua co-ufficiale nelle municipalità di Antônio Carlos[53] e Pomerode[33][34])
  9.   Polonia (Voivodato di Opole)
Il tedesco come lingua nazionale o altra lingua parlata da una minoranza[59]:
  1.   Argentina
  2.   Australia
  3.   Belgio (nella provincia di Liegi, eccetto la Comunità germanofona del Belgio)
  4.   Bosnia ed Erzegovina
  5.   Brasile
  6.   Canada
  7.   Cile
  8.   Colombia
  9.   Croazia
  10.   Rep. Ceca
  11.   Ecuador
  12.   Estonia
  13.   Finlandia
  14.   Francia
  15.   Ungheria
  16.   Israele
  17.   Kazakistan
  18.   Kirghizistan
  19.   Lussemburgo (lingua nazionale)
  20.   Moldavia
  21.   Mozambico
  22.   Namibia
  23.   Paraguay
  24.   Perù
  25.   Filippine
  26.   Polonia (usato come seconda lingua)
  27.   Porto Rico
  28.   Romania
  29.   Russia
  30.   Serbia
  31.   Slovacchia (usato anche l'ungherese o lo slovacco)
  32.   Slovenia
  33.   Sudafrica
  34.   Tagikistan
  35.   Italia (lingua parlata in alcune aree linguistiche storiche cimbre, mochene, Walser e lingua straniera più studiata nelle scuole della Provincia autonoma di Trento)
  36.   Ucraina
  37.   Emirati Arabi Uniti
  38.   Stati Uniti
  39.   Uruguay
  40.   Uzbekistan
  41.   Venezuela (come il dialetto Alemán Coloniero)
  42.   Papua Nuova Guinea (come Unserdeutsch o Creolo tedesco di Rabaul)

GrammaticaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Grammatica tedesca.

La lingua tedesca è una lingua flessivo-fusiva.

A causa della presenza dei casi e della conseguente declinazione dei sostantivi (però molto ridotta nella lingua moderna) e degli aggettivi, il tedesco è una delle lingue germaniche moderne con la grammatica più complessa.

I casi in tedesco sono quattro: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. I sostantivi (che, come le parti del discorso sostantivate, si scrivono sempre con l'iniziale maiuscola[60]) presentano tre generi: maschile, femminile e neutro.

Il paradigma dei verbi tedeschi irregolari ha quattro forme, diversamente dall'inglese, che ne ha tre: l'Infinitiv (infinito), l'Indikativ Präsens (indicativo presente), l'Indikativ Präteritum (preterito, ovvero indicativo imperfetto/passato prossimo/passato remoto) ed il Partizip II (participio passato). Il Plusquamperfekt (piuccheperfetto, corrispondente all'indicativo trapassato prossimo/trapassato remoto), il Futur I (futuro semplice) ed il Futur II (futuro anteriore) completano il quadro dei tempi dell'indicativo.

Il Konjunktiv I (primo congiuntivo) ha quattro tempi (presente, perfetto, futuro I, futuro II); il suo uso è piuttosto raro e si limita generalmente alla formazione del discorso indiretto solitamente in contesti formali e ufficiali (come, ad esempio, la stampa); ha anche valore di congiuntivo esortativo (ossia di imperativo) nelle terze persone.

Il Konjunktiv II (secondo congiuntivo) ha due tempi (preterito e piuccheperfetto). I suoi usi corrispondono a quelli del condizionale (valore di possibilità) e del congiuntivo imperfetto (valore di irrealtà) italiani; secondariamente, si può trovare con valore di Konjunktiv I nel caso quest'ultimo non sia distinguibile dal presente indicativo.

È quindi tipico del tedesco e delle lingue germaniche, in generale, l'uso di costruzioni analitiche, realizzate cioè tramite largo uso di ausiliari (come sein essere, haben avere e werden divenire) per esprimere i diversi tempi verbali.

FonologiaModifica

VocaliModifica

Il tedesco ha 8 grafemi vocalici, corrispondenti a 14 foni vocalici: ‹a› [a, ɑː], ‹e› [ɛ, eː], ‹i› [ɪ, iː], ‹o› [ɔ, oː], ‹u› [ʊ, uː], ‹ö› [œ, øː], ‹ü› [ʏ, yː], ‹y› [i, iː, y, yː]; la y si trova solo in parole di origine straniera e si pronuncia [y, yː] nelle parole di origine greca (Olympiade [ʔolympiˈɑːd̥ə]) e [i, iː] nelle parole di altra origine. Due foni vocalici aggiuntivi sono la "a-schwa" ([ɐ]) e la "e-schwa" ([ə]), tipiche dei suffissi della flessione e di alcuni prefissi; la e-schwa a volte non viene neppure pronunciata, dando luogo a sillabe senza vocale in cui i fonemi /l/, /m/, /n/ e /r/ sono sillabici.

Il tedesco distingue tra vocali lunghe e vocali brevi:

  • sono lunghe le vocali seguite generalmente da una consonante (wen [veːn]), da h muta (Dehnungs-h; zehn [ʦeːn]) o da i muta (Miete [ˈmiːtə]) e le vocali doppie (Saal [zɑːl], Seele [zeːlə]);
  • sono brevi le vocali seguite generalmente da più consonanti (wenn [vɛn]).

Le vocali lunghe sono chiuse ([ɑː], [eː], [iː], [oː], [uː], [øː], [yː]), mentre le vocali brevi sono aperte ([a], [ɛ], [ɪ], [ɔ], [ʊ], [œ], [ʏ]). L'unica eccezione è la ä lunga, che è quasi sempre aperta ([ɛː]).

Nessuna sillaba inizia con un suono vocalico: anche se nella grafia una sillaba inizia per vocale, nella pronuncia la sillaba si apre sempre con la consonante occlusiva glottidale ([ʔ]) non scritta (eins [ʔaɪ̯ns]).

Umlaut e metafonemiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Metafonesi.

Alcuni fonemi vocalici sono indicati dai caratteri latini a, o e u sovrastati da due puntini graficamente uguali alla dieresi che indicano non uno iato vocalico, bensì una metafonesi (Umlaut):

DittonghiModifica

  • Il dittongo au si pronuncia [aʊ̯];
  • i dittonghi ai ed ei si pronunciano [aɪ̯];
  • i dittonghi äu ed eu si pronunciano [ɔɪ̯].

Falsi dittonghiModifica

  • Il gruppo ie si pronuncia [iː] se le due lettere appartengono alla stessa sillaba, altrimenti si pronuncia [jə] (es. Italien [ʔiˈtɑːljən].
  • Nel gruppo äi le due lettere appartengono a sillabe diverse, quindi le due vocali si pronunciano separatamente: [ɛːɪ] (es. europäisch [ʔɔɪʀoˈpɛːɪʃ]).

ConsonantiModifica

Gruppi consonanticiModifica

  • ch:
    • si pronuncia [x] ([χ] nei dialetti meridionali) se preceduta (oppure, a inizio di parola, se seguita) da /a/, /o/, /u/ ("ach-Laut"; acht, doch, Buch);
    • si pronuncia [ç] se preceduta (oppure, a inizio di parola, se seguita) da /e/ e /i/ ("ich-Laut"; echt, ich, Chemie, China);
  • chs si pronuncia [ks] (sechs [zɛks]);
  • ck si pronuncia [k] (Zucker [ˈʦʊkɐ]);
  • dsch, tipico dei prestiti stranieri, si pronuncia [ʧ] (in tedesco non esiste il suono [ʤ]; Dschungel [ˈʧʊŋl]);
  • gn si pronuncia [gn], a differenza dell'italiano;
  • ng si pronuncia [ŋ] sia in posizione mediana che in fin di parola se n e g appartengono alla stessa sillaba (länger [ˈlɛŋɐ]; nei dialetti settentrionali è uvulare: [ɴ]); alcuni parlanti lo pronunciano [ŋk] in fine di parola;
  • ph, tipico delle parole di origine greca, si pronuncia [f];
  • qu (sempre seguito da vocale) si pronuncia [kv] (Quatsch [kvaʧ]);
  • sch si pronuncia [ʃ];
  • tsch si pronuncia [ʧ];
  • tz si pronuncia [ʦ]; indica che la vocale precedente è breve.

Altre regoleModifica

Consonanti /p/, /t/ e /k/:

Gruppi vocale + consonante:

LessicoModifica

La maggior parte del lessico della lingua tedesca deriva dal ramo germanico delle lingue indo-europee, sebbene vi siano significative minoranze di parole derivate da francese, greco, latino e, recentemente, dall'inglese. Allo stesso tempo, è stupefacente come il tedesco riesca a sostituire parole straniere con il solo utilizzo del repertorio lessicale puramente germanico: così Notker III di San Gallo riuscì a tradurre i trattati aristotelici in puro alto tedesco antico attorno all'anno 1000. Oggi possiamo trovare ad esempio Fernseher, composto da fern (lontano) e sehen (vedere), che è l'esatta traduzione del composto greco-latino televisione.

A prima vista il lessico del tedesco è poco accessibile. Bisogna però anche prendere in considerazione che una parte considerevole dei sostantivi è da ascrivere a semplici traduzioni letterali dal latino. A modo indiretto, dunque, è possibile riscontrare l'internazionalità dei linguaggi. Specie gli usi dell'ambiente ecclesiastico risalgono al latino, p.es. die Wieder-aufersteh-ung (re-surrec-tio). Anche le parole prestate dal latino sono più frequenti di quanto non ci si potrebbe aspettare, p.es. nüchtern ("digiuno", "non ubriaco", da nocturnus), keusch ("casto", probabilmente da conscius), die Laune ("lo stato d'animo", da luna), die Ziegel (tegula), die Pfeife (pipa) oppure kosten (omonimo di gustare e di constare), kaufen ("comprare", da caupo "oste") ecc.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della lingua tedesca.

OriginiModifica

 
L'area germanofona nel Sacro Romano Impero intorno al 962.
 
La diffusa popolarità della Bibbia tradotta in tedesco da Martin Lutero aiutò la diffusione del tedesco moderno.

È possibile esaminare lo sviluppo storico della lingua tedesca attraverso la sua suddivisione nei seguenti periodi:

Il glottonimo proviene dalla parola germanica þeudiskaz, con cui nel Medioevo si indicava la lingua del þeudō, cioè del popolo (una lingua germanica, senza distinzione) contrapponendola al latino. Da þeudiskaz sono derivati il tedesco deutsch, il nederlandese duits (che in questa lingua indica il tedesco), l'inglese dutch (che indica il nederlandese) e il latino theodiscus, da cui l'italiano tedesco e il francese tudesque (oggi utilizzato in riferimento agli antichi popoli germanici fino al Medioevo).

Tedesco modernoModifica

GermaniaModifica

Distribuzione storica dei germanofoni attorno al 1910
La diffusione odierna del tedesco in Europa

Quando Martin Lutero tradusse la Bibbia (il Nuovo Testamento nel 1522 e il Vecchio Testamento, pubblicato in diversi parti e completato nel 1534), basò la sua traduzione principalmente sul linguaggio standard della burocrazia in Sassonia (sächsische Kanzleisprache), noto anche come Meißner-Deutsch (dalla città tedesca di Meißen). Questo linguaggio era basato sui dialetti alto-orientali e centro-orientali tedeschi e conservava molto del sistema grammaticale del medio alto tedesco (diversamente dai dialetti tedeschi parlati nella Germania centrale e settentrionale, che allora avevano già cominciato a perdere il caso genitivo e il tempo Präteritum). Inizialmente le copie della Bibbia avevano una lunga lista di glosse, che traducevano le parole sconosciute nella regione con i termini usati nel dialetto regionale. I cattolici inizialmente rifiutarono la traduzione di Lutero e provarono a creare il loro cattolico standard (gemeines Deutsch) — che, comunque, differiva dal "tedesco protestante" solo in alcuni piccoli dettagli. L'arrivo a uno standard ampiamente condiviso risale alla metà del XVIII secolo.

Fino al 1800 circa il tedesco standard fu soprattutto una lingua scritta: nella Germania settentrionale urbana venivano parlati i dialetti locali basso-sassone o basso-tedesco; il tedesco standard, che era nettamente diverso, era spesso appreso come lingua straniera dalla pronuncia incerta. Le guide prescrittive di pronuncia consideravano la pronuncia tedesca settentrionale come standard. Ad ogni modo, l'attuale pronuncia del tedesco standard varia da regione a regione.

Impero austriacoModifica

 
In nero, le regioni dell'attuale Repubblica Ceca con maggioranza tedesca fino alla seconda guerra mondiale
 
Mappa etno-linguistica dell'Impero austro-ungarico (1910).
 
In giallo le regioni della Voivodina in cui i tedeschi costituivano la maggioranza della popolazione (1910).
 
Mappa delle regioni tedescofone reclamate dall'Austria nel 1918.

Il tedesco era la lingua del commercio e di governo nell'Impero asburgico, che comprendeva una vasta area dell'Europa centrale e orientale. Fino alla metà del XIX secolo era essenzialmente la lingua della gente di città nella maggioranza dell'impero. Il suo uso indicava che l'utilizzatore era un mercante, un urbanite, senza distinzione di nazionalità.

Fu l'imperatore Giuseppe II (1780-1790) a decidere di imporre il tedesco come lingua ufficiale dell'amministrazione statale (incluse le università), approfondendo alcuni indirizzi relativi all'uso del tedesco in ambito scolastico già previsti dalla madre Maria Teresa. Le ordinanze giuseppine riguardarono in particolar modo i distretti trentini soggetti al controllo degli Asburgo. Nell'agosto 1784, affinché la conoscenza del tedesco si diffondesse presso la gioventù dei «Confini italiani», veniva ordinato che i conferimenti di cariche di servizio negli uffici andassero d'ora in avanti solo a chi conoscesse bene il tedesco; nello stesso anno un vero e proprio test di lingua tedesca venne imposto come requisito di eleggibilità al neocostituito magistrato di Rovereto. Nel 1787, con un decreto che riguardava il Trentino, Trieste, la contea di Gorizia e le terre del Litorale istriano-dalmata (ma poi esteso ad altre zone della monarchia), si impediva l'uso dell'italiano nelle corti giudiziarie e in più si comandava che entro tre anni l'ingresso nelle corti fosse permesso a giudici, avvocati e personale di servizio in grado di padroneggiare la lingua tedesca.
Erano provvedimenti che tagliavano in modo radicale i ponti con un passato secolare (alla corte di Vienna, per tutto il Cinquecento e Seicento, l'italiano era stata la lingua di cultura dominante), e che, oltre a provocare un flusso di proteste immediato, dovettero ben presto essere accantonati.
Con l'avvento di Leopoldo II al trono imperiale vi furono subito dei passi indietro: già nel gennaio del 1790, un decreto riconosceva che molti sudditi non avevano ancora le previste conoscenze linguistiche, mentre in aprile si decideva che l'introduzione del tedesco nelle corti giudiziarie dei «Confini italiani», Gorizia (Görz) e Trieste (Triest), non dovesse essere più perseguita. Prima dell'annessione di Bolzano all'Italia e prima dell'italianizzazione, Bolzano (Bozen) era una città quasi totalmente di lingua tedesca (94% circa); all'ultimo censimento della popolazione (2011) la maggioranza si è dichiarata appartenente al gruppo linguistico italiano (74%), mentre chi si è dichiarato appartenente al gruppo linguistico tedesco raggiunge il 25,5%[61]. Fino alla prima guerra mondiale esistevano comunità germanofone significative a Trieste (oltre il 5% della popolazione del comune) e Trento (Trient, circa il 3%), ma che si ridussero drasticamente negli anni successivi.

Alcune città, come Praga (in tedesco Prag) e Budapest (Buda, in tedesco Ofen), vennero gradualmente germanizzate negli anni successivi alla loro incorporazione nei domini asburgici. Altre, come Pozsony (in tedesco: Pressburg, adesso Bratislava), furono originariamente fondate durante il periodo asburgico ed erano principalmente tedesche in quel periodo. Solo alcune città rimanevano non-tedesche. La maggior parte delle città, come Praga, Budapest, Bratislava, Zagabria (in tedesco Agram) e Lubiana (in tedesco Laibach) erano a maggioranza tedescofona, sebbene circondate da territori in cui venivano parlate altre lingue. A Budapest nel 1737 il 57,8% era madrelingua tedesco e fino ad almeno il 1851 i tedescofoni costituivano la maggioranza assoluta della popolazione cittadina, per poi diminuire gradualmente nella seconda metà del XIX secolo e crollare dopo la prima guerra mondiale, tanto da ridursi ad appena il 1,9% nel 1941.[62]
La popolazione di etnia tedesca costituiva più del 23% della popolazione della Cecoslovacchia, ed era principalmente concentrata nelle province ceche (Boemia e Moravia), di cui costituiva più del 30% della popolazione. Fino al 1945 un terzo della popolazione della Boemia, la parte centrale della Cecoslovacchia con la capitale Praga, parlava tedesco. Due dei figli di Praga più noti nel mondo, gli scrittori Franz Kafka e Rainer Maria Rilke, scrivevano in tedesco. Nel 1918, quando terminò la prima guerra mondiale e crollò l'impero austro-ungarico, Praga aveva ca. 540.000 abitanti, di cui 410.000 cechi, 100.000 tedeschi e 30.000 ebrei (dei quali alcuni parlavano ceco e altri tedesco, oltre allo yiddish). Sempre nel 1918, la popolazione di Brno (in tedesco Brünn) comprendeva circa 55.000 parlanti tedesco, tra cui quasi tutti gli abitanti di origine ebraica.
Fin dalle origini della città e fino al XIX secolo i tedeschi costituirono il gruppo etnico predominante di Bratislava (Pressburg - in passato Preßburg)[63]. Tuttavia, dopo il Compromesso Austro-Ungarico del 1867, iniziò una massiccia magiarizzazione e alla fine della prima guerra mondiale il 40% della popolazione parlava ungherese come lingua madre, il 42% tedesco e appena il 15% slovacco[63].

Dopo la fondazione della Seconda Repubblica di Polonia (1918), un gran numero di tedeschi fu costretto a lasciare il paese, in particolare quelli che vivevano nel Corridoio di Danzica. La maggioranza delle minoranze cristiane di lingua tedesca dell'Europa centrale e orientale furono espulsi nel 1945. Ancora peggio andò per il gruppo degli ebrei di lingua tedesca nell'Europa orientale, che per sterminio ed emigrazione sono quasi completamente scomparsi.
Durante la dominazione asburgica, in Voivodina (ora provincia autonoma della Repubblica di Serbia) i tedeschi passarono dal 12,4% del 1787 al 24,4% del 1880 (secondo gruppo etnico-linguistico dopo i serbi); nel 1931, dopo la Grande Guerra ed il passaggio della regione al Regno dei Serbi, Croati e Sloveni (divenuto poi Regno di Jugoslavia), i tedeschi erano ancora 343.000 e costituivano il 21% della popolazione totale; dopo la seconda guerra mondiale la loro presenza si ridusse drasticamente e nel 2002 ne rimanevano solo 3.154 (0,16%). Nella regione della Bačka la popolazione di lingua tedesca crollò dal 23,64% del 1921 all'1,32% del 1948.

Nel 1857 a Sopron (in tedesco Ödenburg, adesso in Ungheria), su 18.211 abitanti il 93% era germanofono[64]; nel 1910 la città aveva 33.932 abitanti di cui 51% tedeschi e 44,3% ungheresi[65], passati nel 2001 a 92,8% ungheresi e 3,5% tedeschi[66].
Prima della prima guerra mondiale, l'80,9% della cittadinanza di Maribor (in tedesco Marburg an der Drau, in Slovenia) dichiarò come lingua d'uso il tedesco (molti tra questi erano sloveni germanizzati), e anche se quasi il 20% invece dichiarava come lingua d'uso lo sloveno, gran parte del capitale e della vita pubblica era in mano tedesca. L'area circostante era popolata in grande maggioranza da sloveni, anche se molti tedeschi vivevano in piccoli centri come Ptuj (in tedesco Pettau) dove, secondo il censimento austroungarico del 1910, l'86% della popolazione del centro storico era di lingua tedesca. Esisteva anche una plurisecolare comunità etnica tedesca nella Slovenia meridionale, detta "di Gottschee", un'area di oltre 800 chilometri quadrati con 172 villaggi. La cittadina di Kočevje (in tedesco Gottschee) costituì fino al 1945 un'isola linguistica tedesca in un'area a maggioranza slovena. Subito dopo il secondo conflitto mondiale, la popolazione di lingua tedesca fu costretta a esiliare in Germania o trucidata subendo una pulizia etnica.
In Transilvania (in tedesco Siebenbürgen) secondo i censimenti del 1880 e del 1890 i tedeschi costituivano il 12,5% della popolazione (nel 2011 solo lo 0,4%)[67]. Nel Banato orientale molti villaggi e città erano a maggioranza tedesca; nello stesso capoluogo Timișoara (in tedesco Temeswar o Temeschwar o Temeschburg) i tedeschi costituivano, fino alla seconda guerra mondiale, il gruppo etnico più numeroso, ma nel corso del XX secolo la comunità si è drasticamente ridotta passando dal 54,6% della popolazione cittadina del 1880 all'1,3% del 2011[68].

Il censimento del 1911, l'ultimo prima della dissoluzione dell'Impero, conteggiò un totale di 12.006.521 tedescofoni su una popolazione totale di 51.390.223 (il 23,36%); nella sola Cisleitania (la metà occidentale - austriaca - dell'Impero austro-ungarico) invece la popolazione di lingua tedesca saliva al 36,8%, mentre oltre il 71% della popolazione parlava un po' di tedesco[69].

SvizzeraModifica

 
Ripartizione delle lingue ufficiali in Svizzera (2000).

La lingua tedesca è una delle quattro lingue nazionali in Svizzera insieme al francese, all'italiano e al romancio (in ordine per numero di locutori materni).
Gli svizzeri germanofoni comunicano tra di loro usando in stragrande maggioranza un gruppo di dialetti tedeschi, spesso definiti unitariamente svizzero tedesco (Schwitzerdütschtedesco alemanno). L'uso del dialetto si intensificò a causa della volontà di differenziarsi dai tedeschi in seguito alla spinta pangermanista che coinvolse i tedescofoni fra la fine del XIX secolo ed il periodo nazionalsocialista, quando in Svizzera il tedesco standard era più diffuso. In conseguenza di tale processo, il dialetto si è rapidamente diffuso anche nei mass-media elettronici e nella società dello spettacolo a partire dalla seconda metà del Novecento. Grazie a quest'evoluzione, lo svizzero tedesco viene ora utilizzato automaticamente in quasi tutti i registri linguistici del parlato.

In 17 cantoni della Svizzera si parla solo tedesco, nel Canton Giura esiste un unico comune di lingua tedesca (Ederswiler), il Canton Vallese, il Canton Berna ed il Canton Friburgo sono bilingui, tedesco e francese, mentre il Canton Grigioni è l'unico trilingue: tedesco, italiano e romancio. La percentuale delle lingue non nazionali parlate come prima lingua nelle case svizzere è aumentata drasticamente durante l'ultimo mezzo secolo, da meno dell'un per cento del 1950 al nove per cento nel 2000, per lo più a spese del tedesco. Nel 2000 il tedesco era parlato dal 63,7% degli svizzeri (in calo rispetto al 72,1% del 1950), inclusi i residenti nel paese senza cittadinanza elvetica (23% della popolazione nel 2009). Se si tiene invece conto solo dei cittadini svizzeri, la consistenza dei germanofoni sale al 72,5% (censimento 2000).

Sistema di scritturaModifica

AlfabetoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nomi delle lettere dell'alfabeto latino.

Il tedesco viene scritto usando l'alfabeto latino (comprese quindi le lettere J, K, W, X e Y). Oltre alle 26 lettere tipiche di molti alfabeti europei, il tedesco usa i tre Umlaute ovvero ä, ö e ü, nonché la legatura, ß (chiamata Eszett o anche Scharfes S) che rappresenta la doppia s in certe parole.

  • A, Ä, B, C, D, E, F, G, H, I, J, K, L, M, N, O, Ö, P, Q, R, S, T, U, Ü, V, W, X, Y, Z.
  • a, ä, b, c, d, e, f, g, h, i, j, k, l, m, n, o, ö, p, q, r, s, t, u, ü, v, w, x, y, z.

Lettere speciali (Eszett e Umlaute)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: ß.

Queste lettere non alterano l'ordine alfabetico.

ß = Scharfes S oppure Eszett (ha valore di una doppia s; nessuna parola ha questa lettera come iniziale e la riforma ortografica del 1996 ha ridotto il loro numero, mentre Svizzera e Liechtenstein le hanno abolite).

Ä = a mit Umlaut[70].

Ö = o mit Umlaut[70].

Ü = u mit Umlaut[70].

Da notare che, sebbene i due puntini siano pressoché uguali a una dieresi, è scorretto chiamarli così perché derivano storicamente da un fenomeno di metafonia. Nella scrittura Fraktur, si ponevano due trattini (in origine una e, che, rimpicciolita sopra la lettera, prendeva la forma di due sbarrette verticali; anche oggi, molto spesso, nella scrittura manuale, i tedeschi non scrivono due puntini, ma due lineette verticali) sopra la vocale; talvolta, in mancanza del carattere tipografico adeguato, si può scrivere la e per esteso dopo la vocale al posto dei due puntini, ma si tratta pur sempre di un ripiego che è consigliabile evitare se è disponibile il carattere corretto; alcuni nomi storici, come ad esempio quello di Goethe, si scrivono per tradizione solo con la e scritta per esteso. Talvolta l'antica usanza di scrivere una piccola e sopra la vocale è stata ripresa anche nella scrittura latina.

La riforma ortograficaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Riforma ortografica tedesca.

Con l'ultima riforma ortografica del 1996, la ß viene sostituita da una doppia s dopo ogni vocale breve, come ad esempio in Fluss (fiume), Kuss (bacio) e dass (che, congiunzione), mentre rimane dopo la vocale lunga, come Gruß (saluto), Fuß (piede) e (mangiava/mangiò). Da notare che non esiste una versione maiuscola della lettera ß (non capitando mai ad inizio di parola), e pertanto viene sempre scritta SS nelle parole scritte interamente a lettere maiuscole, oppure si usa lo stesso segno. In Svizzera e Liechtenstein, infine, l'uso della ß si è andato perdendo fin dai primi del Novecento (il Foglio Federale svizzero fin dal 1906; nel 1938 il Canton Zurigo smise di insegnarla nelle scuole e altri cantoni ne seguirono l'esempio), fino all'ultima riforma del 2006 che l'ha definitivamente eliminata; nei due Paesi in suo luogo si scrive ss, tranne nelle pubblicazioni rivolte all'intero mercato di lingua tedesca, che seguono le norme del tedesco standard.

Al computerModifica

Le vocali con l'Umlaut (Ä, Ö, Ü) possono essere scritte ae, oe e ue, qualora non fosse possibile, per ragioni tecniche, scriverle con la dieresi (per esempio nelle tastiere che ne sono sprovviste); l'uso però, tranne che per le maiuscole, è considerato un errore. Allo stesso modo, ß può essere sostituita dalla doppia s. I tedeschi comprendono questo sistema alternativo (anche se ai loro occhi sembra strano), ma è sempre meglio evitarlo se i caratteri speciali sono disponibili, visto che ae, oe e ue in certi rari casi possono rappresentare una regolare vocale lunga (per esempio, ae può essere letto come una a lunga piuttosto che una ä). La stessa cosa vale per l'Eszett, dato che a volte serve a distinguere parole altrimenti omografe, come ad esempio Maße (misura) da Masse (massa). Attualmente, con la diffusione dei programmi di videoscrittura per computer dotati di un elenco di caratteri speciali in cui sono inserite queste lettere, è sempre più infrequente dover ricorrere a questi "mezzi di emergenza".

Sulla tastiera italiana sotto sistema operativo Microsoft Windows, si usa la combinazione di tasti con la tastiera numerica.

Sistema
operativo
Microsoft Windows MacOS Linux
Risultato
atteso
Combinazione
1
Combinazione
2
Combinazione Combinazione
Minuscole
ä Alt + 0 2 2 8 Alt + 1 3 2 Alt ⌥ + U e poi A Shift + Alt Gr + . e poi A
ö Alt + 0 2 4 6 Alt + 1 4 8 Alt ⌥ + U e poi O Shift + Alt Gr + . e poi O
ü Alt + 0 2 5 2 Alt + 1 2 9 Alt ⌥ + U e poi U Shift + Alt Gr + . e poi U
ß Alt + 0 2 2 3 Alt + 2 2 5 Alt ⌥ + S Alt Gr + S
Maiuscole[71]
Ä Alt + 0 1 9 6 Alt + 1 4 2 Alt ⌥ + U e poi Shift A Shift + Alt Gr + . e poi Shift + A
Ö Alt + 0 2 1 4 Alt + 1 5 3 Alt ⌥ + U e poi Shift O Shift + Alt Gr + . e poi Shift + O
Ü Alt + 0 2 2 0 Alt + 1 5 4 Alt ⌥ + U e poi Shift U Shift + Alt Gr + . e poi Shift + U

Parole composteModifica

In tedesco molto spesso i sostantivi e i complementi di specificazione possono essere uniti, con delle regole molto precise:

  • Una parola composta deve identificare qualcosa di preciso: posso unire per esempio "porta di casa" (die Haustür) ma non "il colore del mare", perché se vedo qualcosa di blu, dico che è blu, non che ha il colore del mare, mentre la porta di casa è una cosa ben precisa. Ci sono però rare eccezioni, difatti si può dire Hautfarbe ("colore della pelle"). La regola non vale in generale per gli aggettivi, è comunissimo dire per esempio mausfarbig ("color topo") oppure anche papageienfarbig ("color pappagallo", cioè multicolore).
  • Il sostantivo principale si trova in ultima posizione (testa a destra), e determina il genere e il numero: "la chiave" (der Schlüssel, plurale invariato, genitivo des Schlüssels) "della porta" (die Tür, pl. die Türen, gen der Tür) "di casa" (das Haus, pl. die Häuser, gen des Hauses) si dice der Haustürschlüssel (plurale invariato, genitivo des Haustürschlüssels), perché la chiave della porta di casa è prima di tutto una chiave, quindi la parola chiave va in fondo.

Questa caratteristica può dare origine a parole molto lunghe, con addirittura quattro consonanti consecutive. A volte per fare l'esempio della parola più lunga in tedesco si usa:

Rhein-Main-Donaugroßschifffahrtswegdampfschifffahrtsgesellschaftskapitänsuniformknopf

che significa "il bottone dell'uniforme del capitano della linea di navigazione a vapore della grande linea di navigazione Reno-Meno-Danubio". Come si nota, knopf (bottone) è l'ultima parola, perché si tratta prima di tutto di un bottone. Quel bottone si può presumibilmente distinguere dagli altri perché avrà un particolare simbolo sopra, quindi può teoricamente essere definito con una sola parola. In realtà non si userebbe mai una parola del genere (con ben 83 lettere), ma non di rado capitano parole da 20 o 30 lettere, come "le discussioni sui problemi del riscaldamento globale".

È però ritenuto cattivo stile scrivere parole composte di oltre tre singoli lemmi.

DialettiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetti della lingua tedesca.
 
Le diverse varietà di tedesco esistenti.

I dialetti parlati in Germania si dividono in due macrogruppi:

Normalmente viene considerato propriamente tedesco la lingua parlata nelle regioni settentrionali, in particolare nella città di Hannover. Quelle regioni, una volta da ascrivere al basso tedesco, hanno adottato una pronuncia molto vicina allo scritto. Questa parlata è anche il tedesco che viene normalmente studiato all'estero. Risulta quindi più difficile per uno straniero che studia il tedesco comprendere i dialetti dell'intero sud, specie il vocalismo e non pochi particolari del lessico di bavaresi, svevi, austriaci e soprattutto degli svizzeri. Nonostante ciò, la conoscenza dello standard è frequente a tal punto da poter essere considerata perfetta e la forza dei dialetti regredisce già da molti decenni e di generazione in generazione. Una vera e propria situazione di diglossia persiste solo nelle parlate svizzere.

Parentela con altre lingue germanicheModifica

Ci sono molte parole tedesche che sono imparentate con quelle inglesi e l'olandese, poiché si tratta di tre lingue fanno parte della stessa famiglia linguistica. Molte di esse sono facilmente identificabili ed hanno praticamente lo stesso significato. In particolare alcune parole contrassegnate con * si pronunciano nello stesso modo ma vengono scritte in modo diverso.

Tedesco Inglese Olandese Traduzione
Winter winter winter /'ʋɪntər/ inverno
Sommer summer zomer /zo:mər/ estate
beste/r best best/e /bɛst(ə)/ migliore
rot red rood /ro:t/ rosso
grün green groen /ɣru:n/ verde
haben, hatte, gehabt to have, had, had hebben /'hɛbən/, had /hɑt/, gehad /ɣə'hɑt/ avere
Finger finger vinger /'vɪŋər/ dito
Hand hand hand /hɑnt/ mano
Bett bed bed /bɛt/ letto
Haus* house huis /hœʏ̯s/ casa
Hund, Dogge hound, dog hond /hɔnt/ cane
Eis* ice ijs /ɛɪ̯s/ ghiaccio
Hallo hello hallo /hɑ'lo:/ ciao
lachen, lachte, gelacht to laugh, laughed, laughed lachen /'lɑxən/, lachte /'lɑxtə/, gelachen /ɣə'lɑxən/ ridere
Schiff ship schip /sxɪp/ nave
singen, sang, gesungen to sing, sang, sung zingen /'zɪŋən/, zong /zɔŋ/, gezongen /ɣə'zɔŋən/ cantare, cantai, cantato
gut good goed /ɣu:t/ buono
Fuchs fox vos /vɔs/ volpe
Mann man man /mɑn/ uomo
Maus* mouse muis /mœʏ̯s/ topo
zwanzig twenty twintig /'tʋɪntəx/ venti (numero)
Buch book boek /bu:k/ libro
kalt cold kou /kɑʊ̯/ freddo
kühl cool koel /ku:l/ fresco
Fisch* fish vis /vɪs/ pesce
warm warm warm /ʋɑrm/ caldo
trinken, trank, getrunken to drink, drank, drunk drinken /drɪŋkən/, dronk /drɔŋk/, gedronken /ɣə'drɔŋkən/ bere, bevvi, bevuto
Wald / Forst wood / forest woud /ʋɑʊ̯d/ foresta
wild wild wild /ʋɪlt/ selvaggio
machen, machte, gemacht to make, made, made maken /ma:kən/, maakte /ma:ktə/, gemaakt /ɣə'ma:kt/ fare, feci, fatto
gehen, ging, gegangen to go, went, gone gaan /ɣa:n/, ging /ɣɪŋ/, gegaan /ɣə'ɣa:n/ andare, andai, andato
Brot bread brood /bro:t/ pane
Apfel apple appel /'ɑpəl/ mela
Garten garden tuin /tœʏ̯n/ giardino
Stein stone steen /ste:n/ pietra
Stahl steel staal /sta:l/ acciaio
Silber silver zilver /'zɪlvər/ argento
Gold gold goud /ɣɑʊ̯t/ oro
Feuer fire vuur /vy:r/ fuoco
Wasser water water /'ʋa:tər/ acqua
hundert hundred honderd /'hɔndərt/ cento
tausend thousand duizend /'dœʏ̯zənt/ mille
Bruder brother broer /bru:r/ fratello
Wolf wolf wolf /ʋɔlf/ lupo
Bär bear beer /be:r/ orso

Alcune parole hanno consonanti diverse in queste lingue e ciò è dovuto alla rotazione consonantica dell'alto tedesco[72]. Per esempio, in molte parole imparentate la consonante "b" intervocalica del tedesco è resa dalla "v" dell'inglese.

  • tedesco: Liebe (amore) > inglese: love
  • tedesco: geben (dare) > inglese: (to) give

Questo avviene inoltre con la sibilante "ff" che nell'inglese è rimasta "p" e nella "ss" che in inglese è rimasta "t"

  • tedesco: Schiff (nave) > inglese: ship
  • tedesco: lassen (lasciare) > inglese: let

Confrontando la lingua olandese con quella tedesca e quella inglese si può notare in essa un "grado" intermedio. Poniamo pochi semplici esempi per osservare lo scambio consonantico:

Tedesco Olandese Inglese
vergessen (dimenticare) vergeten /vərˈɣe:tən/ (to) forget
geben (dare) geven /ˈɣe:vən/ (to) give
helfen (aiutare) helpen /ˈhɛlpən/ (to) help
gut (buono) goed /ɣu:t/ good
Buch (libro) boek /bu:k/ book

Anche nella grammatica si nota questa caratteristica: l'olandese ha ormai abbandonato il complesso sistema flessivo ancora in uso in tedesco affidandosi, come l'inglese, alle sole preposizioni per esprimere i vari complementi indiretti, pur conservando però ancora qualche residuo delle declinazioni in alcune espressioni idiomatiche o nella lingua scritta.

Pur essendo una lingua germanica moderna, il tedesco ha conservato più caratteristiche delle lingue indoeuropee antiche rispetto ad altre lingue indoeuropee moderne, ad esempio i casi e tre generi, che la rendono per alcuni versi paragonabile a lingue come il latino, anche se non è stata così conservativa come, ad esempio, le lingue slave, che in alcuni casi conservano più casi dello stesso latino (la lingua polacca ha sette casi: ha perso l'ablativo, ma ha conservato strumentale e locativo che il latino aveva riunito all'interno dell'ablativo).

Premi Nobel per la letteratura in lingua tedescaModifica

NoteModifica

  1. ^ Il tedesco è una delle 23 lingue ufficiali dell'Unione europea. Inoltre, assieme ad inglese e francese, è una delle 3 lingue procedurali utilizzate dagli organi dell'UE.
  2. ^ Testo unificato delle leggi sullo statuto speciale per il Trentino - Alto Adige (PDF), su regione.taa.it, p. 28. URL consultato il 12-12-2009.
  3. ^ Tante lingue, una sola famiglia Archiviato il 22 dicembre 2012 in Internet Archive. - Commissione Europea
  4. ^ (EN) German Language Statistics, su germanlanguageguide.com. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  5. ^ AA VV, La nuova enciclopedia della letteratura Garzanti, Garzanti, 1988, ISBN 88-11-50438-4.
  6. ^ Ethnologue Statistical Summaries
  7. ^ a b c Handwörterbuch des politischen Systems der Bundesrepublik (in German). Source lists "German expatriate citizens" only for Namibia and South Africa!
  8. ^ Table 5. Detailed List of Languages Spoken at Home for the Population 5 Years and Over by State: 2000 (PDF), su census.gov. URL consultato il 15 marzo 2010.
  9. ^ Henry Steele Commager (1961). "Immigration and American history: essays in honor of Theodore C. Blegen". U of Minnesota Press. p.102. ISBN 0-8166-5735-1
  10. ^ 49,2 milioni di tedesco-americani nel 2005 secondo il United States Census Bureau, censimento demografico degli Stati Uniti, su factfinder.census.gov. URL consultato il 2 agosto 2007.; il censimento del 1990 dava la cifra di addirittura 57,9 milioni, ovvero il 23,3% della popolazione del paese.
  11. ^ Documentary History of the United States Brewers' Association
  12. ^ Data Center Results Archiviato il 15 agosto 2013 in Internet Archive.
  13. ^ Language Use in the United States: 2011
  14. ^ Sam Dillon, Foreign Languages Fade in Class — Except Chinese, The New York Times, 20 gennaio 2010. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  15. ^ Appendix Table 2. Languages Spoken at Home: 1980, 1990, 2000, and 2007. (XLS), United States Census Bureau. URL consultato il 6 agosto 2012.
  16. ^ Detailed Language Spoken at Home and Ability to Speak English for Persons 5 Years and Over --50 Languages with Greatest Number of Speakers: United States 1990 (TXT), United States Census Bureau. URL consultato il 22 luglio 2012.
  17. ^ Language Spoken at Home: 2000, United States Bureau of the Census. URL consultato l'8 agosto 2012.
  18. ^ Language Use in the United States: 2011 (PDF), American Community Survey. URL consultato il agosto 2013.
  19. ^ Mother Tongue of the Foreign-Born Population: 1910 to 1940, 1960, and 1970, United States Census Bureau, 9 marzo 1999. URL consultato il 6 agosto 2012.
  20. ^ a b c Statistics Canada 2006, 2.statcan.ca, 6 gennaio 2010. URL consultato il 15 marzo 2010.
  21. ^ German Canadians, su Canadian Encyclopedia, Canadian Encyclopedia, 2016. URL consultato il 21 marzo 2017.
  22. ^ Government of Canada, Statistics Canada, Immigration and Ethnocultural Diversity Highlight Tables - Ethnic Origin, both sexes, age (total), Canada, 2016 Census – 25% Sample data, su www12.statcan.gc.ca.
  23. ^ a b The Daily - Statistics Canada (pagina archiviata sul web)
  24. ^ Census of Canada, A population and dwelling counts (PDF), Statistics Canada, 1997. URL consultato il 22 giugno 2010.
  25. ^ 2001 Census facts: did you know... (PDF), Statistics Canada, 2006. URL consultato il 24 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  26. ^ Population by mother tongue, by province and territory, Statistics Canada, gennaio 2013. URL consultato il 4 luglio 2013 (archiviato il 16 maggio 2013).
  27. ^ Statistics Canada, Population size and growth in Canada: Key results from the 2016 Census, su statcan.gc.ca, 8 febbraio 2017. URL consultato l'8 febbraio 2017 (archiviato il 10 febbraio 2017).
  28. ^ Margaret Hebblethwaite, Paraguay, p. 14.
  29. ^ Alfredo Stroessner: President of Paraguay. Encyclopædia Britannica. 29 agosto 2015.
  30. ^ Ex-Paraguayan dictator Stroessner dies at 93. NBC News. 16 agosto 2006.
  31. ^ Simon Sebag Montefiore. History's Monsters. Metro Books, 2008. p. 271. ISBN 1435109376
  32. ^ (EN) Latinamericanstudies. Paraguay's Mennonites resent 'fast buck' outsiders, su latinamericanstudies.org. URL consultato il 21 febbraio 2012.
  33. ^ a b Pomerode institui língua alemã como co-oficial no Município. Archiviato il 30 maggio 2012 in Internet Archive.
  34. ^ a b Patrimônio - Língua alemã Archiviato il 21 dicembre 2012 in Internet Archive.
  35. ^ (PT) A escolarização entre descendentes pomeranos em Domingos Martins (PDF), su ce.ufes.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2012).
  36. ^ a b c d e (PT) O povo pomerano no ES, su rog.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2012).
  37. ^ a b (PT) A co-oficialização da língua pomerana (PDF), su farese.edu.br. URL consultato il 24 agosto 2011.
  38. ^ a b c d e f http://titus.uni-frankfurt.de/didact/karten/germ/deutdin.htm
  39. ^ a b c d e f http://www.lerncafe.de/aus-der-welt-1142/articles/pommern-in-brasilien.html
  40. ^ (PT) Pomerano!?, su lpniceia.wordpress.com. URL consultato il 24 agosto 2011.
  41. ^ (PT) No Brasil, pomeranos buscam uma cultura que se perde, su gabeira.locaweb.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2012).
  42. ^ (PT) Lei dispõe sobre a cooficialização da língua pomerana no município de Santa maria de Jetibá, Estado do Espírito Santo, su ipol.org.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  43. ^ (PT) Vila Pavão, Uma Pomerânia no norte do Espirito Santo, su secult.es.gov.br. URL consultato il 24 agosto 2011.
  44. ^ (PT) Descendentes de etnia germânica vivem isolados em área rural de Minas, su nanademinas.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011.
  45. ^ (PT) Pomeranos em busca de recursos federais, su brasilalemanha.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2011).
  46. ^ (PT) Resistência cultural - Imigrantes que buscaram no Brasil melhores condições de vida, ficaram isolados e sem apoio do poder público, su guiaresplendor.com.br. URL consultato il 12 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  47. ^ (PT) Pomerode institui língua alemã como co-oficial no Município., su leismunicipais.com.br. URL consultato il 21 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).
  48. ^ (PT) Vereadores propõem ensino da língua pomerana nas escolas do município, su wp.clicrbs.com.br. URL consultato il 21 agosto 2011.
  49. ^ (PT) Ontem e hoje: percurso linguistico dos pomeranos de Espigão D'Oeste-RO, su bibliotecadigital.unicamp.br. URL consultato il 24 agosto 2011.
  50. ^ (PT) Sessão Solene em homenagem a Comunidade Pomerana, su prefeituraespigao.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2012).
  51. ^ (PT) Percurso linguistico dos pomeranos de Espigão D Oeste-RO, su academicoo.com. URL consultato il 12 novembre 2011.
  52. ^ (PT) Comunidade Pomerana realiza sua tradicional festa folclórica [collegamento interrotto], su espigaonews.com. URL consultato il 24 agosto 2011.
  53. ^ a b Cooficialização da língua alemã em Antônio Carlos Archiviato il 2 aprile 2012 in Internet Archive.
  54. ^ (PT) Vereadores de Treze Tílias se reuniram ontem, su webcache.googleusercontent.com. URL consultato il 21 agosto 2011.
  55. ^ TREZE TÍLIAS
  56. ^ (PT) Tatiana Lazzarotto, Um pedaço da Aústria no Brasil, Treze Tílias. URL consultato il 17 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2008).
  57. ^ (PT) Dialetos Hunsrik e Talian na ofensiva no Sul - Em Santa Maria do Herval, regiăo de Novo Hamburgo, RS, surge forte a mobilizaçăo em favor do Hunsrik - a faceta brasileira/latino-americana do Hunsrückisch. Em Serafina Correa, RS, floresce o talian, su brasilalemanha.com.br. URL consultato il 24 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  58. ^ Hunsrik, Ethnologue (2016).
  59. ^ a b Ethnologue report for language code: deu
  60. ^ ad esempio: das Ich, l'Io, oppure das Essen, il mangiare.
  61. ^ Censimento della popolazione 2011 (PDF), Istituto provinciale di statistica, Provincia autonoma di Bolzano, p. 6. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  62. ^ Hungarian census 2011 / Budapest adatai / 1.1.1.1. A népesség számának alakulása, népsűrűség, népszaporodás (Numero totale di abitanti, densità di popolazione, crescita demografica naturale), 1.1.4.2 A népesség nyelvismeret és nemek szerint (popolazione per lingue parlate), 1.1.6.1 A népesség anyanyelv, nemzetiség és nemek szerint (popolazione per lingua madre ed etnicità), 1.1.7.1 A népesség vallás, felekezet és nemek szerint (population by religion), 2.1.2.2 A népesség születési hely, korcsoport és nemek szerint (popolazione per luogo di nascita) (in ungherese)
  63. ^ a b Peter Salner, Ethnic polarisation in an ethnically homogeneous town (PDF), in Czech Sociological Review, vol. 9, nº 2, 2001, pp. 235–246 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2008).
  64. ^ Ernő Deák: Änderungen in der ethnischen Zusammensetzung der Bevölkerung im heutigen Burgenland. In: Ungarn-Jahrbuch. Bd. 25 (2000/2001), ISSN 0082-755X (WC · ACNP), S. 79–96, hier: S. 87, abgerufen am 5. September 2016 (PDF; 1,69 MB).
  65. ^ 1910 census (English)
  66. ^ 2001 census - Nationalities (HU)
  67. ^ Árpád Varga E., Hungarians in Transylvania between 1870 and 1995, Original title: Erdély magyar népessége 1870–1995 között, Magyar Kisebbség 3–4, 1998 (New series IV), pp. 331–407. Translation by Tamás Sályi, Teleki László Foundation, Budapest, 1999
  68. ^ (RO) Structura Etno-demografică a României (Ethno-demographic Structure of Romania), Centrul de Resurse pentru Diversitate Etnoculturalā (The Ethnocultural Diversity Resource Center). URL consultato il 18 ottobre 2017.
  69. ^ A. J. P. Taylor, The Habsburg Monarchy 1809–1918, 1948.
  70. ^ a b c In tedesco la parola "mit" significa "con"
  71. ^ Le maiuscole con l'Umlaut capitano abbastanza raramente.
  72. ^ Per il consonantismo tedesco si veda Fausto Cercignani, The Consonants of German: Synchrony and Diachrony, Milano, Cisalpino, 1979.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Dizionari onlineModifica

GrammaticaModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85054365 · GND (DE4113292-0 · BNF (FRcb119756721 (data)