Cyril Pedrosa

disegnatore e fumettista francese
Cyril Pedrosa

Cyril Pedrosa (Poitiers, 22 novembre 1972) è un disegnatore e fumettista francese.

BiografiaModifica

Pedrosa inizia ad appassionarsi al disegno durante gli anni dell'adolescenza, e per tale ragione studia presso la scuola di animazione parigina di Gobelins. Inizierà a lavorare presso gli studi francesi della Disney Animation, lavorando come intervallista e assistente animatore in varie opere fra cui Il gobbo di Notre Dame ed Hercules.

In seguito al suo incontro con David Chauvel, nel 1998 Pedrosa inizia a lavorare alla serie a fumetti Ring Circus, realizzando le scene e colori, a cui segue Les Aventures spatio-temporelles de Shaolin Moussaka.

Nel 2006, Cyril Pedrosa disegna Cuori solitari e nel 2007 Tre ombre. Partecipa inoltre alla realizzazione della fanzine Il Ghiottone. Partecipa con Cassinelli e Holbe un sito di fumetti libero (2004-2007) 1. Dal 2008, ha pubblicato nel Fluide glaciale romanzo autobiografico (e molto concentrato sul suo amore-odio per il "boboïtude" e il movimento biologico): Autobio.

Insieme a Gwen de Bonneval, Bruno e Fabien Vehlmann, Pedrosa è uno dei fondatori della rivista di animazione digitale Professor Ciclope.

Nel 2011 ha pubblicato la sua opera di maggior successo: Portugal, che ha valso all'autore svariati riconoscimenti internazionali, come Prix De la BD Fnac ad Angoulême nel 2012. Fanno seguito Gli equinozi (2015) e L'età dell'oro (2018), prima parte di una storia che Pedrosa ha scritto insieme all'autrice Roxanne Moreil.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (FR) Cyril Pedrosa récompensé par le prix Le Point de la BD 2011, su http://www.livreshebdo.fr, 25 ottobre 2011. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  2. ^ (FR) Portugal, premier prix de la BD Fnac à Angoulême, su http://bibliobs.nouvelobs.com, 30 gennaio 2012. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  3. ^ Lucca LIVE 2012: Gran Guinigi e Best of Show, i vincitori, su orgoglionerd.it. URL consultato il 13 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN959464 · ISNI (EN0000 0001 1465 9437 · LCCN (ENn2007068146 · GND (DE124932053 · BNF (FRcb133288626 (data) · BNE (ESXX1624184 (data) · WorldCat Identities (ENn2007-068146