Apri il menu principale

D.V. More Record

casa discografica italiana
(Reindirizzamento da DV More Record)
D.V. More Record
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1987
Fondata daVincenzo Dentico
Sede principaleMilano
SettoreMusicale
Prodottidischi audio e video
Sito web

La D.V. More Record è una casa discografica italiana, attiva dal 1987.

Indice

StoriaModifica

L'etichetta è stata fondata nel 1987 da Vincenzo Dentico (che ha successivamente preso le redini della Disco Più, facendone il "vivaio" di nuovi artisti).

Pur pubblicando anche materiale originale, la D.V. More Record si è specializzata nel riproporre artisti del passato con i loro successi riarrangiati, secondo sonorità più moderne: tra i tanti cantanti che hanno inciso per l'etichetta ci sono Giuni Russo, Fiordaliso, Mino Reitano, Tiziana Rivale, Franco Tozzi, Gilda Giuliani, i Nuovi Angeli, Vasso Ovale, i Ragazzi del Sole, Mal, Louiselle, Valerio Liboni, Umberto Napolitano, Gianni Celeste, Angelo Cavallaro, Salvo Nicolosi, Ghigo Agosti, Luca Sepe, Marisa Sacchetto, Ida Rendano, Natale Galletta, Nino D'Angelo, Gianni Fiorellino, Salvatore Adamo e Massimo.

Tale compito è stato facilitato dalla completa dismissione dei cataloghi da parte dei proprietari - negli anni novanta, complice la crisi ed il terrore della fine della distribuzione fisica dei supporti musicali - in modo che potessero essere acquisiti dalla D.V. a prezzi bassi.

Dischi pubblicatiModifica

Per la datazione ci si basa sull'etichetta del disco, o sul vinile o, infine, sulla copertina, qualora nessuno di questi elementi avesse una datazione, ci si basa sulla numerazione del catalogo, se esistenti, si riportano oltre all'anno il mese e il giorno.

CDModifica

BibliografiaModifica

  • I dati concernenti le emissioni discografiche della casa sono stati tratti dai supporti fonografici emessi e conservati (come tutti quelli pubblicati in Italia) alla Discoteca di Stato a Roma.
  • Vari numeri delle riviste Musica e dischi, Ciao 2001, Music, altre riviste di argomento musicale.
  • Mario De Luigi, Storia dell'industria fonografica in Italia, Milano, edizioni Musica e Dischi, 2008.

Collegamenti esterniModifica