Dastan

racconto orale dell'Asia centrale

Dastan (داستان dâstân, in lingua persiana "storia")[1][2] è una tradizionale forma di storia orale dell'Asia centrale.

Rappresentazione di una parte del poema epico kirghiso manaschi (dastan), nel campo di iurte di Karakol

DescrizioneModifica

Un dastan è generalmente incentrato su un individuo che protegge la sua tribù o il suo popolo da un invasore esterno o nemico, anche se solo occasionalmente questa figura può essere fatta risalire a un personaggio storico. Questo personaggio principale dà un esempio di come si dovrebbe agire e il dastan diventa uno strumento di insegnamento. Ad esempio il maestro sufi e poeta turco Ahmet Yesevi disse: "Lascia che gli studiosi ascoltino la mia saggezza, trattando le mie parole come un dastan". Accanto alla saggezza, ogni dastan è ricco di storia culturale di elevato interesse per gli studiosi.

Durante l'invasione e occupazione russa dell'Asia centrale, vennero creati molti nuovi dastan per protestare contro l'occupazione. È possibile che siano entrati in contatto tra di loro e si siano influenzati a vicenda. Secondo lo storico turco Hasan Bülent Paksoy, i Bolscevichi cercarono di distruggere questi simboli di cultura, ad esempio pubblicandoli solo in quantità insufficiente e in forma distorta "per indebolire l'impatto eroico".[3]

Un importante dastan è Il libro di Dede Korkut, redatto dalla tribù turca oghuz, che potrebbe essere stato creato già all'inizio del XIII secolo.[4]

NoteModifica

  1. ^ Steingass, Francis Joseph. A Comprehensive Persian-English dictionary, including the Arabic words and phrases to be met with in Persian literature. London: Routledge & K. Paul, 1892. [1]
  2. ^ Russell, R., 1993. The Pursuit of Urdu Literature: A Select History. Palgrave Macmillan, Original from the University of Michigan. P. 85. ISBN 1-85649-029-7, ISBN 978-1-85649-029-0
  3. ^ Paksoy, H.B.. "Dastan gerne in central Asia." Essay on central Asia. 4 maggio 2007.
  4. ^ Michael E. Meeker, “The Dede Korkut Ethic”, International Journal of Middle East Studies, Vol. 24, No. 3 (Aug., 1992), 395-417. Estratto: il libro di Dede Korkut è una delle prime registrazioni di racconti orali turchi in Anatolia, e come tale, uno dei mitici documenti dell'ideologia nazionalista turca. Le versioni più antiche del libro consistono in due manoscritti copiati nel XVI secolo. Le dodici storie che sono registrate in questi manoscritti sono ritenute derivate da un ciclo di storie e canzoni che circolavano tra i turchi che vivevano nell'Anatolia nord-orientale e nel nord-ovest dell'Azerbaigian. Secondo Lewis (1974), un vecchio substrato di queste tradizioni orali risale ai conflitti tra gli antichi oghuz e i loro rivali turchi in Asia centrale (i pechenek e i kipchak), ma questo substrato è stato rivestito di riferimenti alle campagne del XIV secolo della Confederazione Akkoyunlu delle tribù turche contro i georgiani, gli abkhazi e i greci a Trebisonda. Tali storie e canzoni sarebbero emerse non prima dell'inizio del XIII secolo, e le versioni scritte che ci sono pervenute sarebbero state composte non più tardi dell'inizio del XV secolo. A quel tempo, i popoli turchi in questione erano stati in contatto con la civiltà islamica per diversi secoli, finirono per chiamarsi "turcomanni" piuttosto che "oghuz", avevano strette associazioni con le società sedentarie e urbanizzate e partecipavano a regimi islamizzati comprendenti nomadi, contadini e cittadini. Alcuni avevano abbandonato del tutto il loro stile di vita nomade.