Apri il menu principale

David Graeber

antropologo, anarchico e attivista statunitense

BiografiaModifica

Graeber ha un passato di attivista sociale e politico, noto soprattutto per la sua partecipazione ai movimenti di protesta contro il Forum economico mondiale a New York, nel 2002 e nel movimento Occupy Wall Street. Era membro del sindacato Industrial Workers of the World (IWW).

È stato professore aggiunto di antropologia all'Università Yale fino a quando l'ateneo non gli ha più rinnovato il contratto, nel maggio 2005, un fatto che diede luogo a controversie per il sospetto di una sottostante motivazione politica. Graeber si fece indennizzare un «anno sabbatico» durante il quale diede un corso introduttivo all'antropologia culturale e un altro intitolato “Direct Action and Radical Social Theory” (Azione diretta e teoria sociale radicale), il primo corso su temi radicali mai tenuto a Yale. In seguito è stato Reader di antropologia sociale all'interno del dipartimento di antropologia al Goldsmiths College dell'Università di Londra[1] da giugno 2005 a giugno 2007.

Il 25 maggio 2006, Graeber è stato invitato a tenere la Malinowski Lecture alla London School of Economics: la sua prolusione era intitolata "Beyond Power/Knowledge: an exploration of the relation of power, ignorance and stupidity"[2] (Oltre il binomio Potere/Conoscenza: un'esplorazione della relazione tra potere, ignoranza e stupidità). L'incarico di tenere la Malinowski Lecture viene offerto ogni anno, dal dipartimento di antropologia della London School of Economics, a un antropologo a uno stadio relativamente precoce della sua carriera, che abbia dato un contributo significativo alla teoria antropologica.

Nel 2006 gli fu chiesto di tenere il discorso introduttivo del 100mo anniversario del Diamond Jubilee meetings dell'Associazione degli antropologi sociali.[3] Nel mese di aprile 2011 Graeber ha presentato la Distinguished Lecture, che si tiene, con cadenza annuale, al dipartimento di antropologia dell'Università della California a Berkeley.[4]

OpereModifica

Graeber è autore di Fragments of an Anarchist Anthropology e di Towards an Anthropological Theory of Value: The False Coin of Our Own Dreams. Ha scritto ampie opere antropologiche sul Madagascar, un campo di studi su cui era incentrata anche la sua tesi di dottorato (The Disastrous Ordeal of 1987: Memory and Violence in Rural Madagascar).

Debito. I primi 5000 anniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Debito. I primi 5000 anni.

Nel 2011 ha pubblicato un'ampia monografia, dal titolo Debt: the First Five Thousand Years (Melville House), tradotta in italiano come Debito. I primi 5000 anni. Si tratta di una trattazione della storia del debito considerata da un punto di vista antropologico e non economico, dal momento che il concetto di debito ha una rilevanza antropologica molto anteriore alla nascita di un'economia monetaria, precedendo, addirittura, la stessa invenzione della moneta.

BurocraziaModifica

Nel 2015 Graeber ha pubblicato The Utopia of Rules: On Technology, Stupidity, and the Secret Joys of Bureaucracy[5] un saggio sulla pervasività delle intereferenze burocratiche nella vita delle società avanzate, che mostra come la privatizzazione di alcuni servizi in precedenza gestiti direttamente dallo Stato abbia contribuito alla espansione della burocratizzazione della società. L'iper-burocrazia, con la sua pretesa di disciplinare le relazioni umane, uccide la capacità di cooperazione spontanea, creando "zone morte dell'immaginazione" dove si installa la stupidità burocratica. Ed è proprio questa incapacità di capire le esigenze e i punti di vista delle persone concrete che porta all'inefficienza.

Bullshit JobsModifica

Nel 2013 Graber ha pubblicato sulla rivista Strike un articolo intitolato On the Phenomenon of Bullshit Jobs: A Work Rant[6]. L'articolo ha avuto un'enorme notorietà, tanto che il sito che lo ospitava collassò varie volte sotto il peso dei milioni di contatti. Nell'articolo Graeber evidenziava come la società contemporanea abbia portato alla proliferazione di un grande numero di "lavori senza senso" (bullshit jobs) e che questi lavori siano diffusi tanto nel settore pubblico che in quello privato.

Grazie all'enorme notorietà dell'articolo Graeber ha potuto raccogliere un grande numero di testimonianze via Internet e analizzando le storie raccolte con il metodo dell'antropologia ha pubblicato nel 2018 il volume Bullshit Jobs: A Theory, pubblicato anche in Italia da Garzanti.

Titoli disponibili in italianoModifica

NoteModifica

  1. ^ Dr David Graeber MA PhD Archiviato il 22 luglio 2012 in Internet Archive., dal sito dell'Università di Londra
  2. ^ David Graeber, Beyond Power/Knowledge: an exploration of the relation of power, ignorance and stupidity (PDF), London School of Economics, 26 maggio 2006. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  3. ^ David Graeber, There Never Was a West: Democracy as a form of interstitial cosmopolitanism, Association of Social Anthropologists. URL consultato il 4 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).
  4. ^ Anthropology Department Distinguished Lecture 2011: "Utopias of Debt", Department of Anthropology, University of California, Berkeley. URL consultato il 4 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  5. ^ Intervista. Graeber: burocrazia, la regola dei più forti, Avvenire 18-11-2015
  6. ^ On the Phenomenon of Bullshit Jobs, Strike, 17 luglio 2013.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12531284 · ISNI (EN0000 0001 1038 8449 · LCCN (ENno97027235 · GND (DE136471862 · BNF (FRcb14474712r (data) · WorldCat Identities (ENno97-027235