Defying Gravity (Wicked)

Defying Gravity (Sfidando la gravità) è una canzone del musical di Stephen Schwartz Wicked, incisa originariamente da Idina Menzel e Kristin Chenoweth nel cast originale di Broadway. La canzone è il grande assolo di Elphaba (la malvagia Strega dell'Ovest) che conclude il primo atto; nella canzone ci sono anche due duetti con Glinda, miglior amica di Elphaba, all'inizio e verso la metà del brano, e di un intervento del coro dei cittadini di Oz sul finale. La canzone è la più famosa del musical, ed è stata trasmessa dalla BBC nel programma I'd Do Anything; il brano è al sessantesimo posto delle maggiori hit-parade del Regno Unito.[1]

Defying Gravity
ArtistaStephen Schwartz
Autore/iStephen Schwartz (musiche) Winnie Holzman (testi)
GenereMusical
Stilepop
Edito daDecca Records
Pubblicazione originale
IncisioneWicked
Data2003
Durata5 min : 56 s

Contesto e analisiModifica

Nel musical, la canzone è situata sul finale del primo atto, quando Elphaba scopre che il Mago di Oz altri non è che un meschino imbroglione, e non la figura eroica che lei si aspettava che fosse. Rendendosi conto di ciò, nonostante i tentativi di Glinda di dissuaderla, la ragazza giura solennemente che combatterà il Mago con tutte le sue forze per liberare il regno di Oz dalla sua tirannide e sventare i crudeli piani del truffatore ai danni degli Animali. Durante la canzone, Elphaba esprime il proprio desiderio di libertà e di andare contro a delle regole impostole da altri. Elphaba strega un manico di scopa rendendolo capace di volare e, al termine della canzone, la strega levita sopra il palco sfuggendo all'arresto delle guardie del Mago e ai loro tentavi di riportarla a terra.

Il brano è estremamente cinematografico e, per la parte finale della canzone, sono necessari numerosi effetti scenici per rappresentare la fuga di Elphaba. Si ricorre infatti a più di 60 luci in movimento, fumi colorati ed effetti speciali vari per simulare la presenza del vento. Inoltre, l'attrice che interpreta Elphaba vola sul palco grazie ad un sistema di lancio idraulico.

Il singoloModifica

Idina Menzel, dopo aver ripreso il ruolo di Elphaba nel 2006 a Londra, ha inciso una propria versione del brano, rimasterizzata in chiave pop e lanciata il 1º marzo 2007. In seguito questo singolo entrò a far parte del suo disco “I Stand”. La canzone ottenne un successo straordinario e divenne parte della colonna sonora del Gay Pride del 2007 e del festival di Los Angeles dello stesso anno, apparendo anche nel CD dell'evento.

TracceModifica

U.S. CD singleModifica

  1. "Defying Gravity" (Tracy Young's Flying Monkey's Club Mix) – 8:02
  2. "Defying Gravity" (Eddie Baez Club Mix) – 8:42
  3. "Defying Gravity" (Hani Flying So High Club Mix) – 7:04
  4. "Defying Gravity" (Josh Harris Vocal Club Mix) – 7:16
  5. "Defying Gravity" (Funky Junction & Antony Reale Club Mix) – 6:22
  6. "Defying Gravity" (Single version) – 3:48

Digital singleModifica

  1. "Defying Gravity" (Album version) – 3:46

Digital maxi singleModifica

  1. "Defying Gravity" (Tracy Young's Flying Monkey's Radio Edit) – 3:45
  2. "Defying Gravity" (Eddie Baez Radio Edit) – 4:54
  3. "Defying Gravity" (Funky Junction & Antony Reale Radio Edit) – 4:36
  4. "Defying Gravity" (Hani Flying So High Short Mix) – 4:55
  5. "Defying Gravity" (Josh Harris Radio Edit) – 3:53

Digital maxi single (DJ version)Modifica

  1. "Defying Gravity" (Tracy Young's Flying Monkey's Club Mix) – 8:02
  2. "Defying Gravity" (Eddie Baez Club Mix) – 8:42
  3. "Defying Gravity" (Funky Junction & Antony Reale Club Mix) – 6:22
  4. "Defying Gravity" (Hani Flying So High Club Mix) – 7:04
  5. "Defying Gravity" (Josh Harris Vocal Club Mix) – 7:16

Versioni ufficialiModifica

  • "Defying Gravity" (Album version) – 3:46
  • "Defying Gravity" (Single version) – 3:48
  • "Defying Gravity" (Eddie Baez Club Mix) – 8:42
  • "Defying Gravity" (Eddie Baez Radio Edit) – 4:54
  • "Defying Gravity" (Funky Junction & Antony Reale Club Mix) – 6:22
  • "Defying Gravity" (Funky Junction & Antony Reale Radio Edit) – 4:36
  • "Defying Gravity" (Hani Flying So High Club Mix) – 7:04
  • "Defying Gravity" (Hani Flying So High Short Mix) – 4:55
  • "Defying Gravity" (Josh Harris Vocal Club Mix) – 7:16
  • "Defying Gravity" (Josh Harris Radio Edit) – 3:53
  • "Defying Gravity" (Tracy Young's Flying Monkey's Club Mix) – 8:02
  • "Defying Gravity" (Tracy Young's Flying Monkey's Radio Edit) – 3:45
  • "Defying Gravity" (Live from Soundstage) – 3:56

ClassificheModifica

Classifica (2007) Massima
posizione
Hot Dance Club Play 5

Altre versioniModifica

Esiste anche una versione in lingua tedesca della canzone, intitolata “Frei und schwerelos” (“Libero e senza peso”) incisa il 21 novembre del 2007 dal cast originale di Stoccarda della produzione tedesca del musical, con Willemijn Verkaik nei panni di Elphaba e Lucy Scherer in quelli di Glinda.

Anche il cast di Tokyo ha tradotto ed inciso una nuova versione della canzone, con un titolo traducibile con “Alla ricerca della libertà”; il cast originale comprendeva Megumi Hamada (Elphaba) e Miyuki Numao (Glinda).

Kerry Ellis, che interpretò il ruolo di Elphaba sia a Broadway che nel West End, ha inciso una versione rock della canzone con Brian May nel suo album, pubblicato nel 2008, “Wicked in Rock”. La cantante ha pubblicato un'ulteriore versione del singolo il 20 marzo 2011.

La canzone è stata anche cantata da Lea Michele e Chris Colfer nell'episodio Wheels (in italiano Musica su 2 ruote) della serie televisiva “Glee”. In questa puntata, Rachel e Kurt si contendono il ruolo da solista per cantare il brano, dove alla fine vince Rachel, poiché Kurt, non volendo umiliare suo padre interpretando davanti a un ampio pubblico una canzone femminile, decide di steccare su un FA naturale. La stessa serie televisiva ripresenta la canzone nell'episodio 100 (in italiano Una settimana d'addio) della quinta stagione (in cui, per celebrare il raggiungimento dei 100 episodi, vengono riproposti grandi successi precedentemente cantanti, in chiave diversa). Questa volta la canzone viene interpretata da Kurt Hummel (Chris Colfer), Rachel Berry (Lea Michele) e Mercedes Jones (Amber Riley).

La canzone è stata usata per svegliare gli astronauti a bordo della navetta STS-131 nell'aprile 2010 per l'astronauta Dorothy Metcalf-Lindenburger in previsione dell'attività extraveicolare[2]

NoteModifica

  1. ^ UK Music Charts | The Official UK Top 75 Singles: Week of Mon 26 May - Yahoo! Music UK
  2. ^ STS-131 wakeup calls, su spaceflight1.nasa.gov, NASA (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2016).

Collegamenti esterniModifica