Apri il menu principale

Dibamidae

(Reindirizzamento da Dibamia)

DescrizioneModifica

Le femmine sono del tutto prive di arti mentre nei maschi essi sono ridotti a vestigia prive di funzione ambulatoria. Gli occhi sono anch'essi vestigiali e sono ricoperti da una squama. Le ossa del cranio sono fuse insieme e formano una struttura compatta atta allo scavo.[2]

BiologiaModifica

Sono organismi fossori che vivono nel sottosuolo delle foreste.[2]

TassonomiaModifica

La famiglia comprende due generi:[1]

Distribuzione e habitatModifica

Le specie del genere Dibamus sono diffuse nelle foreste tropicali del sudest asiatico, dell'Indonesia, delle Filippine e della Nuova Guinea. L'unica specie del genere Anelytropsis (A. papillosus) è endemica del Messico.[2]

Per spiegare un tale areale disgiunto sono stati ipotizzati due differenti scenari: una dispersione dal Paleartico al Neartico attraverso lo stretto di Bering avvenuta tra il Paleocene superiore e l'Eocene ovvero una dispersione trans-oceanica attraverso il Pacifico che estenderebbe l'epoca di dispersione al Cretacico superiore.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Taxon: Dibamidae, in The Reptile Database. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  2. ^ a b c (EN) Dibamidae - blind lizards, in Vertebrate Diversity. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) Townsend T.M., Leavitt D.H., Reeder T.W., Intercontinental dispersal by a microendemic burrowing reptile (Dibamidae), in Proc Biol Sci, vol. 278, nº 1718, 2011, pp. 2568-74, DOI:10.1098/rspb.2010.2598.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili