Bernardo Pasotti

pittore italiano
(Reindirizzamento da Dino Pasotti)

Bernardo Pasotti (Milano, 1911Milano, 5 giugno 2003) è stato un pittore italiano.

BiografiaModifica

Studente all'Accademia di Brera, fu allievo di Aldo Carpi e dell'incisore Benvenuto Maria Disertori[1]. Sposò Delia Rossi, anch'ella pittrice e compagna di corsi[2], e visse a Milano fino alla morte, avvenuta nel 2003[1].

Produzione artisticaModifica

Considerato uno dei principali pittori naïf italiani, fu autore principalmente di vedute urbane e di ritratti[1][3].

EsposizioniModifica

Vincitore in giovane età del Premio Stanga per l'incisione, Pasotti fu presente nel 1937 alla «Mostra dei sette di Brera» alla Galleria Pesaro di Milano, dove espose quindici dipinti ed alcune stampe, presentato da Aldo Carpi che scrisse di lui: «Ha una natura un po' inquieta, ma la serenità sovrasta in lui e si accompagna a buona fantasia. È ottimo disegnatore, esperto incisore e, come pittore, con semplici tonalità e semplici impasti caratterizza figure e cose [...] Talora, specie nei ritratti, pur semplificando, analizza e bene intuisce il carattere dei suoi soggetti»[2]. Per l'occasione fu recensito sul Popolo d'Italia[4], su L'Ambrosiano da Carlo Carrà[5] e sul Corriere della Sera da Leonardo Borgese («[Riconoscibile per una] consistente ricerca espressiva e per il sostanzioso realismo dei soggetti valtellinesi»)[6].

Fra le esposizioni personali si ricordano quella del 1953 alla Galleria del Cavallino di Venezia, presentato in catalogo da Raffaele Carrieri[7], e quella del 1964 alla Galleria del Naviglio di Milano[8].

Nel 1999 fu presente ad un'esposizione collettiva a Lodi, insieme ad opere di alcuni fra i più importanti autori del '900 lombardo[9].

NoteModifica

  1. ^ a b c Artisti: È morto Bernardo Pasotti, naïf e paesaggista, in Adnkronos, 5 giugno 2003. URL consultato il 7 luglio 2014.
  2. ^ a b Aldo Carpi, Mostra personale dei pittori Umberto Rognoni, Delia Rossi Pasotti, Carlo Martini, Raffaele Albertella, Dino Pasotti, Leo Spaventa Filippi, Amedeo Angilella, Milano, 1937.
  3. ^ Addio a Bernardo Pasotti virtuoso della pittura naïf, in Corriere della Sera, 6 giugno 2003. URL consultato il 7 luglio 2014 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ S.a., Le mostre d'arte a Milano. Sette giovani, in Il Popolo d'Italia.
  5. ^ Carlo Carrà, Mostre d'arte. Sette giovani alla Pesaro, in L'Ambrosiano, 31 dicembre 1937.
  6. ^ Leonardo Borgese, Le mostre d'arte a Milano. Sette giovani pittori, in Corriere della Sera, 25 dicembre 1937.
  7. ^ Esposizioni del Cavallino, su http://www.edcavallino.it/. URL consultato il 7 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  8. ^ Bernardo Pasotti (PDF), su http://www.mart.trento.it/. URL consultato il 7 luglio 2014.
  9. ^ Scheda evento esterno, su http://www.ponterosso.com/. URL consultato il 7 luglio 2014.
Controllo di autoritàVIAF (EN261230057 · ULAN (EN500068501