Apri il menu principale

Diocesi di Caozhou

Diocesi di Caozhou
Dioecesis Zaoceuvensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Jinan
Sede vacante
Sacerdoti 49 di cui 12 secolari e 37 regolari
1.510 battezzati per sacerdote
Religiosi 49 donne
Abitanti 4.000.000
Battezzati 74.013 (1,9% del totale)
Superficie 13.000 km² in Cina
Erezione 12 novembre 1934
Rito romano
Indirizzo Catholic Mission, Bishop's House, Heze, Shandong, China
Dati dall'Annuario pontificio 2002 riferiti al 1950 (ch · gc?)
Chiesa cattolica in Cina

La diocesi di Caozhou (in latino: Dioecesis Zaoceuvensis) è una sede della Chiesa cattolica in Cina suffraganea dell'arcidiocesi di Jinan. Nel 1950 contava 74.013 battezzati su 4.000.000 di abitanti. La sede è vacante.

TerritorioModifica

La diocesi comprende la città di Heze, detta anticamente Caozhou, nella provincia cinese di Shandong.

Fino al 2001 era aperta al culto una sola chiesa in tutta la diocesi.

Il 26 novembre 2010 è stata inaugurata la nuova cattedrale dedicata a Cristo Re.[1]

StoriaModifica

Il vicariato apostolico di Caozhoufu (Tsaochowfu) fu eretto il 12 novembre 1934 con la bolla A Romano Pontifice di papa Pio XI, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Yanzhoufu (oggi diocesi di Yanzhou). Esso fu affidato ai missionari della Società del Verbo Divino.

L'11 aprile 1946 il vicariato apostolico è stato elevato a diocesi con la bolla Quotidie Nos di papa Pio XII.

Con la partenza forzata dei missionari nel 1950 e la persecuzione dei preti, i cattolici della diocesi hanno dovuto procedere da soli, con pochi preti clandestini e nessun vescovo. Monsignor Joseph Wang Dianduo, imprigionato a più riprese e dopo essere stato definitivamente liberato nel 1986, è stato ordinato vescovo segretamente l'8 dicembre 1996, e poi, il 1º aprile 2000, ha potuto prendere ufficialmente possesso della diocesi, con l'autorizzazione ed il riconoscimento del governo. È deceduto il 27 luglio 2004. Da allora la diocesi è sede vacante.

Prima della Grande rivoluzione culturale (1966), la diocesi contava ancora una trentina di chiese aperte al culto, andate poi tutte distrutte. Solo nel 2001 è stata riaperta al culto una chiesa, l'unica della diocesi.[2]

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Franz Hoowaarts † (12 novembre 1934 - 24 marzo 1954 deceduto)
    • Sede vacante
    • Charles Li Ming-yue † (1º giugno 1958 consacrato - 1970 ? deceduto) (vescovo ufficiale)
    • Joseph Wang Dianduo, O.A.R. † (28 dicembre 1996 consacrato - 27 luglio 2004 deceduto) (vescovo clandestino)

StatisticheModifica

La diocesi nel 1950 su una popolazione di 4.000.000 di persone contava 74.013 battezzati, corrispondenti all'1,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 74.013 4.000.000 1,9 49 12 37 1.510 49

NoteModifica

  1. ^ Agenzia Fides[collegamento interrotto].
  2. ^ Apertura al pubblico della chiesa e Agenzia Fides, in eglasie.mepasie.org. Decesso del presule in.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi