Disteismo

Disteismo (dal greco δυσ- dys-, "cattivo" e θεός theos, "Dio") è la convinzione che un Dio non è del tutto buono ed è forse malevolo. Le definizioni del termine variano alquanto, con un autore che lo definisce come "dove Dio decide di diventare malevolo".[1] L'ampio tema del disteismo esiste da millenni, come dimostrato da divinità malevole che si trovano nei sistemi di credenze politeiste e dalla vista di altre rappresentazioni di esseri supremi (come quelli delle religioni abramitiche, in particolare l'Antico Testamento), rappresentati come iracondi, vendicativi e punitivi.

NoteModifica

  1. ^ Dirk J. Human, Psalmody and Poetry in Old Testament Ethics, Bloomsbury Publishing USA, 2012, p. 25.

Voci correlateModifica

  Portale Religione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religione