Apri il menu principale

Donato Bendicenti

avvocato e partigiano italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornalista italiano, vedi Donato Bendicenti (giornalista).

Donato Bendicenti (Rogliano, 18 ottobre 1907Roma, 24 marzo 1944) è stato un avvocato e partigiano italiano, vittima dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, medaglia d'argento al valor militare alla memoria.

Indice

BiografiaModifica

Calabrese di nascita, si trasferì a Roma per motivi di studio. Laureatosi in giurisprudenza, rimase nella Capitale per esercitare la professione di avvocato. Successivamente sposò Elisa Tedeschi e si iscrisse al Partito comunista clandestino[1].

Dopo l'8 settembre 1943 entrò nella Resistenza come partigiano della "Banda del Trionfale" e membro del Comitato forense d'agitazione. In tale veste mise a disposizione la sua casa per le riunioni del PCI clandestino[1].

Il 3 marzo 1944 fu arrestato mentre usciva dalla sua abitazione dove, da alcuni minuti, era terminata una riunione della Direzione del PCI[1]. Seviziato per ventuno giorni, non riuscirono a fargli confessare nulla della sua attività clandestina. Consegnato alle SS di Herbert Kappler, il 24 marzo successivo venne fucilato alle Fosse Ardeatine.

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'Argento al valor militare
«Subito dopo l'armistizio, con fedeltà e con decisione, si prodigava nella lotta di liberazione distinguendosi come protagonista attivo ed ardimentoso. Caduto in mani nemiche e lungamente interrogato, nulla rivelava. Sacrificato alla rappresaglia tedesca, cadeva per gli ideali di libertà di Patria che aveva sempre nobilmente servito»
— Fronte Militare della Resistenza - Fosse Ardeatine, settembre 1943-24 marzo 1944.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica