Economia di guerra

Poster tedesco del periodo bellico che incita al risparmio del sapone - Kriegsausschuss für Öle und Fette, 1915

L’economia di guerra sono le azioni intraprese da uno Stato per mobilitare la sua economia nella produzione durante il periodo bellico. Philippe Le Billon descrive così l'economia di guerra:

«system of producing, mobilizing and allocating resources to sustain the violence»

«sistema di produzione, mobilitazione e allocazione di risorse per sostenere la violenza»

Le misure includono l'aumento delle valori di Taylor così come l'introduzione di programmi di allocazione delle risorse.

Alcuni Stati aumentano i livelli di pianificazione nella loro economia durante la guerra; in tanti casi ciò significa razionamento, e in alcuni coscrizione per la difesa civile, come Women's Land Army e Bevin Boys nel Regno Unito durante la seconda guerra mondiale.

Durante situazioni da guerra totale, alcuni edifici e postazioni sono ritenuti obiettivi strategici. Ad esempio il generale William Tecumseh Sherman durante la sua omonima marcia verso il mare durante la guerra civile americana e i bombardamenti strategici durante la seconda guerra mondiale, sono esempi di guerra totale.[1]

Riguardo la domanda aggregata, questo concetto è stato legato al "Keynesismo militare", dove il budget di difesa di un Governo stabilizza il ciclo economico e le fluttuazioni, usato anche per la recessione.

Dal lato dell'offerta, è dimostrato che in alcuni periodi bellici c'è una accelerazione del progresso tecnologico che rende forte la società al termine del conflitto, se non vi è stata distruzione estesa causa la guerra stessa. Questo è il caso degli USA nella prima e seconda guerra mondiale. Alcuni economisti come Seymour Melman argomentano che può anche risultare controproducente il dispendio di risorse a discapito di ricerca e sviluppo tecnologico in ambito civile.

La guerra è spesso usata preventivamente contro il deterioramento di una situazione da crisi monetaria, in particolare espandendo servizi e impiego in ambito militare, e contemporaneamente depopolando segmenti della società liberando risorse e attuando un riordino sociale e economico.

Nella prima guerra mondialeModifica

 
U.S. Food Administration, poster educativo

U.S.A.Modifica

Nella mobilitazione durante la prima guerra mondiale gli Stati Uniti d'America crearono il War Industries Board (WIB) per aiutare la produzione militare.[2] Altri organi governativi come il Federal Fuel Administration, introdussero risparmi di tempo per il rifornimento di carbone e petrolio mentre il United States Food Administration incoraggiò la produzione di grano “mobilized a spirit of self-sacrifice rather than mandatory rationing.”[2] La propaganda iniziò a persuadere le persone a pagare tasse e conservare cibo. I discorsi dei Four Minute Men, volontari nella pubblica massa, permisero di arruolare migliaia di persone nelle forze armate.[3]

GermaniaModifica

Nella prima guerra mondiale la Germania ebbe carenza nel settore agricolo. Non solo molti agricoltori vennero arruolati ma anche la richiesta di cibo da parte delle truppe al fronte era notevole.[4] le autorità tedesche ebbero estrema difficoltà a risolvere la richiesta di cibo e introdussero un razionamento e un calmiere dei prezzi.[4]

Nella seconda guerra mondialeModifica

U.S.A.Modifica

Nella seconda guerra mondiale gli USA vennero costretti a una economia di guerra dopo l'attacco di Pearl Harbor giapponese. Dopo l'evento il Governo di Washington capì che si rendeva necessario una notevole burocratizzazione per la mobilitazione.[5] Il Governo aumentò le tasse e emise denaro sotto forma di "war bond" per coprire il bilancio, nella misura della metà.[2] “Commercial institutions like banks also bought billions of dollars of bonds and other treasury paper, holding more than $24 billion at the war’s end."[5] The creation of a handful of agencies helped funnel resources towards the war effort. One prominent agency was the War Production Board (WPB), which “awarded defense contracts, allocated scarce resources – such as rubber, copper, and oil – for military uses, and persuaded businesses to convert to military production."[2] Due terzi della economia degli Stati Uniti d'America venne occupata dallo sforzo bellico al 1943.[2] Questo anche dal fatto che vennero aiutati gli Alleati della seconda guerra mondiale.

GermaniaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Germania nazista.

La seconda guerra mondiale iniziò dal fatto che il Nazismo introdusse una nuova politica di riarmo in violazione del Trattato di Versailles (1919). Il Terzo Reich implementò una espansione militare aumentando il numero di fabbriche. Questo permise di ridurre la disoccupazione creatasi dopo la prima guerra mondiale.[6] Di conseguenza si ebbe l'aumento del debito pubblico oltre i 40 miliardi di Reichsmark.[6] Dopo la fine della guerra si ebbe, secondo Boldorf e Scherner, l'esplosione dell'economia francese.”[7] Questo dato è supportato dal fatto che la Francia fornì con la sua economia l'11% del PIL della Germania nazista, durante l'occupazione, coprendo il bilancio tedesco per cinque mesi. Durante l'occupazione il Governo francese pagò 20 milioni di Reichmark al giorno.[7]

NoteModifica

  1. ^ Robert B. Durham, Supplying the Enemy: The Modern Arms Industry & the Military–Industrial Complex, Lulu.com, 2015, p. 192, ISBN 978-1-329-06755-4.
  2. ^ a b c d e James A., Rebecca, Robert O. Henretta, Edwards, Self, America's History, New York, Bedford/St. Martin's, 2011, pp. 672+.
  3. ^ George Creel, How We Advertised America: The First Telling of the Amazing Story of the Committee on Public Information That Carried the Gospel of Americanism to Every Corner of the Globe, New York, Harper and Bros., 1920, pp. 84–88, 90–92.
  4. ^ a b Matthias Blum, Government Decisions Before and During the First World War and the Living Standards in Germany During a Drastic Natural Experiment, in Explorations in Economic History, vol. 48, n. 4, December 2011, pp. 556–567, DOI:10.1016/j.eeh.2011.07.003.
  5. ^ a b Christopher Tassava, The American Economy During World War II, in EH.net. URL consultato il 4 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2013).
  6. ^ a b Chris Trueman, The Nazis and the German Economy, in History Learning Site, HistoryLearningSite.co.uk. URL consultato il 18 aprile 2012.
  7. ^ a b Marcel Boldorf e Jonas Scherner, France's Occupation Costs and the War in the East: The Contribution to the German War Economy, 1940-4, in Journal of Contemporary History, vol. 47, n. 2, April 2012, pp. 291–316, DOI:10.1177/0022009411431711.

BibliografiaModifica

  • (EN) Susan Moeller, Compassion Fatigue, New York & London: Routledge. 6 - 53, 1999.
  • (EN) Joshua S. Goldstein, War and gender: How gender shapes the war system and vice versa, Cambridge, Cambridge University Press, 2001.
  • (EN) Philippe Le Billon, Geopolitics of Resource War, London, Frank Cass, 2005.
  • (EN) Giuseppe Gagliano, Economic War, Modern Diplomacy, 2017.
  • (DE) Manfried Rauchensteiner, Der Erste Weltkrieg und das Ende der Habsburgermonarchie 1914-1918, Wien, Böhlau Verlag, 2013, ISBN 978-3-205-78283-4.
  • (EN) Peter Liberman, Does Conquest Pay? The Exploitation of Occupied Industrial Societies, Princeton, Princeton University Press, 2011, ISBN 978-0-691-00242-2. http://books.google.com/books?id=.
  • (DE) Michael Weise, Gewaltprofis und Kriegsprofiteure. Kroatische Söldner als Gewaltunternehmer im Dreißigjährigen Krieg, Geschichte in Wissenschaft und Unterricht, 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4134037-1