Effetto collaterale (medicina)

effetto non previsto o non desiderato legato all'azione farmacologica di una sostanza terapeutica
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Effetto collaterale (medicina)
Classificazione e risorse esterne (EN)

Effetto collaterale, in medicina e in farmacologia, indica genericamente qualsiasi effetto non previsto o non desiderato (non necessariamente nocivo) legato all'azione farmacologica di una sostanza terapeutica.[1][2]. Spesso tali effetti sono illustrati nel rispettivo foglietto illustrativo.

Indice

Utilizzo del termineModifica

Secondo alcuni autori, il termine "effetto collaterale" non andrebbe utilizzato per descrivere gli effetti tossici di un farmaco, in quanto potrebbe indurre a ritenere erroneamente che gli effetti descritti siano minimali o che avvengano necessariamente attraverso vie alternative al normale meccanismo d'azione del farmaco.[3]

Effetto collaterale e reazione avversaModifica

Spesso, nell'uso comune, tale concetto viene confuso con quello di reazione avversa a farmaco (effetto dannoso e non voluto legato all'azione del farmaco) o di evento avverso, ovvero qualsiasi fenomeno patologico che abbia un nesso temporale, ma non necessariamente causale, con la somministrazione del farmaco.

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina