Eiaculazione precoce

difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Eiaculazione precoce
Specialitàpsichiatria
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD061686
MedlinePlus001524
eMedicine435884
Sinonimi
Precocità Eiaculatoria
ejaculatio praecox

L'eiaculazione precoce (in latino ejaculatio praecox) può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione.

Indice

EpidemiologiaModifica

È considerata la disfunzione sessuale maschile più diffusa, anche se una quantificazione precisa della sua incidenza risulta estremamente difficoltosa, a causa delle sua definizione non univoca. Secondo alcuni dati riferiti alla popolazione maschile statunitense sotto i quarant'anni, dal 30% al 70% degli individui avrebbero sofferto di eiaculazione precoce in qualche forma e in qualche caso[1]. La maggior parte degli studi effettuati assegna alla disfunzione una percentuale di incidenza che va dal 20% al 30%, anche se, secondo alcuni studiosi, questi dati sono sottostimati, vista la bassa percentuale di uomini che si presentano ai centri medici per chiedere un trattamento.[2]

ClassificazioneModifica

Viene distinta in primaria o secondaria rispettivamente se si è manifestata fin dall'inizio dell'attività sessuale del soggetto o se è intervenuta in un secondo momento, dopo un periodo di attività sessuale soddisfacente.

Si parla inoltre di disturbo generalizzato o situazionale a seconda che sia sempre presente nell'attività sessuale dell'uomo o soltanto per determinate situazioni, attività o partner.[3]

Diverse definizioni diagnosticheModifica

Secondo una prima definizione proposta da Masters & Johnson un uomo soffre di eiaculazione precoce se eiacula prima che il partner raggiunga l'orgasmo in più della metà dei rapporti sessuali.[4]

Nei successivi sviluppi scientifici della sessuologia, a questa definizione si sono susseguite altre interpretazioni del fenomeno che correlano la precocità dell'eiaculazione alla durata del rapporto sessuale, al numero di spinte coitali, alla percezione di controllo sull'eiaculazione, alla soddisfazione del partner e della coppia.

Una definizione diagnostica che utilizzi quale parametro di riferimento il raggiungimento dell'orgasmo del partner deve valutare l'eventuale presenza di una parallela disfunzione femminile dell'orgasmo che ne ritarda o ne rende impossibile il raggiungimento e che potrebbe rappresentare la reale difficoltà della coppia.

Recentemente, secondo i principi dell'evidence-based medicine, è stato proposto un modello interpretativo focalizzato sul tempo di latenza eiaculatoria intravaginale (IELT); si ritiene così di poter definire come affetto da eiaculazione precoce colui il quale eiacula, mediamente, in un tempo inferiore al minuto rispetto all'inizio della penetrazione.[5] Appare tuttavia evidente come tale modello non sia sufficiente a contenere i numerosi casi di insoddisfazione di coppia associati ad una tempistica superiore al minuto ma ritenuta inadeguata dall'uomo e dalla partner.

Attualmente la definizione diagnostica maggiormente sostenuta dalla sessuologia scientifica si centra sulla carente percezione e possibilità di controllo dell'individuo con eiaculazione precoce sui tempi del processo di eccitazione sessuale e quindi sul raggiungimento della soglia psicofisiologica di attivazione del riflesso eiaculatorio. A tale condizione deve associarsi l'insoddisfazione e il disagio soggettivo dell'uomo e/o della partner per potersi correttamente configurare una diagnosi di eiaculazione precoce.[6][7]

EziologiaModifica

Le cause dell'eiaculazione precoce possono essere di tipo organico o di tipo psicologico ed emotivo, riguardando la storia e le caratteristiche individuali e in alcuni casi le dinamiche relazionali della coppia.

Le cause organiche possono essere riferite ad ipersensibilità del glande, eventualmente accentuata da anomalie anatomiche esterne come la fimosi e il frenulo del pene corto, oppure a processi infiammatori come prostatite e vescicolite.[8]

In altri casi l'origine è di tipo psicologico e riguarda spesso un'errata abitudine psicofisiologica acquisita attraverso un'attività autoerotica condotta con fretta e frenesia nell'epoca adolescenziale, spesso per via di sensi di colpa latenti o della necessità di celare tale pratica agli adulti.[7]

Alla difficoltà nel controllo dell'eiaculazione può inoltre contribuire il fenomeno dell'ansia da prestazione e una difficoltà più generale a gestire ed esprimere le emozioni.[9]

TrattamentoModifica

Il trattamento elettivo è quello psicosessuologico che consente lo sviluppo di una maggiore competenza nel gestire i tempi dell'orgasmo attraverso esercizi progressivi come quelli di Kegel e di "stop and start", tecniche di rilassamento e di consapevolezza corporea e altri strumenti psicoterapeutici all'interno di un percorso strutturato e personalizzato con il supporto di uno psicologo-sessuologo.[6] Questi trattamenti generalmente risolvono il problema nella maggioranza dei casi.

Solo nei casi non responsivi al trattamento psicosessuologico e che comportano notevole stress per il paziente, si può ricorrere alla terapia farmacologica. I trattamenti farmacologici possono essere anche molto efficaci ma non offrono una soluzione definitiva e devono perciò essere somministrati o cronicamente o in alcuni casi al momento del rapporto. Questi prevedono l'uso di anestetici locali (come quelli a base di lidocaina), farmaci che agiscono a livello centrale come gli SSRI in particolare la Dapoxetina (approvata specificatamente per il trattamento di questo disturbo) e la paroxetina, la clomipramina e la sulpiride[10] (utilizzati comunemente come antidepressivi) e gli inibitori PDE5, come il sildenafil.[11]

In particolare gli SSRI possono agevolmente aumentare la durata del rapporto di 6-20 volte, anche a seguito di una singola somministrazione, tuttavia la loro efficacia tende ad aumentare a seguito di somministrazione cronica. Questi effetti sul prolungamento dei tempi per raggiungere l'eiaculazione tendono inoltre a mantenersi nel tempo anche dopo la sospensione del farmaco.[12]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Scheda su Medscape, su emedicine.medscape.com. URL consultato il 17 settembre 2015.
  2. ^ (EN) An Update of the International Society of Sexual Medicine's Guidelines for the Diagnosis and Treatment of Premature Ejaculation (PE), Sexual Medicine, Volume 2, Issue 2, pages 60–90, June 2014
  3. ^ Abraham G, Pasini W Introduzione alla Sessuologia Medica, 1975, Milano, Feltrinelli.
  4. ^ Masters W, Johnson V E Patologia e Terapia del Rapporto Coniugale, 1970, Milano, Feltrinelli.
  5. ^ Marcel Waldinger, Quinn P, Dilleen M, Mundayat R, Schweitzer DH, Boolell M, A multinational population survey of intravaginal ejaculation latency time, in The journal of sexual medicine, vol. 2, nº 4, 2005, pp. 492–7, DOI:10.1111/j.1743-6109.2005.00070.x, PMID 16422843.
  6. ^ a b Kaplan H S Le Nuove Terapie Sessuali, 1974, Milano., Bompiani.
  7. ^ a b Simonelli C (a cura di) Diagnosi e trattamento delle Disfunzioni Sessuali, 2000, Milano., Franco Angeli.
  8. ^ Jannini E A, Lenzi A, Maggi M A Sessuologia medica. Trattato di psicosessuologia e medicina della sessualità, 2007, Milano., Elsevier.
  9. ^ Daniele Bonanno, Michetti Paolo Maria, Rossi Roberta, Simonelli Chiara, Regulation of emotions, alexithymia and male sexual well-being, in Sexologies, vol. 17, nº 1, 2008, pp. S116-S117. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  10. ^ Syed Javid Hussain, Atif Hameed e Hassan Shahzad Nazar, Levosulpiride in premature ejaculation, in Journal of Ayub Medical College, Abbottabad: JAMC, vol. 22, nº 4, October 2010, pp. 124–126. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  11. ^ Katy Cooper, Marrissa Martyn-St James e Eva Kaltenthaler, Interventions to treat premature ejaculation: a systematic review short report, in Health Technology Assessment (Winchester, England), vol. 19, nº 21, March 2015, pp. 1–180, v–vi, DOI:10.3310/hta19210. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  12. ^ (EN) M. R. Safarinejad e S. Y. Hosseini, Safety and efficacy of citalopram in the treatment of premature ejaculation: a double-blind placebo-controlled, fixed dose, randomized study, in International Journal of Impotence Research, vol. 18, nº 2, 18 agosto 2005, pp. 164–169, DOI:10.1038/sj.ijir.3901384. URL consultato il 28 ottobre 2017.

BibliografiaModifica

  • M.E. Metz & B.W. McCarthy. Superare l'eiaculazione precoce. Il metodo più recente ed efficace per migliorare la propria soddisfazione sessuale. Firenze, Eclipsi. ISBN 88-89627-00-X.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND: (DE4320625-6
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina