Elasticità (dipinto)

Quadro di Umberto Boccioni
Elasticità
Umberto Boccioni, 1912, Elasticity (Elasticità), oil on canvas, 100 x 100 cm, Museo del Novecento.jpg
AutoreUmberto Boccioni
Data1912
Tecnicaolio su tela
UbicazioneMilano

L'Elasticità é un olio su tela di 1 M per 1 m realizzato nel 1912 da Umberto Boccioni, è attualmente

conservato al Museo del 900 Di Milano.

L’opera rappresenta un uomo che cavalca a folle velocità in un paesaggio industriale.

Non c’è nulla di immobile nella nostra moderna intuizione della vita. Afferma l’autore ed effettivamente nulla è statico in questo dipinto.

Le forme si espandono, vi sono vortici di linee. Gli oggetti si sdoppiano e si moltiplicano.

Non è semplice distinguere cavallo, cavalieri e architetture industriali. Sullo sfondo, soggetto e paesaggio si compenetrano. Nella velocità frammenti dell’uno scivolano nell’altro e viceversa.

Vi è un certo grado di astrazione, ma questa non si compie totalmente e le figure rimangono in qualche modo riconoscibili. Sullo sfondo predominano gli elementi artificiali, caratterizzati da linee rette e spezzate, tralicci, ciminiere fumanti e altri edifici atti a ribadire l’entusiasmo per la modernità e lo sviluppo industriale propri del futurismo. Luci e colori sono gli elementi fondamentali per creare la sintesi fra soggetto e ambiente. I toni azzurri e verdi dello sfondo penetrano cavallo e Cavaliere. Mentre gli zoccoli del cavallo sollevano i toni ocra della strada a formare vortici che si propagano tutto intorno, creando infinite sfaccettature. Sicuramente i futuristi erano a conoscenza delle sperimentazioni dei pittori cubisti e del loro modo di scomporre la materia, ma Boccioni non è alla ricerca di un metodo per interpretare la realtà: egli è interessato piuttosto a una ricerca emotiva, a trasmettere stati d’animo plastici.

BibliografiaModifica

Museo del Novecento. La collezione, Electa, 2010.

  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte